Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
a cura de Angelo Padoan

Robe de Ciósa

I orti de Marina

Quatro Ciàcoe
I veci orti de Marina
Adesso che scomissia la stagion de la spiaggia, tanti foresti, spessialmente padovani, gavarÓ modo de vÚdare i orti de Sottomarina, o mŔgio, i orti de Marina. Prima de quelo che se ciama boom edilizio col conseguente svilupo de Sotomarina, la zona dei orti de Marina se estendeva per circa 650 Ŕtari dal centro abitÓ fin a la sponda sinistra del Brenta. OcupÓ sta zona da i alberghi, i ortolani de Marina xe stÓ costreti a concentrarse ne la zona compresa fra i fiumi Brenta e Ódese, per poco manco de 1.300 Ŕtari. Da diverso tempo la vita de i ortolani xe totalmente cambiÓ in mŔgio, ma nel 1929 in un volumeto de l'Ŕpoca la gera cossý descrita: "Gli stessi orticoltori non vivono presso l'orto, ma in cittÓ e ogni giorno si recano al lavoro con le barche costeggiando la riva orientale del Lusenzo". PassÓ perci˛ l'intiera giornata ne i orti, sti ortolani i tornava a casa la sera formando longhe file de barche cÓreghe de ortagi, e spesso gera le done che remava co i brassi forti e robusti: "Sono le donne - se lŔze sempre nel libreto - che vogano con una forza meravigliosa, mentre i loro uomini si stanno magari sdraiati a fumarsi la pipa o a invocare un sonnellino; e siccome tutte le donne vogano con la stessa lena, sembra una brillante regata..." Elemento caraterýstico de i orti gera (e xe anca adesso) i cosideti casoni, 'na sorta de capane de t˛la e pagia sparsi in mezo ai orti e usÓ per depositare atrŔssi da lavoro e anca come abitassion provisoria per i ortolani.
Come le antiche saline gera divise in fondamenti, cossý i "apessamenti" de i orti gera (e xe anca adesso) divisi in pŔsse o aiole "ridisegnÓ" ogni volta prima de scomissiare 'na nova coltura, larghe da do a tre metri e longhe da i 18 ai 22, intersecÓ da streti str˛soli larghi 25 sentimetri. Durante l'inverno, i ortolani usava riparare le aiole da i venti fredi disponendo le grisi˛le, dete anca "arelle"; anc¨o invesse se usa le sŔre fate co teloni de nylon. Ste "arelle" gera fate da cane da pal¨o unýe una a l'altra e fissÓ fra de lore co la cosideta pavŔra, un'erba secÓ e resistente sostituýa pi tardi da fil de fero; ghe gera i parŔ (quele sistemÓ a nord e pi o meno piegÓ verso sud) e le tressÓ (quele sistemÓ verso est in posission verticale). Le "arelle" gera po' fissÓ a pali deti cordoni. Operassion importante gera la concimassion de le tere (cossý come i ciamava i orti i "marinanti"), che gera fata 'na volta a l'ano co leÓme prodoto o derivÓ da le stale del posto ('na volta se utilizava a sto scopo anca i rifiuti urbani racolti da i stessi ortolani a Ciosa, mescolÓ a pagia e f˛gie de panocia, lassÓ fermentare sul tereno e dopo sparsi su le colture).
I atrŔssi pý usÓ da i ortolani de un tempo gera el rastrelo, la vanga, la pirˇna, la sapa, el baýle, la massa, la cariola e la balistiera ('na spessie de ponte o t˛la adato a fare pression sul tereno dopo avere semenÓ e usÓ anca come passerela tra un fosso e l'altro ne i orti). La vangatura, praticÓ fin ai ¨ltimi ani '50, gera dopo completÓ da l'aratura, fata co i cavÓi. Se procedeva po' dopo a inafiare la tera co aqua piovana, prelevÓ co i seci da grandi buse sýmili a rudimentali pˇssi o da i fossi circostanti; infine la piantagione o seminagione del prodoto.
Questo gera, in estrema sýntesi, el lavoro de i ortolani de Marina de 'na volta, i ortolani de la vecia Sotomarina, quela ben descrita da un poeta dialettale cios˛to, Mario Padoan (1899-1976) ne la poesýa intitolÓ "Sotomarina".

SOTOMARINA
Una strissa de tera piantÓ su la laguna,
Marina se destira come 'na gran signora,
butÓ su la so spiagia, tuta sola.
El vento sbate sora del so viso
brusÓ da la salsedine e dal sole,
lo stesso de la zente che discore,
al modo stesso de le fiole che sui campi
Ó soterÓ la gioia col sudore.
Pi¨ avanti ancora, un str˛solo sul mare
sora le piere bianche del murasso
dove l'onda se desfe e se consuma
andando zo a cascare come un s-ciafo,
butÓndose a morire fra la spiuma.
Mario Padoan

[torna sopra]

 

Archivio
2022 21 20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro

Dal nùmaro de Giugno:

Editoriale
Leggi l'articolo Ciao, Dino!
El 22 de Majo ne ga lassÓ Dino Durante, una de le figure vŔnete pi caraterýstiche, un cultore del dialeto, un sostenitore convinto de la vita, de la pace, de l'amicizia e de la cultura. Lo saludemo, co la speranza de no averlo perso par senpre
de Mario Klein
 
CuriositÓ Padovane
Leggi l'articolo Le "coronare" de Piassa del Santo
de Giulia Miazzo
 
Cultura e Vita (in triestin)
Leggi l'articolo Fiumi e canÓi de Trieste e Padova
de Luigi Perini
 
Robe de Ciósa
Leggi l'articolo I orti de Marina
a cura de Angelo Padoan