Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
a cura de Mario Klein

Parole drio man

Vocabolarieto vŔneto

Parole cavÓ fora da le pÓgine de sto mese, con zona de proveniensa, definission in italian e qualche modo de dire.

ABREVIASSION = ABBREVIAZIONI
a/ = alto
b/ = basso
bl. = dialetto bellunese
ch. = dialetto chioggiotto
m/ = medio
mar. = dialetto maranese
piov. = dialetto zona piovese

pd. = dialetto padovano
pl. = al plurale
pol. = dialetto polesano
rust. = dialetto rustico
ro. = dialetto rodigino
ts. = dialetto triestino
tv. = dialetto trevigiano
v. = vedi
ve. = dialetto veneziano
vi. = dialetto vicentino
vr. = dialetto veronese
senza sigla = parola usata in diverse zone



B

babÓu (ts.) = spauracchio.
bado (a-) (vr.) = ascolto; dar a bado: dar ascolto.
balastrˇn (ch.) = cestone di vimini in uso nelle valli da pesca.
batelÓnte (ch.) = battelliere.
bŔtola (pd.) = osteria stagionale di basso rango, di solito utilizzata per la vendita domestica del vino di propria produzione.
bidˇn = truffa, imbroglio; ciapare un bidon: restare imbrogliato; fare un bidon a qualchedun: truffare qualcuno.
bissÓndola (vr.) = lucertola.
b˛ssa (pd.) = bottiglia.
brag˛gna (ch.) = barca per la pesca in laguna.
brŔdene (mar.) = (pl.) redini.
bronziŔro (pol.) = gran quantitÓ di braci.

C

cÓbala (ve.) = raggiro, inganno.
calsa (ch.) = calza; calse de rassa: calze di lana grezza rinforzate con il panno.
capˇn (tv.) = cappone.
caponŔra (tv.) = gabbia per polli; stia.
cap˛to (ch.) = pastrano; capoto de Salonicio: cappotto di stoffa grezza e pesante, usato dai pescatori dell'area dell'Egeo.
caranpÓna (b/pd.) = vecchia mal ridotta, piena di acciacchi.
cavacamýsa = gioco con le carte nel quale chi perde rimane senza alcuna carta e chi vince con tutte.
clÓnfa (ts.) = ferro da cavallo.
coc˛ (pol.) = uovo; chiacchiera; illazione; far nÓssare coc˛: dar adito a chiacchiere malevole.
cˇfa (ch.) = cesta di vimini.
conc˛l (bl.) = porca, spazio tra solco e solco; pl. concˇi.
conpanadegÓre (pd.) = fungere da companatico; distribuire bene il companatico durante il pasto per non esaurirlo prima d'avere finito il pane o la polenta.
cormŔlo (pd.) = paracarro.
cristianýn (b/pol.) = odore della pelle trasmesso agli indumenti (che, cosý, rilasciano uno sgradevole odore).
cruziÓr (b/vr.) = tormentare.

D

derenÓre (pol.) = sfinire; sfibrare; spossare; derenarse: affannarsi, sfibrarsi.
desfigurýo (b/pd.) = stravolto.

F

fand˛gna (b/pd.) = fandonia; bugia; frottola.
foghŔro (ch.) = focolare.
frajˇn (pd.) = compagnone.
frascÓr (tv.) = raspare (dei polli).
fricand˛ (pd.) = intingolo; manicaretto.
fulimiero (a/vi.) = tritume di fieno.
fumegÓo (ch.) = annerito.

G

gÓja (vi.) = grembo.
gal˛sso (tv.) = cappone mancato, a causa di un'operazione mal riuscita.
giassÓra (a/vi.) = ghiacciaia; stanza molto fredda; ambiente per la conservazione dei cibi, che, in zona collinare, si otteneva scavando una buca circolare sul terreno, profonda circa 5 metri e con un diametro di 4-5 metri, rivestita di un muretto interno che si ergeva per un paio di metri fuori del terreno, riempita di neve pressata (pestata) e ricoperta da uno strato di foglie di faggio (fungenti da isolante) oppure di pezzi di ghiaccio qui trasferiti: il tutto ricoperto poi da terra posta a mo' di collinetta e con una porta di accesso; in pianura la giassara o giazara si ricavava all'interno di una collinetta alta 4-5 metri, situata in un luogo pubblico o in un'area privata, rivestita di vegetazione sempreverde, con all'interno accatastato il ghiaccio prelevato dai fossi e dai canali.
giavÓsco (b/vr.) = cespuglio.
graýzo (b/pd.) = impasto di paglia e fango (terra argillosa) per costruire casoni, capanni e abitazioni.
gratatŔra (rust./pd.) = cosý veniva chiamato il casone o una abitazione molto piccola e ad un solo piano.
gustýn (vr.) = sapore, gusto; saporino.

I

incocalire (ve.) = stupire, sbalordire; confondere.
infrinciÓr (vr.) = conficcare; infilzare.
ingi¨to (pol.) = stecchito; magro ingiuto: rinsecchito, estremamente magro.
inpacÓrse (pol.) = addormentarsi profondamente.
inpissÓo (ch.) = acceso.
ins¨ma (b/pol.) = insomma.
intrigÓmi (tv.) = (pl.) visceri (che vengono tolti dal corpo dei polli od altri animali da cortile).

O

olŔga (b/pd.) = chiazza.
ˇnbra (pd.) = ombra; piccola quantitÓ; bicchiere di vino.
osŔla (mar.) = osella (dal venez. osel, uccello), medaglia veneziana d'argento del valore iniziale di lire 3 e soldi 18 Veneti, creata in sostituzione di un precedente donativo di 5 anitre selvatiche, coniata con carattere commemorativo e inviata dal doge ai membri della nobiltÓ veneziana, i patrizi che avevano voto nel Maggior Consiglio, ogni anno nel mese di dicembre, il giorno di S. Barbara; Ŕ divenuta moneta dal 1521, sotto il doge Antonio Grimani, del valore di 1/4 di ducato o 31 soldi, pari a 1/2 Redonda (moneta veneziana del valore di 1 lira d'oro, cioŔ 64 Veneti).
ostarýa (pd.) = osteria, bottega del vino.

P

pÓciara (pol.) = pozzanghera.
pÓciola (pd.) = chiacchiera che non ha alcun scopo se non quello di fare pettegolezzo.
pantÓsso (pd.) = intestino.
pÚgro (vr.) = pigro.
pŔra (a/pd.) = dubbio, sospetto; indizio; sensazione.
pissat˛jo (b/vr.) = orinatoio.
pissolÓre (b/vr.) = gocciolare; emettere un filo d'acqua.
pistÓre (pol.) = pestare.
pizeg˛to (b/pd.) = becchino.
p˛lgia (b/pd.) = piccolo bottone di metallo.
prÚsto (vr.) = prestito; in presto: a prestito.

S

sar¨ca (pd.) = manaccia.
sbanpolÓre (ch.) = oscillare; svampare; tremolare.
sbÓro (pol.) = pesce persico sole.
sbiÓo (vr.) = sbiadito, stinto.
sbrÚga (pd.) = scheggia; parte.
scanaf˛sso (pol.) = fossato di scolo delle acque in eccesso di un altro fosso o corso d'acqua; grossa buca sul manto stradale o solco lasciato dalle ruote del carro sulla strada fangosa.
scapÓ (vr.) = ristretto; calato; to fiol el va in giro co le majete scapŔ: tuo figlio va in giro con le magliette ristrette, accorciate.
scÓt (bl.) = stoppia.
s-ciavo (pol.) = scarafaggio.
scresÚnda (pd.) = piccola scheggia (di legno).
sÚngalo (vr.) = zingaro.
sentÓo (ch.) = seduto.
seragiÓnte (ch.) = addetto alla pesca nella serÓgia, luogo cinto da reti o da graticci nelle valli da pesca.
sŔrpa (vr.) = sedile del vetturino; montar in serpa: salire a cassetta.
sÚsa (vr.) = siepe.
sgolmarýn (b/vr.) = rosmarino.
sgonfo (vr.) = gonfio.
sgorbazÓ (b/pd.) = mal conciato; sfibrato.
slontanÓrse (ts.) = allontanarsi.
smeolÓre (a/vi.) = miagolare; lamentarsi (di animali).
sm˛nica (rust./b/pd.) = fisarmonica.
soÓlfa (pol.) = donna accorta; donnaccia.
spÓga (pd.) = paura.
spessegÓre (pd.) = affrettarsi; essere frequente.
sprissÚto (pd.) = bevanda di vino, acqua minerale (seltz), buccia di limone e, a piacimento, altri ingredienti a piccole dosi.
spunciˇn (pd.) = puntura (di insetto, d'ago, di spina, di qualcosa di appuntito); spiedino che si consuma al banco nelle osterie, fatto di pezzetti di formaggio, salame, sottaceti...
spuntýn (pd.) = assaggio di cibi; dÓi che femo un spuntin: vieni che mangiamo qualcosa.
stÓnzia (ts.) = podere; ripostiglio.
stechÚto (vr.) = stuzzicadenti.
strighesso (ve.) = incanto; incantesimo.
strinÓ (b/vr.) = arso.
svÓnpolo (pol.) = svago, divertimento.

T

tÓngaro (pd.) = tanghero; persona grossolana, rustica.
t˛po (ch.) = barca a fondo piatto.
trabuchŔlo (ve.) = inganno; insidia; imbroglio.
tribolÓre (pd.) = tribolare; patire; vivere di stenti; tribolare el franco: vivere in grande miseria, con penuria di soldi.

V

venzemÓre (a/vi.) = vendemmiare.

Z

zoÚta (b/pd.) = civetta.


[torna sopra]

 

Archivio
2022 21 20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro

Dal nùmaro de Novenbre:

Editoriale
Leggi l'articolo Finalmente tuti precisi idŔntici?
Se va in porto el progeto de la clonassion umana, come faremo a distýnguare... Bepi da Toni?
de Mario Klein
 
Provincia de Padova
Leggi l'articolo I trasporti e la Provincia
a cura de Lydia Maggiolo
 
Parole drio man
Leggi l'articolo Vocabolarieto vŔneto
Parole cavÓ fora da le pÓgine de sto mese, con zona de proveniensa, definission in italian e qualche modo de dire.
a cura de Mario Klein
 
Da la Bassa Veronese
Leggi l'articolo Quando par la strada ghe jera le fontanele
de Enzo Coltro