Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Maria Damonte

Da Maran Lagunare (UD)

Schei col suòr de la fronte

Quatro Ciàcoe
Dopo che te ga portò i fantulini in Asilo...
Gera el mese de Marso, ma faseva ancora un fredo che no se podeva gnanca mostraghe el muso, e pioveva, pioveva da zurni. Menego el gera avilìo parché pesse de vende par sfamà la fameja no 'l riussiva a ciapàghene, e a casa el veva tre fantulini che a la sera i veva bisogno de senà anca se Beta, so mujer, no la se tireva indrìo nel dasse de fà par provede qualcossa, ma la gera dura. Par fortuna in quel ano i veva verto l'Asilo e le Suore, benedete, a mesozorno le ghe deva senpre el disnà, almanco quel el gera sicuro! Sentò in t'un tavolin de l'ostarìa co un tajo de vin davanti, Menego el risintiva co la mente 'na cansòn che i so fioi i veva inparò a l'Asilo. "Sinti, pupà, che bela cansòn" i ghe veva dito, e sùbito i veva tacò a cantàghela:

Andiamo a tavola
bambini cari,
questa è l'ora
del desinar.
Com'è buona la minestra
che si mangia nell'Asilo:
è contenta la maestra
si incomincia ad assaggiar.
Tutto è buono
tutto mi piace,
quando si desina
in santa pace.
Com'è buona la minestra
che si mangia nell'Asilo:
è contenta la maestra
si incomincia ad assaggiar.
Batti batti musica
ciùmpala larallero,
batti batti musica
ciumpala laralà!

Quatro Ciàcoe
Doman 'ndemo fin a Lignan...
"Bela, bela," el ghe veva dito lu fasendo finta de gesse contento, ma quele parole "Andiamo a tavola, bambini cari, questa è l'ora del desinar..." le ghe gera restàe sul stòmego. Tornando a la realtà de l'ostarìa, quatro de luri che i gera vissin al so tavolin parlando a vose elta i discoreva de tante robe, po' un el se ga messo a dì che a Lignan (Ud) i siuri che i gera in te l'Albergo "tal dei tali", co i 'ndeva fora i butèva i schei par la strada. Sintùa sta notissia Menego el xe 'ndò a casa a la svelta, el vento forte e maleducò el ghe ga risvoltò l'ùnica onbrela che 'l gera paron, la piova la lo ga bagnò come un rasùt, ma che inportansa veva? 'Na niova idea ghe gera balucada in testa, chissà se so mujer la la varissi acetada. A casa, forte e deciso, rivolto verso de ela el ghe ga dito forte: "Beta, doman 'ndemo fin a Lignan co la batela: go sintìo in ostarìa che in t'un Albergo i siuri i buta via i schei par starda." "Orpo, che bel che sarissi" la ghe rispundi ela, "ma chissà quanta zente che ghe 'ndarà drio, e po' chissà se sarà vero." "Vero, o no vero, doman dopo che te ga portò i fantulini in Asilo, fasemo 'na remada fin a Lignan, magari la ne va ben e vignimo a casa co qualchi sena assicurada". Par fortuna xa a bonora i veva visto che 'l tenpo el gera ganbiò, gera vignùo fora un bel sol, el mar el gera calmo, duto favoriva la partensa. Dopo vè portò i fantulini in Asilo, Menego e Beta in batela, i se ga messo a remà più svelti che i podeva. Cò i xe rivài a Lignan, sistemada l'inbarcassion, i se ga aviò verso quel Albergo che come che 'l veva sentìo Menego in ostarìa, el doveva gesse pien de siuri. Inpilotài davanti a la porta i speteva che se averissi la notissia sintùa. Ogni tanto vigniva fora qualchi siòr, o qualchi siora co la sigareta in boca, caminando decisi par i fati sui. Gera forsi luri quìi che i butèva i schei par la strada? Par scoprilo basteva 'naghe drio, e cussì i ga fato, ma schei par tera (almaca quìi là) no i li butèva. Có i xe tornài davanti a la porta de l'Albergo, Menego el gera cussì mortificò che no 'l veva gnanca el corajo de vardà so mujer in viso. Intanto gera vignùi fora 'na copia de spusi che sotobrasso i se ga messo a caminà discorendo tra de luri, Menego e Beta i ghe xe 'ndài drio, ma niente, niente de niente. Che sia stò un buso in te l'aqua sto gesse vignùi a Lignan co la speransa de portà a casa schei sensa fa fadiga? Sol verdàndose, insieme i ga deciso de tornà indrìo. Mentre che i remeva i ga sentìo un certo bulighèo soto aqua e sicome Menego doprando el "bon senso" el se veva portò drio un puchi de selìni, (rete da pesca) dal dito al fato, el ga deciso de calali. Nel ziro de un'ora in te 'l tirali sù, granda xe stada la sorpresa nel trovali piìni de grossi siìvoli. Có i xe rivài a Maran sul molo gera un pessivèndolo che 'l ghe li ga conprài de corsa, pagàndogheli a man.
Menego e Beta, i se ga vardò finalmente in te i oci e sensa parlà i se ga dito: "Altro che i schei de i siuri de Lignan, i schei bisogna vadagnàsseli col suòr de la fronte e col bon pesse de Maran". 'Desso i veva la certessa de vè qualchi sena assicurada par luri, ma soraduto par i so benediti fantulini.

[torna sopra]

 

Archivio
2022 21 20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro

Dal nùmaro de Otobre:

Editoriale
Leggi l'articolo Salvemo la doménega!
Da tanti pùlpiti se sta levando, forte, on zigo de alarme: la doménega la xe deventà on giorno come tuti st'altri; la gente no la va gnanca pi a Messa
de Mario Klein
 
Sbiansi de Sagessa Popolare
Leggi l'articolo Spìriti e fantasmi
Da un gelatin veloce, l'ocasion par viajare tra raconti e legende de la tera nostra che parla de
de Dinerio
 
Da Maran Lagunare (UD)
Leggi l'articolo Schei col suòr de la fronte
de Maria Damonte
 
Da Verona
Leggi l'articolo No ghè gnente de mèjo de casa sua
de Giacinta Dall'Ora