Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Bruno Rossetto Doria

Da Maran Lagunare (UD)

Amore!!!

Quatro Ciàcoe
Me nessa Emma, do ani el 12 magio: xe de magnala cò la disi: "Amore!"
Che granda roba che xe deventà nuni. Credevo che dopo el primo nevodo me passissi la voja e invissi, 'pena nata la Emma, xe tornò scumissia duto de racò. La xe un ziogàtolo, màssima 'desso che la riva squasi do ani. Dopo disnò la vol vignì in 'eto con mi, ghe conto robe de so fradel Giona, del bu-bù, ogni volta invento qualcossa pa fala indormessà undrumàn, parché dopo, posta fa passa el tenpo me meto lese un libro. Sinò, come passà le do ore che stago distirò con ela. Cò la se sveja e la me pusa le manine sul muso e la me caressa, dizendo: "Caro nono", me ciapa na roba...
La ga inparò a caminà tardi, ma a parlà la ga scumissiò presto. Invissi de 'ndà a gato come che fa duti i ciciti, ela la se sposteva in sentòn strassinando el cul par tera. So nona Elda la pianseva, la se lamenteva, la me svejèva de note parché gereva passài za sédese misi e so nessa Emma gniancora no la camineva.
Mi ghe brontolevo, no vevo nissun pensier dal momento che i duturi i diseva che gera na roba normale, che intanto la fiola la svilupeva altre bande.
El fato che no la camineva, sensa inacòrzese pusévomo duto l'afeto sora de ela; mancomal che so mare Rosella la ne vizeva che vévomo de sta tinti, che 'l gera za bastansa geloso par so conto, el Giona.
Caminando pa strada son duto orgolioso. A spasso pa 'l paese la saluda duti: "Ciao, ciao", parfìn i todischi la saludeva st'istàe passò, stando in carossela. Sintìndola, luri i se fermeva maravejài a sganbià el saluto e ciò suso el dolse surizo che la ghe mandeva.
Me dispiase che sul giornalin parochial no i marca quìi che nassi, ma sol quìi che vien batisài. "La voce della laguna" xe un giornalin maranese che 'l gira par duto el mondo, che 'l va pa dute le case. I parinti che lo lesi, màssima quìi che i xe lontan de tanti ani, forsi ghe varissi fato piassèr savé che 'l Toni Bagonghi el xe deventò nono.
Quatro Ciàcoe
Sta fiola la xe nata col soriso stanpò in boca...
Che colpa ga i ciciti: no xe capitò ancora che i se ga batizò de grandi, dopo che i gera deventài paruni de razonà co la so testa... secondo valtre, e co' xe giusto trovali in ùltima pàgina tanti ani dopo? E co' xe giusto vignì savè lesendo quela pàgina che anca luri i gereva nati a Maran, che i gereva fii de maranisi?
Che roba che xe de ela, che teneressa e gentilessa che la tien, xe de magnala cò la disi: "Amore!", 'pena visti i fioliti e la Carrà pa tilivisiòn, vardala co la va vissin de i fioliti come ela, e vede el modo che li varda, che li caressa; la lassa duti a boca verta. L'altro zorno na dona la ga dito: "Quela fiola là la xe nata col soriso stanpò in boca."
'Desso che la camina no la vol più sta in brasso, e cò la vidi i cani, e chi la tien più! La taca còreghe drio anca se i xe grandi e grossi. La ga la manìa par luri.
Cò vago sul barcòn, la siga: "Spilo, Rasta, Chira", la ciama duti i cani che vemo torno el visinal. In leto col nono Bruno, dopo el ciucio, la vol che ghe fassa conpagnìa anca el bu-bù de pelus e l'orsachioto.
Son sicuro che de grandi i desméntega ste robe, eco parché le scrivo. Un doman voi che i sapia le sodisfassiòn che i ne ga regalò e le emossiòn che 'mo provò, oltra a vignì cognosse el ben che ghe voleva a luri i nuni.
El Giona ormai el xe un omeneto, in setenbre al va a scola. 'Desso fasso fadiga a ciapalo, daghe un baseto. Forsi sarà parché no ghe dago duti i cuntinti, che 'l xe deventò capricioso. Se me strinzi el cuor a volte, ma no cedo. Bisogna che l'inpara, che no senpre se ga de ve duto quel che se vol.
Ganbia carega ghe fevo, co 'l gera picinin, stanco de tignilo in brasso de na banda, che lo passevo in quel'altra. Giona no ghe piaseva caminà. Emma, invissi, 'pena tacò i primi passi no la ga volesto più savéghene de montà in brasso.
Pa' Maran la ghe curi drio a duti i cani che la vidi pa strada. Varissi caro cioghe un caneto, ma 'mo za provò co' che vol dì afessionasse a na bestia. 'Mo soferto massa cò, dopo vecio, ne veva lassò el Sting, el barbonsin che veva portò a casa so pare Mauro. E po' 'desso vemo n'etàe che no podemo staghe drio ai cani, e... basta tignive conto valtre.

[torna sopra]

 

Archivio
2019 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro

Dal nùmaro de Majo:

Editoriale
Leggi l'articolo Eco dove nasse i àngeli
Davanti a casi come quei de Samuele e de Tommy, vien da pensare de avere scoperto el posto dove nasse i àngeli del celo
de Mario Klein
 
Le storie de Nando
Leggi l'articolo Luisa de Vila del Bosco
de Fernando Boaretto
 
Da i Coli Euganei
Leggi l'articolo Le cure de nantro tenpo
de Gemma Bellotto
 
Da Maran Lagunare (UD)
Leggi l'articolo Amore!!!
de Bruno Rossetto Doria
 
Da Schio (VI)
Leggi l'articolo Solidarietà e generosità
de Piera Rompato
 
Ricordi (in dialeto de la Lessinia Centrale)
Leggi l'articolo Zugar in corte
de Luigi Ederle