Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Maria Damonte

Da Maran Lagunare (UD)

Cantà xe senpre un bel ricordo

Quatro Ciàcoe
Domenico Modugno al Festival de Sanremo
A volte quando che 'l ricordo el va a toriolon (gira senza meta), me vien in mente che co gero zoveneta ogni tanto de domenega matina vigniva in piassa Vitorio Emanuel un omo che oltre che a vende cansonete, el creeva parole in rima, traendo spunto da un fato de crònaca del tenpo.
La mùsica e la copieva da qualchi cansòn in voga: ricordo che 'l veva 'na bela vose e che 'l canteva aconpagnàndose cò la fisarmònica. I testi de le cansòn che 'l vendeva i gera formài da quatro faciate de carta colorada; co 'l riveva, de tanto che ne piasèva el canto, mi e 'na me amica no se li fasévomo scanpà, li conprévomo senpre e gera par naltre "festa in Domo". Oltre che a quisti cansonieri, conprévomo anca i libriti intitolài " Il canzoniere della Radio", èditi da le "Messaggerie Musicali" (MI). Sti qua i vigniva fora ogni 25 del mese e i costeva 60 franchi (lire); 612, se se faseva l'abonamento par un ano; quisti li conprévomo da "Berto" che oltre al bar el veva anca un'edìcola de giornài. Dopo vè tignùo i fredèi più picoli 'na bona parte del zorno, cò vignìva a casa de lavorà le nostre mare, no vedévomo l'ora de trovasse in t'un scalin de 'na porta de la fàbrica del ton "Maruzzella", parchè in sto posto podévomo cantà cò duto el fiò che vévomo in gola. La me amica la veva 'na vose elta e tremolante, mi un poco più zòvene penso che no la vevo ancora svilupada, ma in conpenso vevo recia e me parevo. Riguardo ai cantanti verso i ani 50-60, no ghe ne gera tanti e se podeva contali cò i dì de le man; ricordo: Alberto Rabagliati, Claudio Villa, Luciano Tajoli, Clara Jajone, Jula de Palma, Nilla Pizzi, Gino Latilla, sposò cò Carla Boni, Natalino Otto e Flo Sandon, anca luri spusi cantanti, e ancora el Duo Fasano, Achille Togliani, Oscar Carboni, Giacomo Rondinella, ei napoletani Nunzio Gallo, Gloria Cristian e Aurelio Fierro. Ghe ne sarissi ancora altri de mensonà, ma me fermo considerando che 'desso i cantanti i vien sfornài come el pan, cò le tecniche che xe, duti pol inprovisasse cantante, ma xe rari come le mosche bianche quìi che se distingui, o come che disemo a Maran "i se gava fora dal masso".
Quatro Ciàcoe
Nilla Pizzi
Dopo quisti cantanti la Rai la veva bandìo un concorso de "Voci Nuove" e la ghe ne ga sfornài altri che i ga vesto in quìi ani un grando sucesso. No esséndoghe la television o altre possibilità, le cansòn le inparévomo da la radio (un lusso), o anca da i dischi che i meteva i paruni de le giostre in piassa Rissanamento. Queste le vigniva puntual par la festa de S. Vito (15 Giugno), ma anca in Agosto e par naltre gera 'na goduria sintì cantà i cantanti de quel tenpo. Senpre riferìndome ai ani sora citài, la Radio la feva 'na trasmission intitolada "Cento canzoni da salvare": 'vendo i libriti, naltre le savévomo squasi dute a memoria, strofe e ritornel. Xe incredìbile come certe cansòn (o altro) inparàe in zoventù le resta ne la mente per senpre. Nel 1956, al 6° Festival de la cansòn de S. Remo, mi gero a lavorà a Roma; me ricordo che drio el leto vevo un pìcolo aradio; anca se sbassò al mìnimo, son riussìa a sintìmele dute. Me ricordo che a l'indoman gera festa e bonora 'ndando a Messa, le cantichievo pian, ricordàndome bona parte de le parole e de la mùsica. Senpre cò gero a Roma 'na doménega insieme a 'na me amica semo 'ndàe a trovà so mare che la lavoreva in t'un albergo. Quel zorno la gera de turno e parlando la ne veva dito che in t'una camera ai piani de sora ghe gera un cantante che 'l scriveva anca cansòn; sto qua el se ciameva Domenico Modugno. Mi no vevo mai sintìo sto nome e par ricordàmelo me lo son scrito in t'un tòco de carta.
Quatro Ciàcoe
El Quartetto Cetra
Sucedeva che cò verzevo la radio e sintivo le cansòn, stevo senpre 'tenta se i lo nomineva. No xe passò tanto tenpo che i ga scumissiò a mensonalo, tanto che nel 1958, a S. Remo, el ga vinto el primo premio cò la cansòn "Nel blu dipinto di blu". Da quel primo grando sucesso ghe ne xe seguì tanti altri, rivelàndose l'artista de indubio talento che duti cognossemo e che 'l restarà par senpre ne la storia de la cansòn taliana. Finindo sto artìcolo, riporto par ricordalo sta curta strofa de la cansòn "Dio, come ti amo!" (1966):

Nel cielo passano le nuvole
Che vanno verso il mare,
Sembrano fazzoletti bianchi
Che salutano il nostro amore.


[torna sopra]

 

Archivio
2022 21 20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro

Dal nùmaro de Otobre:

Editoriale
Leggi l'articolo Vegnerse incontro
El pi de le robe de sto mondo xe fruto de colaborazion tra persone che se xe messe d'acordo sul parché, sul come e sul quando farle
de Mario Klein
 
Sbiansi de civiltà contadina
Leggi l'articolo Ingiurie d'angurie
Un spissingo volgaroto e ronpiscàtole fa 'ndare fora da i gàngari un anguriaro che, spassientìo, el lo manda a chel paese in malo modo
de Dinerio
 
Sbiansi de civiltà contadina
Leggi l'articolo Contème, nona
de Luigi Frosi
 
Da Maran Lagunare (UD)
Leggi l'articolo Cantà xe senpre un bel ricordo
de Maria Damonte
 
Da Rovigo
Leggi l'articolo Le zeche
de Gianni Sparapan
 
El raconto del mese (in visentin)
Leggi l'articolo Le sgàlmare de la Catinela
de Antonio Maraschin