Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Luigi Perini

Storia triestina (in triestin)

4 Novembre 1918: scopia la pase

Quatro Ciàcoe
Francesco Giuseppe, Imperatore d'Austria.
La jera vignuda zo da le scale del terzo pian squasi corendo, come che la jera abituada da zòvine e in bona salute; verto el porton del nùmaro 8, se ghe ga presentà la piaza Giambattista Vico, inluminada da un tìmido ragio de sol. Finalmente jera forse finida la piova insistente che da tanti zòrni la veniva ora sì ora nò; dopo quela influenza che i ciamava "la spagnola", squasi la fussi na balerina, (quanti jera stà maladi, e quanti morti!) la jera andada in strada poche volte: a far la spesa - ma de cossa? - de quele quatro erbe che rivava, portade da le iuze de Albàro Vescovà; qualche volta un tocheto de carne de mus, un poco de sonza e quatro razioni de pan nero per nutrir do fiòi e el marì che jera 'pena tornado da l'internamento polìtico. Do zorni prima la jera 'ndada dal Comitato de Salute pùblica a protestar co altre done socialiste che i fiòi stava patindo la fame.
La jera na dona catòlica, ma un poco de socialismo ghe xe anca in tel cristianésimo. Ma ogi ghe jera na grande novità: el zòrno prima se gaveva atracado al molo S. Carlo la nave italiana "Audace" co altre tre caciatorpediniere, parché i Austriaci i jera tuti scanpadi. Che sogno! finalmente no ghe sarìa stà più quei tipi che gaveva mandado su marì nel campo de internamento a Weyerburg. Nel 1916 i lo gaveva ciamà a le armi, vestido de soldà e mandado in quela caserma vizin a via del Torente. Po' i se gaveva inacorto che el jera tropo curto de vista per èsser ùtile a l'esèrcito de Ceco Bepe, ancora vivo in quei primi zòrni de l'ano novo, e i te lo ga mandato a casa. Che solievo! Ma do setimane dopo, el vien spedì via, lontan, e el ghe resta squasi do ani. Ne le létare che el scriveva el diseva de no star mal e de avere fiducia ne la Providenza. Ma intanto quante tribolazioni!
La piaza continuava in una legera salita co la via Donato Bramante; qualche rèfolo de bora su la schena la aiutava a caminar, ma có la xe rivada vizin de la fàbrica de canpane, per un poco de afano la se ga dovudo fermar: a destra la vedeva el spìgolo del bastion del Castel de San Giusto, a sinistra la via col stesso nome e po' la riva in zo de via San Michele, che la gavarìa portada in marina. A l'alteza de la casa Pancera, vizin a l'arco de Ricardo, ghe jera quel ometo che na volta el vendeva quadreti de i reali d'Austria, zigando: "L'Imperator e l'Imperatrice, impicheli, impicheli!" Ogi el vendeva de le gòndole veneziane in miniatura e el diseva: "Comprele, le vien dal mar, come l'Audace."
Quatro Ciàcoe
1917. Luigi Perini senior (el secondo da dx in 2° fila) nel Canpo de Internamento de Weyerburg.
Zòrni prima, de i idrovolanti italiani i gaveva svolado sora la zità, ma ela no la li gaveva visti, anzi no la li gaveva voludo veder, per el ricordo de quela bomba che qualche ano prima un aereo italian gaveva butado nel bosco Puntini, propio davanti al pergoleto de la su cusina, che xe stà investido da le schege. "Via i fiòi!" gaveva zigado el sior De Marchi del pèrgolo vizin e ela la gaveva ciolto sùbito Enricheto e Mariucia e la li gaveva strassinà ne l'àndito.
Finida la riva, no la ga continuado fin al mar, ma la ciapado via Cavana, lassàndose a le spale S. Antonio vecio; po' la xe rivada a la farmacìa "Ai due Mori", soto el Municipio, indove la 'ndava cior le polverete per i dolori del marì Luigi, che 'l jera tornado a casa co' na grave forma de artrite deformante. La gaverìa dovudo aver odio per quel Franz Joseph che 'l permeteva aresti, impicagioni, bastonade a le done, e via disendo, ma in fondo el ghe faseva passion per tuti i dolori de fameja che ghe jera capitadi: quatro eredi al trono finidi tragicamente, su fradel Massimiliano fusilado al Messico, che de imperatori no 'l voleva savérghene; su fio Rodolfo suicida e omicida de la zòvene amante; su molie Elisabetta, o mèjo Sissi, copada a Ginevra da un anàrchico italian; da ùltimo, el nevodo Francesco Ferdinando copà co la molie Sofia a Sarajevo, fato che ga causado el drama de sta guera.
Da la fontana de i Continenti in piaza Granda, oltre a le piante de i giardineti in riva, la vedeva i fumi d'un vapor; squasi de corsa la xe rivada al molo indove ghe jera un pien de zente davanti a l'Audace che stava per mòverse; ma un marinaio distribuiva ancora pagnote e tuti voleva 'vèrle. Ida ga sentido tanta umiliazion nel veder quei gesti e al marinaio che ghe ne ofriva una: "Nò, grazie!" la ghe ga dito, co le làgrime ai oci.

[torna sopra]

 

Archivio
2020 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro

Dal nùmaro de Novenbre:

Editoriale
Leggi l'articolo Parché tuta sta cativeria?
A cossa serve conportarse da vilani, fare i prepotenti, 'sassinarghe la vita al pròssimo, se dopo nemo a finire tuti te chel buso?
de Mario Klein
 
Devossion popolare
Leggi l'articolo La Madona de i morti
de Ugo Suman
 
Salute
Leggi l'articolo Ferdinando Coletti, mèdego e patriota
de Mario Galdiolo
 
Storia triestina (in triestin)
Leggi l'articolo 4 Novembre 1918: scopia la pase
de Luigi Perini
 
Da Maran Lagunare (UD)
Leggi l'articolo Proverbi e mudi de dì sul vento
de Maria Damonte
 
Da San Bonifacio (VR)
Leggi l'articolo El dì de i Morti
de Enzo Coltro