Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Enzo Coltro

Da San Bonifacio (VR)

I çento ani de Bepi Polidoro

Quatro Ciàcoe
Giuseppe Polidoro, "Bepi", dragone del "Nizza Cavalleria" nel 1926 a Torino.
Rivar a sta età, ancò, l'è 'na roba che ga del màgico, soratuto se la vita l'è stà tribulà e difiçile come chela del nostro.
Nato el 17 aprile del 1906 te 'na fameja de contadini, co so bopà che 'l faséa el guardacanpi par de i siori del paese, da buteleto Bepi el ga dovù tèndar so fradèi pi pìcoli, cossì come era tradizion del tenpo da le nostre parte.
Fata la terza elementare, dopo el ga scominçià a laorar, senpre come contadin, a giornada.
A vint'ani, nel 1926, Bepi l'era aiuto cogo del Nizza Cavalleria te la caserma de corso Stupinigi, a Torin. Chela l'è stà par lu una de le pi grende sodisfazion de la so vita! Ancora 'desso el se vede vestìo da dragon, co 'l so bel'elmo, montà a cavalo insieme ai soldà del so squadron!
I so oci no i vede pi ormai da diverso tenpo, ma la so memoria l'è senpre viva e presente. Lu 'l se ricorda tuto e el conta, come se le robe de tanti ani fà le fusse capità el dì avanti. Guai portarlo indrìo co i discorsi, parché alora Bepi el deventa un fiume in piena e no gh'è àlzari che riessa a contegnerlo!
Lu el se ricorda tuto de un fato: giorno, mese, ano, parfin el momento de la giornada che l'è capità.
Da un saco te tenpo el vive te 'na casa de riposo del nostro paese e sto ano, el 17 aprile, dì de Pasqueta, è stà fata 'na bela festa par i so çento ani. Lu el ga fato onor a sta ocasion, gustando la so bela feta de dolçe e brindando co un mezo bicer de moscato che 'l ga particolarmente gradìo.
Bepi l'è el me confidente ormai da tanti ani. Me piase sentarme viçin a lu, te la so camareta, e nar in volta con lu su 'l sentier de la memoria... Ogni olta el me conta calcossa de novo e tute le "perle" che 'l m'à regalà, le go riunìe te un capìtolo de i Quaderni de Coalonga che è stà presentà, come ogni ano, sto ano nel mese de lujo.
Da buteleto el se godéa a nar a catar so nono che ''stava in Zerpa", un logo del comune de Arcole indò el teren l'era tuto 'na palude (l'è proprio là che Napoleon el ga conbatù la famosa batalia del ponte nel novenbre del 1796). El ghe nava a piè traerso i canpi, po' el ciapava la barca e finalmente el rivava. Ghe piaséa nar là parché so nono, che 'l gavéa la s-ciopa, el ghe sbarava a le grole (corvi) e po' el le metéa a cusinar lesse. Bepi el se ricorda senpre sto magnar e el çerca de convinçarme, ancora 'desso, che no gh'è gnente de pi bon al mondo de chel piato, ma 'l capisse dal me voler tajar el discorso che mi 'na specialità del gènare no la tastarìa mai!
El me conta spesso del so laoro a giornada, quando el netava i fossi de inverno e no gh'era gnancora i stivài. Alora el doparava le "casse", che le era fate de legno (parallelepipedi); rento el ghe ficava i piè e el ghe metéa de la paja par star pi caldo e còmodo. Po' el nava rento in acoa e el laorava par ore e ore...
Stando tuto el dì a sfadigar al caldo o al fredo, gh'è vegnù anca 'na malatìa ai polmoni e alora l'è nà a curarse par un bel tòco a l'ospedal del Lido de Venezia.
Bepi el me conta senpre tanti fati sucessi nel nostro paese. El se ricorda che me nono Cilo, che 'l gavéa l'ostarìa davanti a casa sua, a la Mota, in tenpo de guera el ghe ga tegnù, te la stala in corte, el so musso. I Polidoro i gavéa paura che i Todeschi i ghe lo portasse ia, parché la so stala l'era massa in vista e dopo i pensava che da me nono la bestia la fusse pi sicura anca da i bonbardamenti. Finìa la guera, Gusto, el pare de Bepi, l'è nà a torse el musso, ma sto chì no 'l voléa vegner fora da la stala. Tira che te tira, l'omo el lo ga portà fin viçin a la porta e l'è stà alora che 'l s'à inacorto che 'na spera de sol la traersava la recia de la pora bestia. Era sucesso che 'na granata, sparà da i Mericani da la piazza sul canpanil, indò i credéa che ghe fusse sconti de i Todeschi, l'era scopià in corte da me nono e 'na schegia la gavéa sbusà la recia del musso!
Bepi el me conta anca el fato de la sagra de la Mota, quando la zente de la contrà la ga sistemà, su la ponta de l'asta del monumento a i Caduti, 'na croce tuta iluminà da lanpadine. La se vedéa da distante, cossì alta e luminosa, e da i paesi viçini è rivà un saco de curiosi che i gavéa pensà a un miràcolo.
El se ricorda anca quando nel 1926 i fassisti i ga sistemà el parco de la Mota, piantàndoghe de i albareti co viçin a ognun la targa co 'l nome de un caduto. El 4 novenbre de chel'ano de i giovani fassisti i ga malmenà du-tri esploratori de l'ASCI e alora el sìndaco el ga fato serar l'Oratorio par evitar de i altri incidenti.
Anca le tante piene de l'Alpon i è ben fisse te la memoria del Bepi, quando el torente el portava zo da i monti de tuto: albari, stalòti (porcili), asse... e lu 'l tirava sù da le acoe la legna che po' la ghe servéa par scaldarse in inverno.
çent'ani che pesa chei del Bepi, parché fati de cali, de lote par sbarcar el lunario, de tribulazion... ma soratuto chel che fa strénzare 'l cor i è chei oci, 'na olta senpre pieni del verde de la canpagna e spalancà a la vita, che 'desso no i se posta pi su gnente e che lo fa dipèndare da i altri... 'N omo come lu!

[torna sopra]

 

Archivio
2022 21 20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro

Dal nùmaro de Novenbre:

Editoriale
Leggi l'articolo Servire la Patria
Tenpo de rievocazion e ricordi, privati e pùblici: el ricordo de i propri cari... el xe senpre preciso, quelo che riguarda avenimenti stòrici che ga canbià el mondo... el se porta drio interogativi che ne fa pensare
de Mario Klein
 
Curiosità linguìstiche
Leggi l'articolo Parole squasi conpagne
Ospitemo un dialeto diverso dal nostro, che ga parole che ghe someja a le nostre
de Milosc Voutcinitch
 
Lavori de na volta
Leggi l'articolo Storia de na mondina
de Mario Galdiolo
 
Tradission nostrane
Leggi l'articolo La festa de San Martin
de Daniele Marcuglia
 
Robe de Ciósa
Leggi l'articolo I "morti"
de Angelo Padoan
 
Da San Bonifacio (VR)
Leggi l'articolo I çento ani de Bepi Polidoro
de Enzo Coltro