Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Mario Klein

Editoriale

Salvemo la doménega!
Da tanti pùlpiti se sta levando, forte, on zigo de alarme: la doménega la xe deventà on giorno come tuti st'altri; la gente no la va gnanca pi a Messa

Quatro Ciàcoe
Doménega matina, ora de Messa, te on paeseto qualsiasi del nostro Vèneto...
No 'l xe on alarme che riguarda i pochi che ghe crede: la xe na roba che toca da vissin tuti quanti, parché no la xe solo question de Messa; la Messa xe el sìntomo che la socetà xe pericolosamente canbià. La créssita de l'economìa, el benèssare bastanza difuso, on posto de lavoro che, de rife o de rafe, te fa senpre portar casa quatro palanche, la propaganda, soratuto televisiva, che te mostra paradisi de ogni tipo a portata de man: tuto questo te porta a canbiare mentalità, a rajonare difarente, a sentirte pi lìbero, pi indipendente, pi forte, te permete de dire na parola in piaza, anca se el pi de le volte te scapa de le gran trojade...
La Messa de la doménega, el Fioreto, el Rosario, na procession, na funzion religiosa, on incontro de spiritualità, na discussion in fameja, na riflession tra amici su argomenti che no sia calcio, polìtica, sesso, afari, guadagno, divertimento: no le xe pi robe che riguarda la doménega de la nostra socetà moderma. Mi capisso che i tenpi i ga da canbiare: la xe la lege de la vita stessa che lo richiede; capisso che el progresso inpone na trasformazion de usi e costumi, e che le tradizion no le ga da restare in eterno senpre quele.
No se pole pretèndare de fermare el mondo: sarìa assurdo voler ciapare, oncò, na boarìa, tacarla al versoro e nare a le tre de note te i canpi a arare, quando la tènica e el progresso i ga inventà el tratore che te permete de dormire tre ore de pi, de vegner casa da i canpi che el sole xe 'ncora alto, e a la sera te poi canbiarte e nare pa' i fati tui, parché no te te ghè desumanà a ucolare: "àlsia, moraaa..."
'Lora me domando: ma, zinquanta, quaranta, trenta ani fà... jèrimo tuti na smanegà de èbeti, de insemenìi incalmà co l'oco, che de doménega nasìvino a Messa? che có rivava el mese de majo i nostri genitori i ne portava o i ne mandava al Fioreto? che i se interessava parché la doménega no perdéssimo de nare a dotrina? che i ne ricordava de farse on segno de crose e de dire le orazion matina e sera (anca se jèrimo avià verso i trent'ani)? che i ne inculcava te la testa che tuto no pole rivarne dal basso e che calcossa ne riva soratuto da l'alto... se ghe lo domandemo? che de doménega no dovévino fare robe da sporcarse... parché jèrimo vestìi da festa?
Adesso specialmen-te ne le sità, a la doménega, le cese le xe meze vode, a mezogiorno se spranga le porte; e Funzion co i Vespri no xe pi de moda; a dotrina sì e nò qualche dì durante la setimana, se no se coincide co la pissina; al Fioreto ghe va chee quatro bigote co tri putèi che 'ncora no capisse parcossa se ga da ripètare par zinquanta volte la spessa orazion.
E de doménega se fa de tuto, fora che de quelo che rientrarìa nel "giorno del Signore", giorno che no ga solo on fondamento religioso, ma anca morale, sociale e de salute.
"Virtus stat in medio", la virtù la sta nel mezo, recitava na antica sentenza latina, cioè l'ideale tiene le distanze da l'esagerazion.
E go paura, da come sta 'ndando le robe, che la doménega la sia drio nare ramengo e che el nostro el sia propio on tenpo de esagerazion!

[torna sopra]

 

Archivio
2022 21 20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro

Dal nùmaro de Otobre:

Editoriale
Leggi l'articolo Salvemo la doménega!
Da tanti pùlpiti se sta levando, forte, on zigo de alarme: la doménega la xe deventà on giorno come tuti st'altri; la gente no la va gnanca pi a Messa
de Mario Klein
 
Sbiansi de Sagessa Popolare
Leggi l'articolo Spìriti e fantasmi
Da un gelatin veloce, l'ocasion par viajare tra raconti e legende de la tera nostra che parla de
de Dinerio
 
Da Maran Lagunare (UD)
Leggi l'articolo Schei col suòr de la fronte
de Maria Damonte
 
Da Verona
Leggi l'articolo No ghè gnente de mèjo de casa sua
de Giacinta Dall'Ora