Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Enzo Coltro

Coltivazion Casaline (in veronese)

Intrighi de 'n orto in piaza

Quatro Ciàcoe
El me sogno: 'n orto in colina in mezo a le saresare e mi sentà come un passià!
Anca sto ano, come senpre, go coltivà du orti: uno drio la casa indò sto e chel'altro ne la vecia abitazion de i Coltro (el famoso orto in piaza!).
In sto ùltimo riesso a laorar la metà che te l'altro parché, sicome ghe passa un saco de zente foresta che va a l'ospedal, mi son deventà 'na specie de vìgile in borghese che dà informazion o 'n assistente social da tarmar - o fruar - con lòine che me inrizola i nervi, propio come i canoloti che me faséa in testa me mama, da butin, col fero caldo.
Par evitar de dover spiegar parché i me pomidori i è senpre cossì bei e cossa ghe fazo de particolar, no li go pi inpiantà. Al so posto go messo zo de le buse de zucòi e, sicome li go tegnù un fià massa fissi, tacà a ogni pianta ghe go ficà un paleto par farli ranpegar.
Un dì che no era te l'orto e che me cusin Gigi el stava bearando el giardin, è passà un foresto che 'l ghe ga domandà parché gh'era i paleti viçin a i zucòi. Sto me cusin che 'l se intende solo de vaneze de fiori, no 'l ga savù darghe 'na risposta e 'l me l'à domandà a mi có 'l m'à visto.
Mi, che da bon veronese so iscrito uficialmente a l'albo de i "tuti mati", ghe go dito de spiegarghe che i paleti li go ficà lì parché i zucòi i possa far ginastica in quanto, fasendo movimento, lori i se svilupa mèjo deventando pi grossi e gustosi.
El tizio l'è ripassà e me cusin el ghe ga riferìo la me teorìa, che la ga da èssarghe restà inpegnà nel canaluzo, parché l'è tornà finché no 'l me ga catà e alora go dovù spiegarghe sul serio (che fadiga!) la vera reson del... ranpegamento!
Dopo, te l'orto, go semenà anca le tegoline bobi e le cornete e ste ùltime le me ga dà de i problemi, parché un cavafià de passajo el voléa scométar con mi che le era patate mericane e che i me gavéa inbrojà co le somenze. Ghe go spiegà che mi e le cornete era 'na vita che convivéimo felicemente insieme e che no le gavarìa mai tradìe co le patate mericane, anca parché ste ùltime i è massa dolçe pa' i me gusti!
Gnente! Lu l'è nà ia convinto de averghe reson!
Un dì era lì che zapetava çercando de cavar ia gramegna e porzelane (Portulaca oleracea L.), quando è passà un negreto co un borson a tracola. "Tu dare me due zucchine, please, capo?" "Io dare te quatro zucòi, se tu venire aiutare me cavare ia erbe maledete!" ghe go risposto. "Grazie! Troppo caldo!" el m'à dito e el ga tirà drito par el marciapiè.
Se vede che col caldo boja che stava fasendo in sta istà tropicale, par lu mi stava godéndome un mondo a cavar gramegna, albioni e tuta l'erba che, se la somenasse, no la vegnarìa mai cossì morbia e fissa.
Un dì se ga fermà uno che spetava so moier che l'era nà da l'ortopèdico a torse i èsiti de "l'antroscopia ai ligamenti incrociati del denocio zanco". El seitava a nar e tornar e in do ore el m'à contà tuto su la so vecia atività de coltivator de tegoline e de zucòi. Ma dopo el ga dovù petar lì e - co un rasonamento rasotera - el m'à spiegà che la verdura sul marcà no la tirava pi e se ciapava massa poco.
Altre olte è passa anca de le sposete che conosso e sganassando le me faseva de le alusion su i zucòi. Mi ghe 'ndavo drio co i discorsi fin 'ndò se pol, dopo me cuciavo in mezo a le cornete e le desgarbuiavo un s-ciantinin, cavàndoghe ia i buti.
E lore (le sposete) le tirava drito spanpanando le so sganassade sul marciapiè, senpre mizonando i me zucòi co 'n'ochela birbanta parché piena de malizia.
Par fortuna che no è pi passà chei quatro in màchina che i pretendéa che ghe insegnasse la strada par... Berna!
Mah! Sto orto in piaza el me sta slisando i nervi, anca parché la zente la me fa de chele domande che le me lassa come un bacalà! Uno el voléa saer da mi come che l'è el nefrologo tal de i tali e el s'à un fià risentìo quando mi ghe go risposto: "E ci elo ci?"
Me son inacorto che averghe 'n orto in piaza l'è massa intrigoso. Ghe vol ormai 'na laurea universal par tegnerghe bado a tuti chei che domanda e mi go solo chela in lingue e leterature foreste... L'è massa poco ancò!
Chel che m'à domandà tri ani fa se 'l comune de Merano el podéa espropiarghe la casa, come l'à fato, l'è ancora là che 'l speta l'èsito del me consulto, cossì come chel che voléa saer se par la so ernia al disco era mejo l'operazion o de i massagi. Va a finir che me farò l'orto in colina, in mezo a le saresare, magari co 'na bela caseta de legno piazà davanti ai monti de la Lessinia. Cossì evitarò de dover tornar a l'università a laurearme in "tutologìa" e inbrocar tute le risposte giuste che ga da saer uno che ga l'orto in piaza!!!

[torna sopra]

 

Archivio
2022 21 20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro

Dal nùmaro de Dissenbre:

Editoriale
Leggi l'articolo Vint'ani de dialeto e altro
In dissenbre 1983 el primo nùmaro de la rivista: in copertina on s-ciapo de òmani drio far quatro ciàcoe. Na inpresa ris-ciosa che se ga rivelà inteligente, dimostrando che el dialeto no xe na lingua de poareti o de inseminìi, ma de tanti, se non de tuti
de Mario Klein
 
Na storia de me ne nona
Leggi l'articolo Come xe nata la Stela de Nadale
de Luigi Frosi
 
Salute
Leggi l'articolo El mèdego condoto
de Mario Galdiolo
 
Da Belun
Leggi l'articolo An pež special
de Biancamaria De Vecchi
 
Robe de Ciósa
Leggi l'articolo El Nadale a Ciósa 'na volta...
a cura de Angelo Padoan
 
Coltivazion Casaline (in veronese)
Leggi l'articolo Intrighi de 'n orto in piaza
de Enzo Coltro