Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Ugo Suman

Devossion popolare

La Madona de i morti

Quatro Ciàcoe
La Madona che tien su i zenoci el so Gesù morto e apena deposta da la croce...
"Par la verità - tentava de spiegare el nostro pàroco, ne la prèdica granda del dì de i morti al simitero - no la xe la Madona dei morti, quela del quadro in sacrestìa, ma na deposission. La Madona che tien su i zenoci el so Gesù morto e apena deposto da la croce, e basta. El fato che la zente la ciama, par so conto la Madona dei morti, no la xe na ofesa, ma un modo sbalià de interpretare na pitura che vol rapresentare solo la deposission da la croce." A volte el nostro pàroco che gera arciprete, el se fissava su particolari che ne pareva tempo perso, ma a lu invesse, ghe dava fastidio, se vede, e el voleva chiarire. El voleva che la zente se rendesse conto de quelo che gera la realtà, sensa inventarse robe stravaganti fora dal vero. Ma la gera na lota sempre persa, parché la zente gaveva la testa dura e continuava ne le so convinsion, che ghe pareva giuste e sacrosante.
"Va ben - i se diseva fra de lori - el quadro sarà quelo che dise el prete, ma de sicuro ghè la Madona de la bona morte, un quadro diverso che noialtri no gavemo in sacrestìa", e tuti continuava a ciamarla la Madona dei morti. El capelan che se ciamava don Livio e che gera un teòlogo zóvane e fresco de studi, el diseva che el pàroco gaveva ragion, ma che bisognava zontarghe al discorso, che la Madona tegneva su i zenoci, magari sensa saverlo, come creatura umana, un morto che xe risorto, come risorgeremo tuti. E sicome el gera don Livo a farne dotrina a noialtri più grandi, ghe domandàvimo tante volte de la nostra resuression, parché ne gera morto el nono o la nona e, ne gavarìa fato piassere ritrovarli vivi come quando i ne contava le fiabe 'torno al fogolaro. Me ricordo ancora la facia de don Livio quando, pur savendo la risposta, no 'l trovava le parole giuste par scominsiare un discorso difìssile da spiegare e da capire par tosati de dódese-trèdese ani.
Alora no se cremava i cristiani e, secondo la nostra dotrina, i morti sarìa risorti ognuno col so corpo, la so fisionomìa e forse anche el so vestito. Questa gera l'inmagine che se gaveva in testa, e no gera fàssile par el prete parlare de spirito e materia: la materia diventa pólvare e l'ànima resta spìrito vivo e vivente, ne la gloria de la beata eternità. "Però, don Livio - intervegneva sempre uno che se ciamava Molon e faseva la tersa media a Padova - la Madona de i morti ga compagnà me nono Roberto in paradiso. Me mama me lo diseva sempre, parchè me nono gera morto dopo aver ricevù l'ojo santo e anche el viàtico, da bon cristian." "Sicuro, sicuro - confermava par tuti el prete. - La misericordia del Signore xe più grande de tuto l'Universo e la ghe dona el paradiso a tuti quei che xe puri de cuore: le mame, i papà, i noni e le none, fa parte de sta schiera, insieme co tuti i giusti de la tera. Santa Teresa del Bambin Gesù, spiegava che i beati del paradiso, xe più numerosi de le stele che xe in cielo dentro na note serena. Ghe xe posto par tuti, basta meritàrselo, fasendo ben el nostro dovere secondo el posto che la vita ne riserva."
Nel nostro simitero, ne la tomba speciale par i preti morti in servissio d'ànime ne la nostra parochia, ghe gera anche don Livio, come tuti i altri sensa na fotografìa, solo col nome e cognome, la data de nàssita e quela de la partensa par el paradiso. Don Livio, uno de i preti del me tempo e de la me gioventù, xe morto zóvane, quasi improvisamente, forse da un bruto male, che nessun conosseva. Questo ch'el xe el mese de i Santi, el xe anche de i Morti, col so otavario, secondo le tradission, co tanto de lumini sora la credensa, davanti a le fotografìe de i familiari. "Ma tuti i Santi che gavemo festegià ieri - diseva sempre el pàroco ne la predica de i morti - prima de èssare Santi i xe stà anche lori de i morti, parché la santità vien sempre dichiarà da la Chiesa dopo la morte."
Come che go scrito altre volte parlando de sto mese particolare, go ricordà non solo la devossion par i nostri cari trapassà, ma anche le fumare perforà dal sole de la stajon più colorìa par la tavolossa de i pitori, parvìa de le sfumature de le foje e de i pampani in particolare. Ne la prèdica granda de i morti, la zente in piè fra l'umido de la tera e de le tombe, vedeva el tramonto velà da un filo de fumara a colori sora le sime de i pochi dereliti cipressi che circondava le mure del camposanto. Che come tuti gaveva sora el porton de ingresso la scrita latina che tronegiava co le parole de la speransa cristiana: "Risorgeranno". Lo sò che ghe sarìa stà da parlare anche de San Martin e de la so storia, de i traslochi da na casa a l'altra col cambio de paron e de contrato par tanti de quel tempo, e sensa tirar fora: "La nebbia a gl'irti colli / piovigginando sale / e sotto il maestrale / urla e biancheggia il mar..."
Solo che sta volta me xe vegnù, sul monitor le la memoria, la prèdica granda de i Morti, el quadro de la sacrestìa, che la zente ciamava la Madona de i morti e don Livio, uno de i preti de la me gioventù, col tricorno e la veste nera da ventitrè botoni, par uno che gera alto un metro e otanta come lu.

[torna sopra]

 

Archivio
2020 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro

Dal nùmaro de Novenbre:

Editoriale
Leggi l'articolo Parché tuta sta cativeria?
A cossa serve conportarse da vilani, fare i prepotenti, 'sassinarghe la vita al pròssimo, se dopo nemo a finire tuti te chel buso?
de Mario Klein
 
Devossion popolare
Leggi l'articolo La Madona de i morti
de Ugo Suman
 
Salute
Leggi l'articolo Ferdinando Coletti, mèdego e patriota
de Mario Galdiolo
 
Storia triestina (in triestin)
Leggi l'articolo 4 Novembre 1918: scopia la pase
de Luigi Perini
 
Da Maran Lagunare (UD)
Leggi l'articolo Proverbi e mudi de dì sul vento
de Maria Damonte
 
Da San Bonifacio (VR)
Leggi l'articolo El dì de i Morti
de Enzo Coltro