Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Luigi Perini

Fameje Vènete (in triestin)

I "Giaba", squasi 'na legenda

Quatro Ciàcoe
Paroni e clienti de "Giaba" davanti a tratorìa
Nel marzo del 1943, l'Ospedal militar de Trieste me ga mandado a Padova al 58 Regg. Fanterìa in Pra de la Vale come soldà sèmplice "meno atto" ai servizi, parché gavevo i "postumi di una sinovite traumatica" a el zenocio e inveze i me ga mandado a la "Compagnia Comando" de el terzo Batalion operativo. Altro che "meno atto": marce, corse, salti mortài (che fazevo co 'na gamba sola). De matina, inquadrài se vigniva fora de la caserma per la porta vizin de le stale, per 'ndar a far esercitazioni a Salboro: in prinzipio qualche caseta e po' campi a drita e a manca. Un zorno la Companìa ga dovesto fermarse prima del ponte parché ghe iera 'rivado al capitano 'na stafeta co un messagio. Dopo el "rompete le righe" se gavemo sparpaiado intorno e, pieni de sede come sempre, semo 'ndadi drento a 'na tratorìa che se ciamava "Da Giaba" e se gavemo ristorado. Anca altre volte fazendo apelo a la bona volontà del sergente, se gavemo fermado là, soratuto al ritorno. Dopo tanti ani go volesto ritrovar sto local, ma no l'isisti più. Alora go zercado de far qualche ricerca e eco qua cosa che son riessido a trovar, parlando co la signora Bianca Borgato.
A la fine de l'Otozento, in te la via Fabrizio d'Acquapendente, da la parte manca vignindo fora de la zità, ghe iera 'na casa de contadini in dove el paron, Bortolo Bettella, impicava 'l frasco per segnalar la vendita del vin. Là su fio Giuseppe versi 'na osterìa; dal su matrimonio co Giuseppina Faggin, nassi nel 1892 Mario, al quale vien drio, ne l'arco de vint'ani, altri oto fradèi, in tuto zinque mas-ci e quatro fèmine.
Quatro Ciàcoe
Bianca Borgato, la prima nevodeta, ciamada "Giabeta" o "Capeona"
Tuti, meno Antonio, el secondo, gaverà fiòi e sti fiòi altri putèi. Da la terzogenita de Giuseppe, Maria, nassi Bianca, la prima nevodeta, cocolada da tuti i zii e le zie e a su volta "zia per antonomasia" de tanti nevodi e pronevodi, che, co i se riunissi i xe più de 60. Bianca la ga volesto vèder ciaro in sta su grande fameja, la quale curava anca i campi che la gaveva intorno e che ogni zorno portava al mercà de la zità le verdure coltivade; pitrice come che la xe, la ga piturado el su àlboro "genealogico".
No se sa né come, né parchè, l'osterìa de campagna, trasformada a un serto punto in tratorìa de zità, parchè Padova scominzia a ingrandirsi, la gabi ciapado el nome de "GIABA". Ben presto vien sistemado el campo de boce, indove se fa anca de i tornèi che atira tanta zente; da Giaba se pol magnar fin a mezanote: la cusina s-ceta, ma bona riciama sportivi, cantanti, atori e i grupi che lavora intorno a la parochia, che intanto se gaveva formado ('desso de la Madona Pelegrina); có se ga de far 'na zena co i amizi o co la fameja se va da Giaba. Po', "urbanizzandosi" la zona, el local se ga sviàdo e el se ga trasformado in "pizzerìa" e po' xe sparida anca quela. Ma el ricordo de le zinque generazioni no 'l xe sparido: morta da qualche ano Gina, l'ùltima de le quatro sorele, resta a tignir vivo el ricordo de la stirpe de i Giaba la za nominada Bianca Borgato, in altri tempi ciamada "Giabeta", che in 'na poesìa scrita in dialeto in ricordo de l'antica fameja, la disi fra l'altro: "La nona in cusina / la gera 'na regina: / sul fogolaro nel calieron / eà mescolava con forsa un bel poenton. / El fogo el 'ndava come un siton /..." A parte el valor comemorativo de sti versi, dovemo dir inveze che Bianca Borgato xe 'na fine pitrice, afermada anca in premi nazionài e internazionài, che la pitura soratuto i fiori, i àrbori, i tramonti, le marine.

[torna sopra]

 

Archivio
2020 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro

Dal nùmaro de Setenbre:

Editoriale
Leggi l'articolo Cossa ghe èntrelo el boaro?
No se capisse parcossa, par fare na canpagna contro l'abandono del can, sia stà necessario ofèndare el boaro
de Mario Klein
 
Devossion popolare
Leggi l'articolo Stabat Mater dolorosa...
de Ugo Suman
 
Fameje Vènete (in triestin)
Leggi l'articolo I "Giaba", squasi 'na legenda
de Luigi Perini
 
Da Vicenza
Leggi l'articolo La "Jana" e i nani de Vila Valmarana
de Ines Scarparolo
 
Dal mondo de la Lìrica (in veronese)
Leggi l'articolo 10° Premio "Giuseppe Lugo"
de Wanda Girardi Castellani