Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Ugo Suman

Devossion popolare

I devoti de la Tera

Quatro Ciàcoe
...quei che podeva, par farla rigenerare no i semenava, i lassava la tera 'vegra' par un ano, a volte do, e dopo la produseva de più.
Come tuti sa, credo e spero, i antichi greci a la divinità che rapresentava la Tera i ghe ciamava 'Gea' che la gera la mojere de Urano, el paron del cielo còsmico. Questo valeva par i greci come el Padreterno par noialtri, solo par dire l'importansa de sto fato, e come dèa, la Gea, gaveva i so devoti, i so fedeli, quei che la invocava e se meteva soto la so protession, dedicàndoghe statue, capitèi, ofréndoghe preghiere, sacrifici e via discorendo.
Ma sta spolvarada de antica devossion e religiosità popolare, me serve solo par fare el paragon: anche ai nostri giorni ghe xe i devoti de la Tera e de diverse spece. Quei più in vista xe i cosideti 'Verdi' che - secondo le ciàcole del sòlito popolino informà - i xe come le angurie: verdi par de fora e rossi par dentro. Solo che questo, par el nostro ciacolare, no ga nessuna importansa: ghe xe anche adesso, come ne l'antichità e in maniera completamente diversa, i devoti de la Tera, co l'inissiale majùscola come la divinità. La Tera, no ocore spiegarlo, xe el favoloso Pianeta che ne òspita e che ne dà la possibilità de vìvare, fin che ghe sarà possìbile. Eco el parché de sta ciacolada che se pol ciamare parabòlica, nel senso de paràbola, raconto o discorso fato co l'intension de educare (ciamèghe gnente de sti tempi sperare na roba del genere!).
Nel Padrenostro de i cristiani se domanda al Paron de la Tera, che questa ghe daga da magnare. "Dacci oggi il nostro pane quotidiano". Qualcun dirà che par tanti, e par sècoli e sècoli, la xe stà solo polenta. Ma xe sempre da la Tera che el nostro vìvare vien fora a scominsiar da l'aria, generà dal movimento de la Tera. Infati, a na serta distansa dal nostro Pianeta, no ghe xe più aria, e l'omo no podarìa vìvare. La nostra civiltà - ciamémola cussì par distinguarse da le bestie che xe sensa - ga tanto sfrutà la Tera, par vìvare sempre più comodamente, che i la ga inquinà e i continua a farlo fregàndosene de i perìcoli e de le conseguense che i sta za vedendo. L'avelenamento de la atmosfera, el spostamento de le stajon col relativo cambio de temperature, i nevài o i ghiaciài eterni (el frigorifero de la natura) che se desfa, e fa aumentare el livelo de i mari che pol causare de tuto: maremoti, inondassion, teremoti e via de sto passo. Atension, mi no so' un siensiato o un competente in sta materia che regolamenta la natura, digo quel che se vede e lo ciamo o lo sotolineo co de i nomi o de le parole che no xe sempre quele giuste, se dirìa pertinenti. Quelo che conta xe capirse, parché l'argomento pol èssare 'parabòlico' come go dito prima: ma solo i orbi no vede el cambiamento che vivemo. Vardè come xe ridote le cità, anche la nostra un tempo campagnola, fra poco no se podarà gnanche più caminare...
Pensève che ne i ani Trenta del secolo passà, in quelo che xe stà el me paese natìo, alora el gera un paese de campagna, adesso l'è la fotocopia de na citadina. In quel tempo ghe gera na maga che go nominà altre volte: scomunicà e vardà come un diàvolo semovente. E sicome la diseva de tuto a quele done che meteva al mondo sete, oto, diese putèi sensa poder darghe da magnare, e dopo le se lamentava par le tribolassion (na spece de Bonino del nostro tempo), queste la malediva. La se ciamava Camila, e la faseva i pronòsteghi su na sfera de vero. A propòsito de i omani e de l'avenire de la Tera, la prevedeva, sempre ne la so bala de vero, che a un serto punto i campi no gavarìa avù più risorse e i òmani sarìa morti de fame. La Tera, in sta maniera, na volta lassà a riposo, la se gavarìa rigenerà, come dopo el diluvio universale, par de le nove creature. Ne la stessa maniera de i contadini de quel tempo, quei che podeva, par farle rigenerare no i semenava, i le lassava 'vegre' par un ano, a volte do, e dopo le produseva de più.
Un mecanismo che go sentìo tratare su na trasmission televisiva importante, da un siensiato russo che gera vegnù a un convegno su l'inquinamento del Pianeta. "Se i òmani no se ricrede e torna indrìo - questo in sostansa el ga dito - fra un serto nùmaro de sècoli, ma no tanti, l'umanità sparirà da la Tera, par tuti i motivi che conossemo e che la ga portà a l'autodistrussion." E sicome, a so parere, i òmani sta caminando su la strada che ne portarà a ste conseguense, fra n'altra brancà de sècoli, sparirà tuto. Ma dopo qualche sècolo ancora, la Tera rigenerà, ghe darà vita a altre creature umane adate al quel tempo.
Me xe vegnù in mente la vecia Camila de i me ani lontani, e me so' fato sta domanda sensa risposta. Ma come fasévela na povara analfabeta pensare, savere e pronostegare robe tanto grandi, più de otant'ani fà, quando ghe gera solo la miseria? El ciaro a petrolio, la candela par la luce, el fogolaro pa 'l riscaldamento? Go pensà che forse dentro la so sfera de vero la vedeva e la parlava co la 'Gea', sensa savere che la gera la dèa de la Tera e forse la xe stà ela a informarla de sti fati. Sarà ben dire qualche orassion verso l'alto, anche se - come pensarà la magioransa - fra na brancà de sècoli no ghe saremo più noialtri, e tuta la nostra dissendensa. Quei de quel tempo novo se rangiarà, come ga fato sempre e in ogni tempo l'umanità.

[torna sopra]

 

Archivio
2022 21 20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro

Dal nùmaro de Marso:

Editoriale
Leggi l'articolo Guai, se perdemo la dona!
La xe senpre stà modelo e perno de ideali, valori e stili de vita par la fameja e par la socetà. Stemo 'tenti, òmeni, a no stufarla!
de Mario Klein
 
Devossion popolare
Leggi l'articolo I devoti de la Tera
de Ugo Suman
 
Le nostre brave done
Leggi l'articolo Nona Ena, a giugno 105 ani
de Luigi Frosi
 
Da Rovigo
Leggi l'articolo La tratorìa
de Gianni Sparapan
 
Tradission de na volta (in visentin)
Leggi l'articolo "Bàtere Marso"
de Antonio Maraschin
 
Da la Bassa Veronese
Leggi l'articolo Ida Murari, 'na maestra speciale
de Lucia Beltrame Menini