Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
a cura de Romano Beltramini

"La Sguaratà" - Ciàcole adriote

Angioleti a merenda

Quatro Ciàcoe
Anca la Cicci gera tocà la parte de àngelo co do bele alone... (come sti putini de l'Asilo de Salce...)
A chi tenpi la Cicci la me robava la merenda dal Sestin. No miga per cativeria. A gèrimo putini, a l'asilo da le Suorete de Adria. Proprio quele ca ga la Casa Madre in te la nostra bela cità, porta del Delta e madrina del mare Adriatico, avéndoghe dà el so nome.
La Cicci la gera fra i più grandi, tremenda come un dìscolo, tanto che la madre Antonina, mestra principale de l'asilo, la doveva spesso tirarla per la còtola e menarla a giusti rimedi. Da resto, se la pianta ne te la pieghi fin da pìcola, l'àlbero cresse storto e, dopo, va ti a drissarlo! La Cicci, sorela magiore de Italo, anca lu a l'asilo, detava lege anca co qualche bon scufioto al quale seguiva imancabilmente el richiamo severo de Madre Antonina la cui statura no gera serto da corassiere: solo un fià più de la Cicci, chel tanto ca bastava per segnare l'autorità costituita. Se ndava a l'asilo col bauleto de legno e co drento pomi, naranse, na ciopeta de pan e, Dio voléndolo, qualche biscoto. La minestra la portava calda, a mezogiorno, in t'un tecin, i genitori. Questo gera el tuto solo che la Cicci, có la sentiva rumegare le budele, la 'ndava a fare ispession in ti sestini e la quietava le lamentele de la fàbrica de l'apetito a spese de chi capitava. I tenpi no gera còmodi come adesso. Ghe gera la guera e, sensa tante pretese, se se contentava de quelo ca passava el governo familiare. Gninte patatine, gninte buondì, né panini col prosuto misurà e pesà come ca vole ancuò le scuole. Gninte coca-cola, suchi de fruta o yogurth. Na bela bossa d'aqua de rubineto e quanto la fameia, che serto no la nodava in te l'oro, podeva zuntare. Gèrimo manco grassi de adesso ma, sopratuto, no ghe gera pretese da vantare perché el convento passava quelo e quelo doveva bastare. Per questo, la Cicci, per cavàrsela la doveva rumegare in più de qualche sestin, sensa mai sentirse colpévole quando i fiòi, a ora de pasto, i trovava la sporta voda e i pianzeva. Ela no saveva gninte. Peraltro, le suore la tegneva d'ocio e le doveva pur fàrghela capire.
Gèrimo soto Nadale, tenpo de gioia, de presepio, de rècite e, ben istruì da le reverende Madri, avévino preparà un recital per i genitori che, gnanca a la Scala o a la Fenice s'avarìa podudo vedere preciso!
El testo de la comediola ficà in mezo a canti, poesìe e senete, l'aveva scrito la madre Sandrina co la madre Antonietta che le gera, in realtà, do postulanti in atesa de dare i voti. Sèna principale tanti putini vestì da angioleti, co le so mate ale, ca portava el so sestin a la cuna de Gesù per donarghe quelo che i podeva. Anca a la Cicci gera tocà do bele alone da àngelo, tipo àngelo Raffaele o Gabriele ma, invesse del sestin, le suore gaveva dà na valiseta. Tassativo no vèrzere gnente se non davanti a Gesù. Vien el giorno de la rècita. Genitori, parenti, amici, stele e luci e na gran capana centrale co la Natività rapresentà in carne e ossi. Riva da diverse parti i angioleti, Cicci conpresa e, dopo canti e sonà d'armonium da parte de na suora, eco l'oferta de i doni.
Tuti i putini vèrze i sestini: vodi! Solo la Cicci verze la valisa e la trova panini, botiliete, naranse e bagige da regalare a Nostro Signore. La Suora spiega ai presenti che, avendo l'àngelo più grande tanta forsa, ghè stà afidà el peso de tuti i altri angioleti. Ma la Cicci... aveva capì el bèrgamo. Tuta rossa la s'à inzenocià co i altri davanti a la cuna de Nadale fra i aplausi de i presenti e, a fine rècita, la s'à spiegà co la madre Antonina cla se l'à comunque strucà al cuore, dopo la dura lession. Peraltro, ...la gera fame!

[torna sopra]

 

Archivio
2020 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro

Dal nùmaro de Dissenbre:

Editoriale
Leggi l'articolo Che 'l sia el Nadale de tuti
De chi ga fede e de chi no ghe crede, de chi sta ben e de chi sta male, de chi ne sta intorno e de chi ga inbocà la via del non ritorno
de Mario Klein
 
Spetando Nadale
Leggi l'articolo Fasendo el presepio
de Luigi Frosi
 
Da Lendinara (RO)
Leggi l'articolo "'Ndemo a balare, Taresina!"
de Renato Scarpi
 
"La Sguaratà" - Ciàcole adriote
Leggi l'articolo Angioleti a merenda
a cura de Romano Beltramini
 
Ciàcole visentine
Leggi l'articolo Aqua de Sandrigo
In sto paese de l'Alto Visentin ghe xe un mejaro de sortumi che forma raquanti torenti e che rende l'aria bona e neta
de Giordano Dellai
 
Da Thiene (VI)
Leggi l'articolo El Nadale
Na ricorensa che se ripete ogni ano, portando al mondo un messagio de pace e de bontà
de Bepin Daecarbonare