Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Wanda Girardi Castellani

Da Verona

Giorgio Ferrante
nel Futurismo veronese e l'amicissia con Umberto Boccioni

Quatro Ciàcoe
El dot. Giorgio Ferrante, amico de Umberto Boccioni.
L'ò conossudo nel 1949 nel Cenàcolo "B. Barbarani" che alora el gavéa sede al ristorante "Torcoloti", in via Zambelli. Ma tanto prima de lu m'èra rivà a le rece la so fama de dotor, poeta, scritor e pitor, membro de la "colonia" veronese futurista fondada da Filippo Tommaso Marinetti. Savéa inoltre la storia che lo ligava al più grande esponente de 'sto discusso movimento; Umberto Boccioni e a la so tràgica morte a Sorte del Chievo (VR), 'na località ancó cèlebre par la ecessional squadra de balon
De Boccioni ghe n'ò parlà su "Q.C." de marso 1986, ma sicome da alora è passà vint'ani, sarà mèjo, par ci no lo conossesse, che torna a riparlàrghene, visto che l'è ligà a fil dopio co' l'argomento "in tola"...
Dunque... Umberto Boccioni, "Re" del Futurismo italian; la corente artìstica de la qual ò parlado anca in longo e in largo nel nùmaro de genar de do ani fà, l'èra nato a Reggio Calabria el 19 otobre del 1882 e a Verona el gh'ea capità quando da fervente interventista el s'avéa aruolà volontario ne la guera "1915-18". Dopo de aver conbatù eroicamente su l'Altissimo de Nago con i altri ben conossudi futuristi, Marinetti, Sironi e Santelia, ne l'istà del 1916 l'èra stà, dunque, trasferido al Chievo ne l'artilierìa da canpo e sicome a Verona ghe stava de casa so sorela Amelia, sposada a un noto professor messicanologo, grande studioso de le civiltà pre-colombiane, Guido Valeriano Callegari, quando l'èra lìbaro dal servissio el podéa cusì star in fameja. Propio in casa Callegari l'à conossù Giorgio Ferrante, giovane studente, alievo del cugnà e aspirante futurista, col qual, catàndose in sintonìa parfeta, sia in arte che nel pensiér, l'à streto amicissia tanto più che i gavéa modo de incontrarse spesso dato che de Ferrante el prof. Callegari el se serviva par farghe aver a Umberto, a Sorte, létere, pachi, ecc.
A quei tenpi stava faséndose un nome nel canpo de la poesia vernàcola veronese el nostro Berto Barbarani e le so lìriche i èra uno tra i argomenti principali ne i saloti. Anca in casa Callegari se ghe ne parlava e Boccioni, incuriosido, l'avéa espresso el desiderio de averghe 'na copia de i "Du cansonieri", el primo "parto" del Poeta scaligero. Sùbito Ferrante el s'avéa inpegnà a portàndoghelo de persona, nel dopodisnar del giorno 16 agosto (1916) a l'ostarìa che ancora esiste a Sorte de Chievo.
Ma el destin, inteso come 'na lògica de l'atività continua, dinàmica, de la vita e de la natura, l'à volù che proprio quel giorno Giorgio Ferrante el fusse trategnù da un inproviso inpegno, cusì Boccioni... speta e speta, l'à pensà de andarghe incontro, tolendo in presto (col parmesso del so sargente) un caval.
Ma el "nostro", oltre a èssar un strasso cavaliér el sofriva pura de labirintosi, un disturbo a le rece che pol dar gravi stornisìe. Cusì, durante la cavalcada l'è stà sbalsà da séla restando con un pié infilà ne la stafa e quando finalmente el caval l'à fermà la so mata corsa el cavaliér oramai l'èra spirà. Me ricordo che quando mi e 'l pitór, Maestro Luciano Pollini, grande apassionado de tuto quel che se riferisse a Boccioni, emo çercà i ùltimi testimoni de 'sto fato e se semo fati firmar 'na dichiarassion da parte de do done novanteni, quele stesse che quela sera, acorse par çercar de portar aiuto al pitor, le avéa dovù lavarghe la facia insanguenada, par védar ci el fusse. Tute do, a l'època butelote, le se lo ricordava "tanto belo"!
Se pol ben imaginar la desperassion de Ferrante quando, rivà finalmente a l'ostarìa de l'apuntamento col libro soto el brasso l'à savù da la parona Maria Bianchi de la disgrassia de la qual po' el s'à dà (ingiustamente) la colpa!
Ferrante l'è morto a 92 ani, nel 1990, e, fin a la fine, ogni olta che vegnéa fora el nome del so amigo Umberto ghe s'à inpenì i oci de làgrime!
El n'à contado che Boccioni l'avéa sognado de morir, conbatendo con el s-ciopo in 'na man e 'l tricolor ne l'altra... ma che ne la bandiera, istesso, i ga involtolà la bara quando, con drio quatro gati, i l'à menà al nostro çimitero dove el riposa 'rente a so mama che su la piera la ga 'sta scrita comovente: "O adorata mamma, la morte di tuo figlio che ti riposa accanto, spense in te per due lustri moto e parola, non lo spirito vegliante in tragico silenzio."
La piera del "calto" de l'artista l'è inveçe ornà da 'na grande aquila de bronso (colonbar numaro 14, secondo ordine, reparto 14) e l'è tuta tenpestà de scrite a matita con le più bele firme del Futurismo italian: Gino Severini, T.F. Marinetti (autor con Boccioni del famoso manifesto futurista proclamà nel 1909 sul "Figarò, a Parigi), Giovanni Centorbi, Carlo Carrà, Luigi Russolo, Giacomo Balla, Balilla Pratella e naturalmente Giorgio Ferrante.
Sul logo de la disgrazia ghè stà po' messo tacà a la stacionada che divide la strada da la ferovìa del Brennero un cipo comemorativo scolpì da Umberto Bottacini. De la cura de questa, come de la tonba al cimitero, se incarica el Maestro Luciano Pollini che l'è stà anca grande amigo de Giorgio Ferrante.
E proprio in casa de Luciano Pollini ò ritrovà el dr. Ferrante, dopo 'na vita. L'èra za avanti ben co' i ani. Ne la Grande Guera, l'avéa fato in tenpo anca lu a aruolarse volontario come uficial nel corpo glorioso de i alpini. Tornà a la vita civile e finidi i studi de mediçina, l'avéa fato tesoro de i insegnamenti de Boccioni. Prosa, poesìa e pitura in lu i è 'ndà a brasseto co' la siensa de Esculapio. Tra le so òpere più conossude: "Soave migrande", "Essere atteso", "l'Angelo", El "garzon de la giostra", "Prose", "Cuor di brina", "Essere atteso da te", "La foresta a domicilio", "Saggi di poesia", "Parole alla madre e al padre", ecc.
El ga avudo diversi inportanti riconossimenti e l'è stà amigo stimatìssimo de Renato Simoni, Leonardo Borghese, Lionello Fiumi, Arnaldo Fraccaroli, Orio Vergani, Lorenzo Montano, D'Annunzio, Barbarani, Centorbi.
Oltre che ne le prose e poesìe, Ferrante el ga avudo ne la pitura crìtiche lusinghiere specialmente in çerte mostre come quela a la galerìa san Luca nel 1978, fata con l'amigo, Maestro Pollini. Ferrante l'èra un straordinario "cartopittore", un genio ne 'sto canpo... parer stanpà anca a grandi caràteri da Borghese sul "Corier de la sera".
Pecà che a un çerto momento, e fin a la so scomparsa avegnuda nel dicenbre 1990, el s'abia isolà dal mondo... come che 'l fusse stà su la luna.
I so lavori, paraltro, i è stà senpre de 'n rigor stilìstico... de 'na modernità assoluda... obedienti a 'n'emossion poètica, intesa come 'n'arma de rotura, un potente mèso de evasion da i veci schemi.
El Futurismo el gh'èra entrà del tuto nel sangue.

[torna sopra]

 

Archivio
2022 21 20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo La xe dura, ma speremo
Se volemo continuare nel lavoro de difesa de la nostra cultura e de le nostre tradizion, semo costreti a domandarve aiuto
de Mario Klein
 
Devossion popolare
Leggi l'articolo El libro de la vita
de Ugo Suman
 
Memoria viva
Leggi l'articolo I Papafava, ùltimi Carraresi
Le aventure corajose de me Papà che ga sercà el tesoro de i Carraresi. La so disponibilità de farme conóssare la storia de Padova. Mi go sercà de savere le orìgini de 'l nome Papafava
de Gigi Vasoin
 
Tradission nostrane
Leggi l'articolo El Panevin o Pìrola pàrola
de Daniele Marcuglia
 
Da Verona
Leggi l'articolo Giorgio Ferrante
nel Futurismo veronese e l'amicissia con Umberto Boccioni
de Wanda Girardi Castellani
 
Da S.Stèfano de Zimela (VR)
Leggi l'articolo Fumare
de Antonio Corain