Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Gemma Bellotto

Da i Coli Euganei

El mandoin de zio Gioanin

Quatro Ciàcoe
E questo xe proprio el mandoin del zio Gioanin. (foto G. Bellotto)
Zio Gioanin el gera el pi zóvane de i fiòi de nono Giacomo. El viveva in casa co noantri parché el gera resta da maridare. A sto propòsito, el ne contava spesso del Barba Gigio (fradèo del nono) che el se rabiava, brontolando a non finire, quando che ghe tocava pagare la tassa par i cèlibi. "Mi - diseva el zio - no la gavarìa serto paga", e pareva proprio che fusse vero, che el gavesse un caràtere forte, invesse noantri se savéa ben, che el zio Gioanin gera tènero de core e che, spece a noantri tusiti, el ne voleva tanto ben, portando pi passiensa de i altri.
Proprio par questo, se continuava a domandarghe informassion su queo che non se podeva ancora capire ben. Eco che a sto punto, rivava la domanda: "Cossa gèrea, zio, la tassa de i cèlibi e cossa vol dire celibato?" "I cèlibi - lu rispondeva - sarìa stà quei da maridare, che dovéa pagare el celibato." "Ma parché, zio?" A sto punto lu el ghe faséa na ridadina, e via che 'l 'ndava zo par el canpo co la vanga in spala, faséndone capire che, essendo ancora massa picenini, non se podéa proprio capire ancora tute le cose de i grandi. Tuti in casa savéa le so aventure, del tenpo che 'l gera stà a Roma a fare el servissio militare. Lu el ne le gavéa conta ormai cussì tante volte, da inpararle a memoria. Epure par on motivo o par nantro, el rivava senpre lì col discorso. Anca el papà gera stà a Roma da militare, siché có i comissiava a contarla, se podéa sentire tute le vie che i gavéa inparà a conóssare: via Nomentana, via Merulana, via Pernesperna, el Quadraro, piaza de Spagna, ec. E gera come se Roma, la grande cità, una de le mèjo del mondo, la rivasse lì, atorno a la nostra tola, drento i nostri oci tusiti, che a on serto punto i slusegava da la voja de védarla.
El zio contava spesso de chea volta che la mojere del capitano la gavéa domandà dove che 'l gera 'ndà, e lu gavéa risposto: "A portare on paco a na signora." "Che signora e dove stala?" gavéa domandà la mojere del capitano. E lu, ingenuamente, el ghe gavéa dà l'indirisso. No ve digo cossa che gera vegnù fora, oltre a la desperassion del capitano che 'l gera stà smaronà da la ingenuità del so fedele atendente.
Go za dito che a noantri pìcoi el ne voléa on gran ben. El gera lu difati che faseva l'omo de neve d'inverno e i foghi de marso par ciamare la primavera. Lu che ne vardava scorlando la testa par farne capire che qualcosa no 'ndava ben quando el ne vedéa co la boca tuta "scoraciolà" dopo aver magnà l'anguria massa de ingordon. E i so oci gera tristi quando el ne vedéa tornare da l'esame de catechismo, co la facia seria, parché al zogo de le balete i ne gavéa sburatà tuto. Se 'l gavesse avù qualche palanca el ne la garìa dà de sicuro, ma non ghin gera a chel tenpo e lu faseva fadiga avere qualche soldin in pi par le sigarete Alfa (l'ùnico che in casa nostra fumava qua e là qualche sigareta). Pi de na volta i nostri oci lo seguìa in te 'l so inzegno de farse le sigarete co i scartossi del formenton, che sarìa stà la scòrsa de le pagnoche. El 1a ritajava ben e po' el la rodolava dopo averghe messo drento na preseta de tabaco. Po' el se metéa a tirare, mandando in aria sto fumo, come el fusse stà on Divo del cìnema.
Me ricordo chea volta che, dopo na serata co i amissi, el dì de la sagra de on paese vissin, e l'è vegnù a casa tardi, meso desumanà, co la testa rota. No ve digo la zia come che la sberegava par la preoccupassion. Gera sucesso che vegnendo zo par on trodeto streto tanto in dissesa e corendo massa, el gavéa sbandà, andando a finire drento on picolo calto. "No stè preocuparve - el diséa, - no me so' fato gnente, me dispiase solo par la jacheta nova." E cussì disendo el ne mostrava on sbrego fato a sete, in te la schina de la jacheta maron a righe che chissà da quanto tenpo el gavéa sognà de averla. La me ze restà cussì inpressa che la vedo ancora davanti ai oci.
Va ben, vivendo insieme col zio, tante altre robe podarìa contarve de chel tenpo, tante anca de bee. Pi bea de tute xe però quea del mandoin: ècola. Có 'l tenpo gera bruto e non se podéa lavorare su i canpi, eco che tuti se gera radunà in casa. A on certo punto però, non se vedéa pi el zio: "Dove saralo mai andà?" se se domandava. Po', on bel momento se sentiva el strinpelar de qualche nota, e sùbito la deventava na mùsica. "El zio, el zio, che sona el mandoin", se ripetéa noantri pìcoi. E cussì disendo, via che se 'ndava de corsa uno drio l'altro sù par la scala, rivando tuti tri spantessà, col fià grosso da la corsa.
Come che 'l rideva el zio, có' l ne vedéa 'torno a lu, atinti in silensio par scoltare la so mazurca, seguendo le so man grosse, abituà a doparare la vanga e el pico, che in chel momento le diventava farfàe che, caressando le corde del so mandoin, le tirava fora na mùsica che pareva vegnù fora dal Paradiso. "Ancora, zio, ancora" se diseva noantri. E lu dopo la mazurca variata (de Migliavacca) che lu ciamava proprio cussì, eco che 'l ne sonava, cantando, "Il tango delle rose", "Creola dalla bruna aureola/ per pietà sorridimi, che l'amore m'assal..." Eco "Miniera": "Allor che in ogni betola messicana/ danzano tutti al suono dell'avaiana... è un minatore bruno laggiù emigrato." La gera la storia comovente de on minatore che gavéa salva tuti i òmeni de na miniera, rimeténdoghe la vita. In ùltima, tuti gera continti ma "manca soltanto quello dal veltro bruno/ ma per salvare lui/ non c'è nessuno..." A sto punto el zio par farne tornare el soriso, el tornava a sonare du, tri culpi de la so mazurca, e cussì se gera tuti continti. "Sona ancora, sona, zio...", me torna in te le rece, quando passo arente al so mandoin, là sora in sofita, on pochetin inpolvarà e co do corde rote, lu pare vardarme. E drento de mi me par de sentire ancora na mùsica celeste, che vol dire in silensio: "Grassie, zio Gioanin, de tuto el ben che te ne ghè regalà. On ben ricamà a tenpo de mazurca."

[torna sopra]

 

Archivio
2020 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro

Dal nùmaro de Otobre:

Editoriale
Leggi l'articolo El balon... l'è nà in balon
El calcio el sta vivendo na situazion de crisi patoca, tra scàndali, falimenti, sentenze de tribunài e violenza. Dove xelo finìo el zogo?
de Mario Klein
 
Da i Coli Euganei
Leggi l'articolo El mandoin de zio Gioanin
de Gemma Bellotto
 
Da Belun
Leggi l'articolo Ippolito Caffi
de Luigina Tavi
 
Da Venezia
Leggi l'articolo La forestiera
de Mario Ceccarello
 
El raconto del mese (in visentin)
Leggi l'articolo El sensaro
de Antonio Maraschin
 
Da Verona
Leggi l'articolo I "puoti" de Palasso Turco
de Wanda Girardi Castellani