Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Mario Klein

Editoriale

Parché tuta sta cativeria?
A cossa serve conportarse da vilani, fare i prepotenti, 'sassinarghe la vita al pròssimo, se dopo nemo a finire tuti te chel buso?

Quatro Ciàcoe
La nostra Adriana Scarpa, poetessa a livelo nazionale, che ne ga lassà a 64 ani, el 19 otobre 2005.
Ai Familiari le più vive condolianze da parte de tuta la Redassion
Quante volte no se ghemo fato sta domanda e ogni volta se ghemo dà la stessa risposta: "A gnente! No serve a gnente!" Serve, pitosto, riflètare, par conbàtare la nostra stupidità umana.
Xe inùtile fare i cativi, maltratare le persone, vìvare sta vita cussì pìcola e curta come se se dovesse durare in eterno, muciare roba su roba, spèndare el propio tenpo unicamente par se stessi, conportarse come se fùssimo on'isola co gnente intorno...
Quanta inùtile cativeria! E pensare che tuto xe cussì provisorio e da un momento par l'altro podemo èssare ciamà dal paron par darghe indrìo quelo che el ne ga dà in prestio: la vita. Mi capisso che no se pole mia èssare tuti de i San Francesco o de le Teresa de Calcuta, ma se se déssimo na regolada, sarìa tuto de guadagnà.
Inveze, semo continuamente portà a dire: "Mi son de mi!", par ribadire senza riserve el valore de la propia libertà. Anca l'astrofìsica Margherita Hack la sostien che ognuno xe paron de la so vita: "Rivendico il diritto di essere atea e di ribadire che la vita è nostra, non un dono di Dio" (La Repubblica, 1 settembre 2004). Ogni selta la mèrita rispeto, però... vedaremo ben come la narà a finire... un bel giorno! In ogni caso, nasse senpre la responsabilità del come se vive, parché, se de sta libertà personale se riva a fàrghene on abuso, la va a finire che se sconfina ne la cativeria, ne l'egoismo, ne l'ingiustizia, perdendo senpre de vista la nostra provisorietà.
"A no semo gnente, caro fiolo: oncò ghe semo, doman no se sa!" diséa me popà, canpà fin a 92 ani, có 'l me conpagnava a visitare i morti nel pìcolo simitero del me paese.
Forse, propio l'idea de la morte la xe na ocasion par riscoprire quelo che semo, par ricuperare chel valore vero de la vita, che la socetà de le ciàcole, de le beghe, de le scandalose barufe televisive ne ga on fià inturbià.
Senza nar tanto distante, ghemo 'pena 'vù notizia de la sconparsa de la nostra colaboratrice e amica Adriana Scarpa. Na setimana prima de morire la me gavéa telefonà par dirme che la jera preocupà parché la gavarìa dovesto mandarne l'artìcolo pa 'l mese de dissenbre (sul pitore Dinetto) scrito a man, anziché a màchina, parché la jera a l'ospedale.
Semo 'ncora na volta tristi e semo tentà de dire: "Senpre i mèjo va via par primi!" Co la inprovisa pèrdita de l'Adriana, la poesìa se veste de dolore, el mondo de la poesìa deventa più poareto. Se ga stuà chel canto melodioso che iluminava un volto soridente, xe finìo el so candore senza tenpo, l'entusiasmo straordinario par tuto quelo che de bon e de belo se pole oncora incontrare. Ma no finirà el vibrare de le corde de la poesìa de Adriana, la so parola forte e mai superficiale, che ne invita a vardare oltre, al de là de la cativeria, al de là de le nostre mìsere certeze, al de là de la morte.

[torna sopra]

 

Archivio
2020 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro

Dal nùmaro de Novenbre:

Editoriale
Leggi l'articolo Parché tuta sta cativeria?
A cossa serve conportarse da vilani, fare i prepotenti, 'sassinarghe la vita al pròssimo, se dopo nemo a finire tuti te chel buso?
de Mario Klein
 
Devossion popolare
Leggi l'articolo La Madona de i morti
de Ugo Suman
 
Salute
Leggi l'articolo Ferdinando Coletti, mèdego e patriota
de Mario Galdiolo
 
Storia triestina (in triestin)
Leggi l'articolo 4 Novembre 1918: scopia la pase
de Luigi Perini
 
Da Maran Lagunare (UD)
Leggi l'articolo Proverbi e mudi de dì sul vento
de Maria Damonte
 
Da San Bonifacio (VR)
Leggi l'articolo El dì de i Morti
de Enzo Coltro