Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Luigi Frosi

Na storia de me ne nona

Come xe nata la Stela de Nadale

Quatro Ciàcoe
Có vigneva el tenpo de Nadale, me nona, me contava senpre na so storiela che la gheva sentìa da no sò chi. La me ciamava rente a ela e la me diseva: "Vien qua, caro, che te conto la storia de la Stela de Nadale". Mi, me senta-
vo la vissin e vardàndola spetavo che la tacasse.
"Se dise che ne la Note Santa, ne i giardini del Paradiso, qualchedun gavesse robà de i fiori e par la prima volta su la tera se gavesse vista la Stela de Nadale. Sta pianta, nel tèrmine sientìfico, la se ciama Euforbia pulcherrima, la xe quela bela pianta che fiorisse proprio ne i giorni che nasse el Salvatore, colorando de rosso vivo 'e foje più alte de i so rami che le pare proprio de le vere stele. Alora se se domandava anca come podeva ne la tera tacare de le piante che vigneva dal cielo. Epure, ghe ne xe tante robe che vien dal cielo e che fa fruto in tera: basta pensare a la grassia de Dio, al so continuo pardono, a tute chele robe che ogni giorno vedemo e che ne fa bela la vita. Po', se pensemo al via vai de i àngeli: i vien a portare le àneme nove de i putèi che nasse, dopo i riporta in Paradiso le àneme de quei che more... E ancora, visto ca semo ne la Note Santa, no podemo desmentegarse de i àngeli che xe 'ndà a dire ai pastori che ne la grota jera nato el Banbinelo Gesù. Bisognava savere, e qua scuminsia la storia, che ne la Note Santa, nel coro de i àngeli che cantava Gloria!... Gloria!... ghe jera un anzoleto zóvane co na voze celestiale che in Paradiso el fazeva l'aiuto giardiniere, el ghela meteva tuta par poder èssare passà de grado e deventare giardiniere uficiale. I lo ciamava Zeferino, e tuto inpegnà, fin che 'l cantava el vardava zo su la tera, intorno a la grota, e tuto un momento el deventa tristo. Lu che 'l jera abituà a armegiare co i fiori, el se ga incorto che tacà a la grota no ghe jera gnanca un fiore, tuto seco incandìo, na tristessa che faseva pena, proprio là, 'ndove ca jera nato el fiolo de Dio Padre! Come podere lassare in meso a chela desolassion el Putin Santo, sensa un filo de erba e un poca de natura in festa? E Maria, che dispiassere gavévela? Pensare che a Nasaret, ne la finestra de la so casa la gaveva senpre un fiore. A Zeferino, ghe vien alora na idea geniale, el se varda torno e el vede che el coro de i angeli el xe al conpleto e pin pianelo el se la moca, de scondon, tanto, co chela confusion nissuno se ne gavarìa incorto. A gato-miao el core nel giardin del Paradiso, su na aiola granda dove fioriva una de le più bele piante del Padre Eterno, la "pulcherrima", che jera stà ciamà "la bellissima" Zeferino, co la màssima cura, el ghine cava su raquante, el ghi ne fa na sbrassà e zo a testa bassa el va ne la tera.
Da rente a la grota, co cura e sestin, el mete zo ste piante tute intorno e, co la stessa furbissia el torna sù in Paradiso a ciapare de novo el so posto nel coro e co più voja el torna a cantare come se gnente fusse stà: Gloria!... Gloria!... El cantava e intanto el vardava chel pìcolo giardin che 'l gheva fato intorno a la grota. Nel fondo de la note, quando la luna ga scuminsià a fare ciaro, le pulcherime, le pareva tante stele rosse posàe là par tera. Le ciamarò "Stele de Nadale" el dise Zeferino tuto contento. Intanto el tenpo passa e riva matina, el cielo el jera rosa e i monti intorno a Betleme se iluminava pin pianelo. I àngeli gheva finìo de cantare e i jera tornai nel Paradiso. Intanto su la porta de la grota, Giusepe mete fora el naso par védare che tenpo faseva in chel primo giorno del Fiolo de Dio su la tera. Sto bon omo, el resta a boca verta quando che 'l vede chel giardin, tuto rosso e verde, che jera nato intorno a la grota, là dove chel giorno prima jera tuto arso e brusà. El ciama alora anca la Madona, che la vien fora a védare col Putin in brasso e, sorpresa, la fa un bel soriso.
Quando Zeferino xe tornà in Paradiso, el passa davanti al Padre Eterno co tuti i àngeli del coro e, come che el caso no fusse suo, el fa l'indifarente. Ma Dio, che tuto vede e sente, el dise co na vose profonda: - Stanote qualcheduno ga robà nel giardin celeste! L'angioleto el se ferma de boto, el taca tremare come na foja e el se spetava la dovuta punission. Co la coa de l'ocio el se acorse però che 'l Bon Dio el gheva un soriseto soto i bafi e vardàndolo co un ocio da bon el ghe dise: - No sta' avere paura, angioleto mio, quelo che te ghe fato co tanto amore par me fiolo, el xe stà ben fato!
Zeferino, tuto gongolante el core sùito a sistemare l'aiola dove che' l gheva cavà le piante durante la note. El giorno drio, maravejà, el se vede rivare un papir da l'angelo postin dove ca ghe jera la nòmina de "Giardiniere ufficiale del Paradiso".
Xe proprio vero, parole del Padre Eterno: "Quelo che vien fato co amore xe senpre ben fato!"

[torna sopra]

 

Archivio
2022 21 20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro

Dal nùmaro de Dissenbre:

Editoriale
Leggi l'articolo Vint'ani de dialeto e altro
In dissenbre 1983 el primo nùmaro de la rivista: in copertina on s-ciapo de òmani drio far quatro ciàcoe. Na inpresa ris-ciosa che se ga rivelà inteligente, dimostrando che el dialeto no xe na lingua de poareti o de inseminìi, ma de tanti, se non de tuti
de Mario Klein
 
Na storia de me ne nona
Leggi l'articolo Come xe nata la Stela de Nadale
de Luigi Frosi
 
Salute
Leggi l'articolo El mèdego condoto
de Mario Galdiolo
 
Da Belun
Leggi l'articolo An pež special
de Biancamaria De Vecchi
 
Robe de Ciósa
Leggi l'articolo El Nadale a Ciósa 'na volta...
a cura de Angelo Padoan
 
Coltivazion Casaline (in veronese)
Leggi l'articolo Intrighi de 'n orto in piaza
de Enzo Coltro