Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Gigi Vasoin

Memoria viva

De Padova gnanca un Papa e pochi Cardinali
El passajo davanti al Ponte de i quatro Papi in Prà de la Vale. La me curiosità me fa savere che i gera venessiani co' incàrichi a Padova. La me domanda anca su i Cardinali de la nostra sità

Quatro Ciàcoe
El ponte de i quatro Papi in Prà de la Vale. I xe tuti nati a Venessia, ma co riferimento de la so vita anca a Padova.
Go za contà tanti ani fà su le pàgine de 'sta rivista che par colpa de un destin scalognà un nostro padovan no' xe deventà Papa. Se trata del Cardinale Francesco Zabarella, nato a Piove de Sacco, studente a l'Università, professore fra i più inportanti in Europa de dirito canònico, Arcivescovo de Firenze, Cardinale. Su invito del Papa, el xe 'ndà al Concilio de Costanza, convocà da l'Inperatore Sigismondo. La situassion gera tanto crìtica parché, oltre al papa, esisteva do antipapi, eleti in circostanse tanto inverigolà. Durante el Concilio, el Cardinale Zabarella se ga inposto par la so sapiensa, par la so moderassion, par la sinpatìa che lu ispirava da parte de tuti i presenti. Purtropo, durante el Concilio, in te 'l 1414 el xe morto inprovisamente. Quando che l'Inperatore Sigismondo ga savudo la tràgica notissia, el ga dito a alta vosse e co' tanto dolore: "Zabarella, mortuus est Papa!" probabilmente intendendo che el gera la persona più adata a vignere fora dal Concilio come Papa. Xe stà fato Martino V.
Quatro Ciàcoe
Papa Alessandro VIII, al sècolo Pietro Ottoboni, che xe stà canònico del Domo de Padova.
Go contà questo parché, na doménega del '40 gero insieme co' me Papà e vignévimo fora da la partìa al canpo Appiani, dove che gaveva zogà la squadra del Padova. In via Carducci semo montà in màchina par tornare a casa e semo sùbito 'ndà in Prà de la Vale. Davanti al ponte che scavalca la canaleta ghe go dito al Papà: "Me pare che le quatro statue che sta sora al ponte sia statue de Papi; xei par caso Papi padovani?" "Nò - el me ga risposto - Padova no' ga 'vudo mai, o par 'na razon o par l'altra, nessun Papa nato o in sità o in provincia. Quée statue xe de quatro Papi venessiani che ga 'vudo da fare co' Padova. No' te so dire i nomi. Fàteli dire a scola del professore de reijon che da seno 'i sa!" E cussì par quel giorno la xe finìa. Ma mi so' senpre stà curioso e testardo e a la prima ocasion go vossudo avere la risposta.
Quatro Ciàcoe
Papa Clemente XIII, al sècolo Carlo Rezzonico, che xe stà anca véscovo de Padova.
Go spetà l'ora de reijon de la setimana dopo e, a la fine, me so' avissinà a l'insegnante Don Martinati e, co' rispeto, ghe go fato la domanda che me interessava: "Volentieri - el me ga risposto - ma adesso ho un'ora in un'altra classe. Se mi aspetti alle dodici e trenta all'uscita, faremo un pezzo di strada assieme e ti risponderò." E cussì xe stà. Prima el ga vossudo savere come che gera nata la me curiosità; el ga trovà giusta la risposta che in parte me gaveva dà el Papà, calcando el discorso sul fato che purtropo la nostra sità e el so teritorio no' gaveva mai espresso un Papa. Po' el ga dito: "Quei quattro Papi sono: Alessandro VIII, Clemente XIII, nella parte interna, mentre sul davanti Paolo II e Eugenio IV. Tutti veneziani. Ti faccio presente che ad adornare di statue e degli altri elementi il Prato della Valle è stato un procuratore veneziano, cioè Andrea Memmo, quindi l'ispirazione alle glorie della Serenissima è perfettamente in questo giustificabile, tantopiù che tutti e quattro hanno avuto un riferimento con Padova!" "Come mai?" go domandà. E lu ga continuà dizéndome che la statua de Alessandro VIII xe stà oferta da la milanese Duchessa Serbelloni che de casa gera, come el Papa, de la nòbile fameja de i Ottoboni. Pietro gera nato a Venezia in te i primi del 1600 e fato canònico de Padova verso el 1650 e sùbito dopo Cardinale. Nominà Papa su par zo quarant'ani dopo, el ga 'vudo un pontificato che ga durà solo pochi mesi, parché el xe morto in te 'l 1691.
"Mi stai attento?" el me ga domandà bruscamente el me insegnante. "Sembri assorto in altre cose!" "No, Reverendo: sono tanto concentrato nell'ascoltarla per non dimenticare una parola, che le sarò sembrato disattento. Lo sa che, in questi casi, quando torno a casa, stendo alcuni appunti?" "Bene, bene! Andiamo avanti!" e zo a contarme che Pietro Barbo, de 'na influente fameja venessiana, gera fiolo de Polissena Condulmer, sorèa del Papa in càtedra, Eugenio IV. La so fameja gaveva 'vudo òmini tanto valorosi in te le guere contro i turchi. Lu, nato ai primi del 1400, abate de S. Giustina a Padova, el gera stà fato Cardinale giovane e po', dopo la morte del zio, fato Véscovo de la nostra sità. Eleto Papa col nome de Paolo II, el xe stà ricordà dala storia come tanto interessà a la costrussion de lavori pùblici, fati co' arte e gran ponpa, come el famoso Palasso Venezia, in pieno centro de Roma. El ga sercà anca de preparare la Crociata contro i mussulmani, ma no 'l ga trovà el acordo col Re de Francia e el Re de Boemia. In conpenso el ga fato na polìtica de pase fra i vari stati che ghe gera in Italia. El xe morto in te 'l 1471, a suinquantaquatro ani.
Quatro Ciàcoe
Papa Paolo II, al sècolo Pietro Barbo, che xe stà anca véscovo de Padova.
Clemente XIII, al sècolo Carlo Rezzonico, gera nato a Venezia verso la fine del 1600, da 'na fameja originaria de la Lombardia. Za Cardinale, el xe stà nominà, in te 'l 1743, Véscovo de Padova. Eleto papa verso la metà del 1700, el ga dovudo fare 'na longa e fadigosa batalia diplomàtica co' i più inportanti stati europèi che voleva el siolimento de la Compagnia di Gesù. Gran opositore de l'"illuminismo", el ga condanà la "Enciclopedia" e tuti i so autori. El xe morto a Roma in te 'l 1769.
Le parole del Reverendo vigneva fora svelte e precise, mostrando prima de tuto 'na memoria formidàbile e in te 'l stesso tenpo 'na conossensa profonda de la materia. Mi lo 'scoltavo, preocupà solo de ricordarme tuto par i me apunti.
Gabriele Condulmer, nato a Venezia in te i ùltimi vint'ani del 1300, gera nevodo del Papa Gregorio XII. Canònico de la Catedrale de Padova, el ga fato ne la nostra sità 'na bonìssima funsion, sercando de tignere vissin a la Ciesa i òmini de arte e de cultura. Cardinale e po' Papa in te 'l 1431 come Eugenio IV, el xe stà l'ùltimo Papa a portare 'sto nome. El so periodo xe stà tanto burascoso, parché el se ga trovà in contrasto col Concilio de Basilea, convocà dal so predecessore Martino V, po' el ga dovudo scapare da Roma in lota co' la fameja Colonna. El ga passà un bruto momento in te 'l 1440. El Concilio de Basilea ga nominà un antipapa, ne la persona de Amedeo de Savoia col nome de Felice V. Tornà a Roma, co' l'aiuto de l'Inperatore el xe stà riconossudo da novo ne la so càrica. Morto a Roma in te 'l 1447, el xe passà a la storia par el tentativo, andà sbuso, de conciliare la Ciesa de Oriente co' quea de Ocidente e par la protession, co' grande mecenatismo, de leterati e de artisti.
Quatro Ciàcoe
Papa Eugenio IV, al sècolo Gabriele Condulmer, che xe stà canònico del Domo de Padova.
Gèrimo 'rivà da più de dieze minuti davanti a casa sua, quando che rispetosamente lo go saludà e ringrassià. Me so' messo a córare par strada, parché gero in forte ritardo su l'ora che i mii me spetava a casa. I se la toeva senpre co' mi parché i altri giorni conpagnavo a casa 'na me amiga de scola. Ma go spiegà tuto ben e no' ghe xe stà più gnente da dire.
Me xe restà in te le rece però 'na frase de Don Martinati: "Anche come Cardinali a Padova abbiamo avuto poco!" e questo bastava par far créssare la me sòlita curiosità. Ma el tenpo xe passà; so' 'ndà in liceo e go canbià insegnante. In un primo momento so' stà ne le mie, ma po' go capìo che podevo parlarghe. El gera un prete longo senpre che i studenti più grandi ciamava "Don chilòmetro" rosso de cavéi, gentile, tolerante e afàbile. Ghe go contà el precedente e, fra 'na ora e l'altra de lession, el me ga risposto co' tanta disponibilità. El se ciamava Don Bellato.
Prima de tuto el me ga fato el nome de Zabarella che go spiegà al scominsio del raconto. "Ma ci fu un altro cardinale nato a Padova a cavallo fra il 1300 e il 1400 - ga dito el me insegnante - che per un puro caso non divenne Papa. Egli, Lodovico Mezzarota, in Conclave non venne eletto per pochi voti in sucessione di Paolo II."
Po' el ga continuà dizéndome che i altri do Cardinali padovani xe stà el monselicense Paltanerio, nominà in te 'l 1261, in più Bonaventura Badoer da Peraga verso el 1380, amigo col fradèo Bonsenbiante del Petrarca; in te 'l 24 lujo 1374 el ga fato el discorso uficiale ai funerali del Poeta, e el xe stà anca Patriarca de Aquileia, oltre a Generale del so órdine. L'ùltimo, Bartolomeo Oleari nato a Padova, deventà Véscovo de Ancona, po' Arcivescovo de Firenze, Cardinale in te 'l 1389 e legato pontificio a la Corte de Napoli.
Cussì go savudo queo che volevo, anca se me xe restà l'inpression de 'na relativa inportansa de Padova ne la storia de la Ciesa, nonostante i so mèriti.

[torna sopra]

 

Archivio
2014 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro

Dal nùmaro de Febraro:

Editoriale
Leggi l'articolo Sercare le bone notissie
La crònaca de ogni dì la ne sta 'velenando la vita. Par difèndarse, dovemo darghe risalto a le robe positive, quele che ne fa tirare on sospiro de solievo
de Mario Klein
 
Memoria viva
Leggi l'articolo De Padova gnanca un Papa e pochi Cardinali
El passajo davanti al Ponte de i quatro Papi in Prà de la Vale. La me curiosità me fa savere che i gera venessiani co' incàrichi a Padova. La me domanda anca su i Cardinali de la nostra sità
de Gigi Vasoin
 
Anbiente
Leggi l'articolo Àlbari in piassa
de Luciana Ecchiotti
 
Da Adria (RO)
Leggi l'articolo Strade, cuògoli, cubeti e asfalto
de Sergio Bedetti
 
Da Schio (VI)
Leggi l'articolo Nostra Sorela Aqua
de Piera Rompato
 
Da Verona
Leggi l'articolo La Providensa
de Giacinta Dall'Ora