Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Gigi Vasoin

Memoria viva

I Papafava, ùltimi Carraresi
Le aventure corajose de me Papà che ga sercà el tesoro de i Carraresi. La so disponibilità de farme conóssare la storia de Padova. Mi go sercà de savere le orìgini de 'l nome Papafava

Quatro Ciàcoe
La vecia casa de canpagna, oncò del nevodo Capodaglio, a Carrara S.Giorgio, in te 'l Comune de Due Carrare.
Me Papà gera nato a Carrara San Giorgio in te 'l 1884. El gera vignù al mondo ne la bela casa de canpagna de me Noni, parché el palasso de la fameja a Padova in via Altinate gera in restauro. Comunque la fameja passava tanto tenpo a Carrara San Giorgio (ancò parte del Comune Due Carrare) parché el Nono gera più vissin a la canpagna, e parché par dire el vero, 'na volta no' i 'ndava in "villeggiatura" come che sucede 'desso. La fameja gera granda senpre: Papà, Mama, el Zio Prete fradèo de 'l Nono e oto fiòi, do fémene e sie mas-ci, più le camariere.
El Papà me ga senpre contà co' vero piassere de la so giovinessa a Carrara San Giorgio. Le corse pa' i canpi, i zoghi co' i fradèi in te la grande corte davanti a casa, la pesca ne la pescherìa che circondava tre canpi de vigne de ua bianca e nera da esposission, le noade in te 'l canale de Pontemanco, la cacia a le lòdole e a le fiste in stajon ne le bee verte de la canpagna co 'l Zio Prete.
'Na volta, gèrimo proprio in te 'l '40, 'pena s-ciopà la guera, el me ga conpagnà a Carrara da me Zio Angelo, che gaveva 'vudo in eredità da 'l Nono la casa e la canpagna. Gèrimo 'ndà par passare la doménega a pescare. Parlando de tante robe, come che gèrimo sòliti fare, xe saltà fora un discorso che me lo ricordarò par tuta la vita. Un discorso pien de particolari de storia padovana e vèneta che ne ga messo in te le condission de no' stare più atenti se i pessi magnava e portava via el stròpolo che gera a gala su l'aqua.
El me ga contà che la potente fameja de i Carraresi, che gaveva dà el nome al teritorio, gaveva là un belìssimo castelo fato ne la seconda metà de 'l 1100. 'Sto castelo gera el centro de 'l potere de la fameja carrarese proprietaria de tante canpagne a Arquà, a Anguillara, a Pernumia, a Agna e altri posti.
Come che go scrito su 'sta rivista tanti ani fà, un Jacopo da Carrara, furibondo nemigo de 'l tirano Ezzelino III da Romano, che gaveva ocupà Padova e el so teritorio in te 'l 1237, gera stà fato fare prigioniero da 'l tirano in te 'l 1240 e fato tajare la testa a Padova su 'l Ponte de San Giovanni de le Navi. De conseguensa, dopo poco tenpo, el castelo gera stà distruto par órdine de 'l tirano. Fin alora, quando che parlàvimo mi e me Papà e anca fin 'desso che scrivo, no' se ga mai savudo co' precision dove che fosse el castelo. La legenda dize che 'l doveva èssare pressapoco dove che xe 'desso la cesa de la frassion de Carrara San Giorgio. "L'ùnico, che mi sapia - ga dito el Papà - che gabia scrito calcossa su le 'macerie' de 'l castelo xe stà el Vergerio, a cavalo fra el 1300 e el 1400. Da i resti el ga capio che el gera un castelo inportante, grande da i muri grossi e resistenti."
Quatro Ciàcoe
El monteselo a fianco de la cesa de Carrara S.Giorgio dove, soto, i diseva che ghe fusse el tesoro de i Carraresi, ancora più; de sento ani fà.
El ga concluso dizéndone: "Basta, no' peschemo più! 'Ndemo via che te go da mostrare 'na roba!" 'Ndà fora a pie su 'l stradon che porta in piassa de 'l paese, a un serto punto el Papà se ga fermà su la drita davanti a un cancelo: "Védito, Moro, quel monteselo su 'l fianco de sanca de la cesa?" "Sì, el xe anca beo e in sima se vede 'na vera de posso!" Alora el me ga contà che, secondo le tradission "orali" e le legende rivà da i discorsi da pare a fiolo, quando che lu gera putèo, coreva in paese 'na storia interessante e curiosa. I veci dizeva che in te 'l fondo de quel posso ghe gera de i grandi busi che dava in coridòi soteranei. A la fine de uno de 'sti coridòi ghe gera 'na càmara co 'l tesoro sconto de i Carraresi. Mi me so' inboressà a sentire 'sta storia e co' do de i me fradèi se ghemo messo d'acordo de védare 'sto fenòmeno. Naturalmente no' ghemo parlà co' nessuno, in spessie co 'l Papà, la Mama. E el Zio Prete.
"Ma, Papà, ghe voeva tanto corajo par fare 'na roba de 'l gènare!" "Maché, a quei tenpi, gavevo quatòrdeze ani, no' provavo nessuna paura. Gavevo za fato l'ano prima, durante i lavori in te la cantina de 'l nostro palasso de Padova, el tentativo de trovare el coridoio che, i dizeva, 'ndava diretamente a i soteranei de la Cesa de i Eremitani. Go dovudo fermarme sùbito parché co' i ani gera stà fate varie case e me so' trovà davanti le fondassion!"
Alora el me ga contà che un giorno de la bela stajon a Carrara co' i do fradèi i xe 'ndà su 'l monteselo in te 'l momento che in casa i dormiva dopo magnà a mezogiorno. "I me ga ligà torno a la vita 'na longa e grossa corda che gavévimo trovà in stala. E go scominsià a farme calare in te 'l posso. Me gavevo portà 'na pìcola 'torcia' che go inpissà parché el scuro se faseva senpre più nero. Gnente, no' vedevo gnente. El muro intorno gera qua e là semenà da rami de foie che vigneva fora da pìcoli busi. Me mancava l'aria da respirare, ma volevo continuare. A un serto punto go visto un incrozo de rami de foje che podeva scóndare un buso grando sul muro. Go tentà co' 'na bacheta de discostare i rami, ma, inprovisamente, xe vignù fora 'na grossa bissa nera che, strissando sul muro, la xe 'ndà più basso; go tirà la corda par farme portare sora. Me fradèi me ga domandà e go dito quel poco che gavevo visto. Dopo, co' le pive in te 'l saco, semo tornà a casa. El tesoro de i Carraresi, se 'l ghe gera, podeva restare là."
Mi lo gavevo 'scoltà co' emossion e intaresse, ma anca co' amirassion par el so corajo e la sera, có so' indà in leto, go fato fadiga de indormensarme, pensando a queo ch'el me ghaveva contà. El giorno dopo, in canpagna a Albignasego, ghe go domandà in tola chi che gera 'sti Carraresi. El me ga risposto: "Zente che intorno al '800 d.C. xe rivà in Italia drìo a un Inperatore; che, invesse de i schei par i so servissi, i ga vossudo tere. I le ga 'vude ne i boschi a le spale de Monselice, dove che i coltivava la tera e i costruiva e i riparava cari. Da questo el so nome e queo de 'l paese de Carrara. Ma, sicome che co' i sècoli i xe deventà inportanti, tanto inportanti, vojo regalarte un libro che, se te voi lèzarlo, te spiegarà tuto!"
Infati el xe stà de parola. Quando che semo tornai a Padova a metà setenbre, el me ga consegnà un vecio libro ch'el gaveva fato "rilegare". "Questo xe el libro de Giovanni Cittadella "La dominazione carrarese in Padova". El xe stà scrito in te 'l 1842, e el xe l'ùltimo che trata tuta la storia conpleta de i Carraresi. Lezilo e dopo sapieme dire!"
Vojo far savere a chi che no' lo sa, che 'sto libro, in più a squasi un sentenaro de testi e documenti in latin, volgare, ne la difìzile prosa de 'l 1800, in italian moderno, me ga servìo quarantasinque ani dopo su par zo, de scrìvare in italian "La Signoria dei Carraresi nella Padova del '300", da seno el secondo libro su tuto l'argomento dopo queo de Giovanni Cittadella de 'l 1842.
Quatro Ciàcoe
El grandioso Palasso Papafava de i Carraresi, che se trova a Padova in via Marsala.
Su 'sto periodo de storia go scrito tanto in dialeto padovan su le pàgine de 'sta rivista e no me ripetarò. Me sento de contare un particolare interessante che pochi conosse e che vale la pena de farlo savere. Ancora in quel'ano 1940, lezendo el libro de 'l Cittadella, me so' scontrà co' un nome del quarto Carrarese che, par un tenpo tanto curto, in te 'l 1345, ga 'vudo la Signoria su Padova e el so grande teritorio. Se tratava de Marsilietto II da Carrara dito Papafava. Curioso come senpre, ghe go dito al Papà: "In sità ghe xe 'na fameja aristocratica inportante che se ciama Papafava dei Carraresi. Che riferimento ghe xe fra 'sta fameja e quel Marisilietto da Carrara, dito Papafava che go trovà in te 'l libro?"
Lu, senpre bon, passiente, generoso de contarme la storia e l'arte de Padova, me ga risposto: "Come mai, co' la to memoria, no' te te ricordi che tre o quatro ani fà, ti e Franco me gavì domandà, dopo la pesca, de portarve a Carrara Santo Stefano parché ve mostrasse la Abassia? In quea ocasion ve go mostrà che sora el "portale" ghe gera do stemi. Uno de la fameja fiorentina de i Medici, parché Ferdinando de' Medici, cardinale, ga 'vudo, da 'l 1585 al 1587 la 'ommenda'de la Abassia. L'altro stema xe de la fameja Papafava che, da 'l 1802 ghe ne ga vudo la proprietà per qualche ano. Tornando al discorso de prima i Papafava xe veri e propri Carraresi, ansi l'ùltimo e ùnico ramo che resta de la dinastìa. Te darò un altro libro, parché vojo che te inpari lezendo e no' solo 'scoltando."
Dopo un paro de giorni, puntuale come el sòlito, el me ga regalà un altro libro, senpre "rilegato" e el me ga dito: "Questa xe la 'Cronaca carrarese' de i Gatari, pare e do fioli, cronisti, vissudi a cavalo fra el 1300 e el 1400. Mi no me ricordo, ma credo che qua te trovi la spiegassion a la to domanda."
E difati go trovà la risposta lezendo atentamente el libro. Go savudo che, in te la prima metà de 'l 1200, esisteva a Padova un Albertino da Carrara. Ne i primi ani de 'l sècolo in sità ghe xe stà 'na pestilensa. Preocupà par la salute de i so tre fiòi, Agnese, Jacopo e Marsilio, li ga portà al Convento de Brondolo, tacà a Chioggia, racomandando a l'Abate, che gera anca so parente, de darghe da magnare ai putèi tanti fruti e tanta verdura. Scrivo queo che dize i Gatari, l'abate dava a lori: "... ogni die de la setimana ne la minestra legume, ... el luniu fava, el marti faxuolli, el mercore le ciesere, el zobia i pizzuolli, el vendere e el sabo secondo so ordine..." La Agnese e Marsilio, vedendo che el fradèo Jacopo gera: "desideroso tanto de questa fava, che mila'ani gli parea de gionziere al luni... tra gli altri puti el era chiamato papafava..."
Xe storicamente vero che 'sto Jacopo e tuti i so dissendenti xe stà ciamà da Carrara, diti Papafava. Questa xe stà l'ùnica spiegassion de 'l caso, anca se, come che go dito, go leto squasi un sentenaro de testi e documenti su la fameja. Parfin l'abate Ceoldo, che ga scrito in te 'l 1801 "Albero della famiglia Papafava nobile in Padova", dize che no 'l poe spiegare le orìgini de 'sto soranome. Ani dopo, go savudo che un altro Albertino da Carrara, dito Papafava, nato in te 'l 1380, xe tornà a Padova dopo la conquista venessiana de 'l 1405. No' se sa se par decision sua o par órdine de i venessiani, fato sta che 'l xe stà el primo a ciamarse Papafava de i Carraresi. E cussì tuti i so sucessori, che xe stà riconfermà in te 'l 1435 ne 'l feudo de Rovolon da 'l Véscovo de Vicenza.
Mi conosso ben i signori Papafava de i Carraresi che vive ai nostri giorni. Go conossudo e amirà so Papà, el dot. Novello, che xe stà anca Presidente de la RAI. Omo de profonda umanità e de imensa cultura, che, su 'ste pàgine, vojo ricordare co' afeto, rispeto e gratitùdine.

[torna sopra]

 

Archivio
2022 21 20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo La xe dura, ma speremo
Se volemo continuare nel lavoro de difesa de la nostra cultura e de le nostre tradizion, semo costreti a domandarve aiuto
de Mario Klein
 
Devossion popolare
Leggi l'articolo El libro de la vita
de Ugo Suman
 
Memoria viva
Leggi l'articolo I Papafava, ùltimi Carraresi
Le aventure corajose de me Papà che ga sercà el tesoro de i Carraresi. La so disponibilità de farme conóssare la storia de Padova. Mi go sercà de savere le orìgini de 'l nome Papafava
de Gigi Vasoin
 
Tradission nostrane
Leggi l'articolo El Panevin o Pìrola pàrola
de Daniele Marcuglia
 
Da Verona
Leggi l'articolo Giorgio Ferrante
nel Futurismo veronese e l'amicissia con Umberto Boccioni
de Wanda Girardi Castellani
 
Da S.Stèfano de Zimela (VR)
Leggi l'articolo Fumare
de Antonio Corain