Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Sergio Bedetti

Da Adria (RO)

Strade, cuògoli, cubeti e asfalto

Quatro Ciàcoe
Na volta parecie strade de Adria le jera pavimentà de cuòguli, bei colorati, fati a vovo, che qualchidun, s'el gh'in catava uno cavà, el se lo sunava sù par scaldarse i piè in 'eto, dopo averlo messo int'el forno de la cusina; da le bande, o in mezo, a seconda de la larghessa de la via o de la piassa, te caminavi su marciapiè lissi, fati de lastroni de marmo che i diseva ch'i fusse stà rancurà da i nostri veci int'el teatro romano, che i stòrici ne cunta che fusse da le bande de l'ospedale.
Có te passavi de sora a sti cuògoli in bicicleta a te vegneva ingossa a forsa de insacoti, però... i jera tanto bei. Col tenpo a qualche aministratore comunale i ga parso na roba vecia (no antica, parché quela se sarìa salvà!) e cussì na bela man de black, na somenà de sasseti e jà parezà tuto. E va ben cussì. Altre strade jera invesse pavimentà co i cubeti, di bei cubi cussì grossi, che i piantacuògoli meteva zò uno a la volta. E na volta zò, no i se cavava più. Dopo jà doparà de i cubeti più picenini, che ogni tanto te vedevi mucià de qua e de là par el fato che na volta gh'jera la strada rota par giustar i tonbini, n'altra par i tubi del gas, n'altra ancora par quìi de l'aqua, n'altra pa 'l telèfono. Naturalmente quando uno l'eva finì i so lavori, coverzeva tuto co la tera, come ch'a fa i gati co i sconde i so bisogni, e quando che ormai a te t'jeri abituà a le mote-buse, saltava fora un piantacuògoli che rifaseva la pavimentassion e ti, tuto contento, te podivi gòdarte da novo la strada giustà. Odìo, qualche montagnoleta e qualche busòla ghe restava senpre, ma te la vedevi solo quando ch'a pioveva, specialmente par el Vescovado in dove che le màchine, passando, te faseva far serte docie, come se i gavesse dito che jera ani ch'a no te te lavavi le croste : ghe vol passiensa, la perfession no l'è de sto mondo! El guaio l'è scuminsià da qualche ano, parché, com'ela come n'ela, ogni tanto se cava un cubeto, po do, po tre e in t'un fià per l'altro salta fora na busòla, più in là gh'in salta fora n'antra, n'antra ancora e in qualche modo bisogna métarghe rimedio. L'aministrassion comunale, sia par la mancansa crònica de fondi, sia par la dificoltà de catare piantacuògoli (pare che la categorìa sia ormai estinta, sostituì da i piastrelisti) à fato na pensata geniale: metémoghe un tacon! E cussì in do e do quatro manda raquanti òmeni co atressi, asfalto, giarina insmaltecà de asfalto e per ogni busòla zò la so pèssa; cussì un tacon chi, na pèssa là, no te capissi più se la strada sia pavimentà de cubeti co qualche macia de asfalto o se sia asfaltà co qualche tocheto de pavimentassion, tanto par rónpare la monotonìa. Serto che qualchidun sarìa ora ch'el ne risolvesse el dubio amletico: sfaltemo tuto o pavimentemo tuto? Anca parché, ogni tanto, qualche cubeto finisse in canale e a la fine no vorarìa che, essendo za pavimentà el fondo, se decidesse che anca el ramo del canale esistente deventasse come Corso Mazzini e Garibaldi, ch'jà ciapà el posto del Canalin e indove che na volta faseva strapussi i bocia, 'desso parcheja le màchine.

[torna sopra]

 

Archivio
2019 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro

Dal nùmaro de Febraro:

Editoriale
Leggi l'articolo Sercare le bone notissie
La crònaca de ogni dì la ne sta 'velenando la vita. Par difèndarse, dovemo darghe risalto a le robe positive, quele che ne fa tirare on sospiro de solievo
de Mario Klein
 
Memoria viva
Leggi l'articolo De Padova gnanca un Papa e pochi Cardinali
El passajo davanti al Ponte de i quatro Papi in Prà de la Vale. La me curiosità me fa savere che i gera venessiani co' incàrichi a Padova. La me domanda anca su i Cardinali de la nostra sità
de Gigi Vasoin
 
Anbiente
Leggi l'articolo Àlbari in piassa
de Luciana Ecchiotti
 
Da Adria (RO)
Leggi l'articolo Strade, cuògoli, cubeti e asfalto
de Sergio Bedetti
 
Da Schio (VI)
Leggi l'articolo Nostra Sorela Aqua
de Piera Rompato
 
Da Verona
Leggi l'articolo La Providensa
de Giacinta Dall'Ora