Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Ugo Suman

Devossion popolare

La Madona del Vento

Quatro Ciàcoe
Ela col so manto fin su la testa, el picolo Gesù nudo e nado, come in tanti quadri o statue del gènere...
No se tratava de un capitelo vero e proprio, anche se tuti lo ciamava co sto nome, ma de na statua de marmo, a meso busto, che rafigurava la Madona col Bambin in brasso. Ela col so manto fin su la testa, el picolo Gesù nudo e nado, come in tanti quadri o statue del gènere. Par quei che se lo ga desmentegà, el fato de mostrare quasi sempre Gesù Bambin nudo, gaveva el scopo de far védare ai fedeli che se tratava de un omo, uguale a tuti i altri: la so umanità. La statua gera sta incastrà, no se saveva quando, su l'angolo de un palasso antico che stava su na curva 'pena fora del paese, na curva particolare da la parte de la tramontana, dove el vento gera sempre gajardo. Forse solo par questo i gaveva dà sto nome, ma no gera sicura nessuna data, al de fora de un fato trovà scrito su i libri de la parochiale.
Nel mese de otobre del 1810, sul posto stava passando na mama col so putin in brasso, xe rivà na carossa col cavalo imbizarìo che la ga ciapà soto, scaraventàndola nel fosso drio la strada. Mama e putelo maconà da ogni parte, ma sani e salvi, sensa gravi conseguense. Par grassia de la Madona del Vento, che la mama gaveva invocà nel momento fatale. "Da quello giorno di Misericordia divina - ga lassà scrito el Prevosto del tempo - tuti i viadanti e i devoti, al passaggio, si scoprono il capo in segno di venerazione ed invocano il patrocinio della Madonna Benedetta del Vento".
Come nota de crònaca, posso dire che quando la go vista mi in tempo de guera, la statua gera mal ridota, morsegà dal vento, da le intemperie e anche da la trascuratessa de la zente. Ma ga provedù la bona sorte a cambiare le robe, e proprio in un mese de aprile del 1946. La guera gera finìa da un ano, anche se in volta par le campagne, qualcun moriva a causa de le vendete personali: i giorni de Caino continuava. Xe capità che do tosi de disdoto, vint'ani, uno de i quali gera fiolo de un signor del logo, guidando na camioneta lassà in giro da i liberatori, i ga ciapà male la curva, che adesso se dirìa pericolosa, i ga sbandà de bruto e dopo do, tre giri la màchina xe finìa sul sòlito fosso co i tosi de rabalton. La zente xe corsa pensando de trovarli morti o moribondi e, invesse, uno se ga scavessà solo na gamba e l'altro, el fiolo del signor che gera quelo che guidava, apena sgrafà el viso e i brassi, robe da gnente rispeto a quelo che doveva sucédare. Cussì, so mama del toso sior, che gera devota de la Madona, par riconossensa, la ga fato riparare la statua e la ga messo na lampada artìstica a ojo che, ela stessa de persona o tràmite la so serva, tegneva impissà ne i giorni de festa.
Tanti ani dopo go savesto da uno del paese che, nel 1986, el palasso xe stà demolìo, par farghe largo a la nova strada sfaltà. La statua de la Madona del Vento, par qualche ano xe stà messa in sagrestia, su un canton e pareva che la fosse la so fine. Invesse quel toso che guidava la camioneta e che gera diventà vecio, savesto de la demolission del palasso, el xe tornà in paese el ga volesto portarse la statua miracolosa, ne la so casa de Arona, in provincia de Novara, dove el viveva da ani.
Quelo che me ga contà la storia de la Madona del Vento el gera stà el sagrestan de quela cesa, un sagrestan volontario, come tanti del so tempo che serviva la cesa, per amore e dedission, ne i giorni de festa. Lu ga visto par ùltimo la statua dentro la sagrestia e l'è stà testimonio de la consegna da parte del pàroco 'Pro tempore' de la statua al signor de Novara. El me gaveva anche confidà che tante volte, vardàndola, butà là su un canton de la sagrestìa - lu no la gaveva mai vista su la casa - el pensava che come i òmani la gavesse passà tanti giorni bruti e bei. Soportà tribolassion de vento e piova, vedendo passare tanta zente, scoltando le so orassion, insieme ai so dolori, visto matrimoni e funerali passarghe davanti. E magari, ne i giorni de festa o de sagra, anche zente contenta e gioiosa. Ma quando che se prega, el pensava fra de lu, raramente se lo fa parché se xe contenti, el più de le volte, se prega par domandare aiuto, a Dio, ai Santi, a la Madona e parfin a le ànime del Purgatorio, come ghemo dito altre volte.
E adesso che la storia xe a la fine vorìa, dal momento che me càpita l'ocasion che se parla de preghiera, sotolineare un fato che sa tuti ma che spesso vien desmentegà e anche malinteso. Le preghiere no serve a gnente, se sente dire tante volte da miscredenti e no parché, tuti prega e tuti more e par che sia vero. Ma solo parché la morte fa parte de la vita, anche se ne fa còmodo desmentegàrselo. Quei che no crede e se sente furbi, se diverte a sostegnere seplicisticamente - basta vardarse 'torno - tanti prega e le robe anche più atroci camina sempre la so strada. E par quelo che vedemo ne pare che i gabia rajon da vèndare. Ma i credenti che riesse a pregare co la fede necessaria, trova ne la preghiera na consolassion e na forsa che li fa superare qualunque prova. Soratuto parché chi prega dise prima de tuto come ne ga insegnà Cristo: "Sia fatta la Tua volontà" e qua sta el segreto del la preghiera. Ma questi xe discorsi da Esercissi Spirituali - pensarà qualcuno che sa cossa che i xe, e se li ricorda: xe vero e par questo ghe molo sùbito, par no disurbare nessun. Però, in giro, par le nostre contrà ghe xe ancora tanti capitei che testimonia, co i fati, la sostansa de quelo che se gavemo contà, che vol dire la fede de i nostri avi.

[torna sopra]

 

Archivio
2021 20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro

Dal nùmaro de Aprile:

Editoriale
Leggi l'articolo Massa parole in circolassion!
No la xe gnancora na epidemìa, ma poco ghe manca: sarà ben tacare a dire parole a... boche alterne
de Mario Klein
 
Devossion popolare
Leggi l'articolo La Madona del Vento
de Ugo Suman
 
Memoria Euganea
Leggi l'articolo "La mosca mora"
de Pietro Gattolin
 
 
Da Maran Lagunare (UD)
Leggi l'articolo Tragedia in laguna
de Bruno Rossetto Doria
 
Da San Bonifacio (VR)
Leggi l'articolo Pissacani e molesini
de Enzo Coltro