Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Bruno Rossetto Doria

Da Maran Lagunare (UD)

Tragedia in laguna

Quatro Ciàcoe
Inverno 1956. Maranisi distirài in meso el palùo duto ingiassò; untan se vidi Maran.
Somejeva che fussi rivò l'inverno de 'na volta, sto ano. Me ricordo quel del '56, col palùo duto ingiassò, che se podeva 'sbrissolà fin Lignan. Almoto, in tel '28-'29, el gera stò conpagno. Ma anca quela volta che gera morti i do fradèi Corso, Gigi, Nicolino e el nevodo Nicolò, in tel '22, veva de esse stò sai fredo.
Vendùo el pesse in pescarìa, zii e nevodo i gera prunti a molà le sime e vogà verso vale Pantani, cò: "Cossa fe? Se deventài mati!" siga el vecio sul molo cò li vidi 'ndà via.
"Bisogna che 'ndemo, barba Nane; me pare e el barba Toni, no i ga gnente de magnà in vale" serca de spiegà Nicolò, saltando bordo dopo vé smolada la corda de la cainiela.
"Co sto vento no rivaré mai in vale Pantani. No vedé el tenpo, come che 'l xe pezorò?"
"Semo zùvini, barba Nane, sta bora no la ne fa paura" rispundi Niculin, 28 ani, che 'l tigniva un ano manco de so nevodo Nicolò. Fin che i vogheva in canal riparài de i tapi (barene), no i ga vesto problemi, ma 'pena che i ga scapolò el 'Velo' e passò 'Gorgo dei ladri', che i tapi no i gera più, la bora la veva tacò supià cussì forte che le onde, ronpéndose sul fianco de la batela, le entreva e le se spandeva sora costrài. Forsi pensando a la mujèr e ai tre fiòi che 'l veva a casa, Nicolò intanto el veva tacò perde corajo, e a un serto el ghe disi a so barba, 4 ani più vecio: - Ehi, barba Gigi, co' disé se tornemo indrìo?"
"De co' te ga paura, nevodo, co sto vento in manco de mesa ora semo in vale Pantani. E po', co' te ga desmentegò el vecio Nane? Che ridàe, ara, che 'l se farissi, se el ne vidi tornà indrìo." I ga ridesto. Somejèva 'na gara tra de luri, vede chi che veva più corajo. Però anca la vose de so barba Gigi, pareva che la tremissi. Nicolò, vedendo che 'l levante el se gera incupìo, che veva scumissiò cascà roba ingiassada, el veva cuntinuò vogà malvolentieri.
Quatro Ciàcoe
A sinistra, Alfio Zentilin insieme al poeta maranese Piewro Marani; dedrìo de luri se vidi Maran.
Intanto, i tapi del "Cesareli" i se gereva più stacài de luri. Ma con so barbi che i continueva a vogà intanto che elo el libeva l'aqua de bordo co la sèssola, bordegiando, forsi in vinti minuti i gera buni de rivà ai 'Biuni'. 'Na volta là, deventeva un ziogo, vogà fin Maran a riparo del vento. El gera drio pensà ste robe, el nevodo, cò 'l vidi so barba Gigi gratà i costrài col stival; l'aqua, come che la entreva a bordo la deventeva giasso.
"Ve disevo che gera mèjo tornà indrìo. Desso sì che ne toca vogà, par forsa, vede de rivà in tel Pantani."
Gera stada una vera e granda inpresa passà el canal 'Cialisia', de tanto grande che gera le onde. I do fradèi i se gera distirài a pope, co i rimi i sercheva de tignì drita la batela intanto che 'l Nicolò el continueva a svodà aqua, anca se pa dì el vero, gera de più quela che entreva a bordo, pignanca quela che 'l el buteva fora. La batela, pesantìa, anca se la veva perso corsa, istesso la cuntinueva vadagnà metri, però gera la seca (bassa marea), e ogni tanto i sintiva gratà el fundi. Gnanca tenpo de ciapà paura de sta roba, la batela la se miti de colpo par tresso: xe bastàe quatro onde pa butala a fundi.
Se prima vale Pantani la pareva vissin, caminando sul fango soto fin i disnoci e l'aqua al bugnìgolo che la deventeva giasso su la codopa e su i cavì, luri tre i gera rivài a fà 'pena un sentenèr de metri. De tanto stanchi, i ùltimi, i li veva fati a gato, raspando el fango co le man. Congelài, ormai sensa gnanca più fòrse, puvri òmini, i veva tacò pregà el Signor.
Nicolò, 'pena che 'l ga visto i do zii, brassase, lassase 'ndà zo sul fango, diséndoghe de duto el veva sercò de stacali, de sbruntali, ma gnente da fare; rassegnài, no i voleva più mòvese.
L'àlsere no 'l pareva untan, forsi el ghe la feva, e ''na volta rivò in tera el podeva ciamà aiuto, tornà a ciuli. Co l'idea de salvali, a Nicolò ghe gera vignùe niove fòrse, ma fati gnaca vinti metri, el casca longo disteso sul fango; el gera sfinìo, e l'àlsere el gera ancora untan. Sol alora el se gera reso conto che no 'l podeva rivalo. Rabioso, el so pianse el vigniva strassinò via del vento. Disperò, par un gosso el se gera messo a vardà vale Pantani, dopo, come rassegnò, el se gira verso so barbi Gigi e Nicolino, e co le làgreme che via via le se ingiasseva sul muso, ingrumàe le poche fòrse restàe, Nicolò el serca de rivà là de luri. Gera el 23 genaio del 1922; qualchi zurno dopo i pescaùri li veva trovài strinti, duti tre insieme.

[torna sopra]

 

Archivio
2021 20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro

Dal nùmaro de Aprile:

Editoriale
Leggi l'articolo Massa parole in circolassion!
No la xe gnancora na epidemìa, ma poco ghe manca: sarà ben tacare a dire parole a... boche alterne
de Mario Klein
 
Devossion popolare
Leggi l'articolo La Madona del Vento
de Ugo Suman
 
Memoria Euganea
Leggi l'articolo "La mosca mora"
de Pietro Gattolin
 
 
Da Maran Lagunare (UD)
Leggi l'articolo Tragedia in laguna
de Bruno Rossetto Doria
 
Da San Bonifacio (VR)
Leggi l'articolo Pissacani e molesini
de Enzo Coltro