Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Ugo Suman

Devossion popolare

El libro de la vita

Quatro Ciàcoe
Dio crea l'Universo, Logge de Raffaello in Vaticano
Se podarìa scominsiare sto ano novo parafrasando el libro de la vita, la Genesi, el primo de i libri sacri de la Bibbia che descrive la creassion del modo e del primo omo, Adamo, in altre parole, de la vita. Subito dopo Adamo - come tuti sa - ghe xe tocà a Eva, na parola ebraica che vol dire vita, madre de tuti i viventi. Più avanti ancora la storia del serpente, del pomo e de le so conseguense, concluse co la caciata dal paradiso terestre de i nostri progenitori. "Ti guadagnerai il pane col sudore della fronte, partorirai i figli nel dolore e, alla fine, ritornerai polvere come eri prima."
Na fàvola umana col caratere sacrale de la storia del creato e del so Creatore. Ma tornando su sta nostra tera inquinà, nel pìcolo libro de la nostra vita de creature, se trovemo in regalo 'n'altra sbrancadela de pàgine intonse, ancora candide a disposission, parché ghe scrivemo dentro qualcossa de novo e de belo. Un impegno che no xe da poco, co i tempi che core: sercare el ben e tegnerlo separà dal male, xe come sapare la gramegna dal formento. Se fa quel che se pole ma resta el perìcolo che el male, come la gramegna, ricressa ancora più vigoroso de prima.
Ognuna de noialtre creature in trasferta su la tera tentarà, se spera, de scrìvare su le pàgine bianche de i novi giorni qualcossa de novo e de vàlido, prima par noialtri stessi e dopo par quei che ne sta torno. Nel fratempo, secondo i santoni del pronostico, l'avenire che ne speta xe turbio come el vin novelo, solo che el vin se s-ciara, ma el nostro avenire secondo el so oràcolo, se inturbiarà sempre de più, portàndone verso la fine de la tera stessa.
Quei che me leze fa ben a no crédarghe mai a le prevision catastròfiche, come go sempre fato mi su insegnamento de i me genitori. Le disgrassie e le fortune (scarse ste ùltime) càpita sempre lo stesso, anche sensa prevision: mèjo fidarse solo del Padreterno che sa quelo che el fa e no ga gnanche la briga de contare i ani. El nostro xe stà dichiarà da un filosofo moderno el tempo de la dissacrassion in serie. Le storie sacre come quele de la Genesi e de tuta la Bibbia - anche a causa de i novi arivà che ga altre fedi religiose - vien ritegnùe favole, a volte anche stupidote, par via che la siensa ga spiegà diversamente l'orìgine de la tera e de i òmani.
El discorso sul pecato originale, co la relativa storia del pomo, xe robe da rìdare e lo fa tante volte, magari co na ganassa sola, anche de i cristiani che magari va messa tute le feste comandate. Credo che no sia necessario che lo dichiara apertamente: la mia vol èssare solo na sotolineatura del nostro tempo. Però, sensa voler strafare, me piasarìa dirghe a tuti quei che dichiara l'orìgine de la Bibbia e de la nostra religion na favola, che anche tute le altre religion, da i ebrei ai musulmani, se basa sempre e solo su de le favole umane come le nostre. E, se me lo permetì, no vedo proprio parcossa quele sue dovarìa èssare più valide e più vere de le nostre. Ma tanto xe, ormai ogni ragionamento se perde nel giro del tornaconto e de na demagogìa a volte criminale e distrutiva insieme. L'aria velenosa del distrutismo a valanga, tenta de butar zo tuto, come un teremoto, lassando par tera solo macerie fumanti. Ghe mancava el riconossimento familiare a le copie de qualunque gènere al de fora de ogni règola, e par zonta el celibato de i preti in discussion e da cancelare come la peste. Se podarìa ciamarla na cucagna par i anticlericali na stajon come questa, e anche par i material-laicisti, che vorìa cancelare ogni segno de na morale milenaria valida - e in gran parte condivisa - da tute le religion. I radicali sempre in prima fila fra i distrutori del sacro e de la morale, insieme a tanti so compari, i va predicando giorno e note da la so radio e da i giornali che li sostien, che la nostra Italia ga da diventare un Stato completamente laico e sensa règole morali de tipo chiesastico. Ma i se desmentega, o i fa finta, che in Italia la stragrande magioransa xe catolica, e parfin quei che no frequenta la cesa e se dichiara de sinistra va in cesa, come i comunisti de don Camillo, portàndose in corpo da sècoli na morale cristiana, magari sensa saverlo. Un mondo sensa na morale xe come un deserto, dove el vento passeja sul vodo: na desolassion desolante.
Eco parcossa i òmani boni, equilibrati e sensibili al bene comune, ga da scrìvare ne le so pàgine a dispossission, robe de stampo bon, moralmente valide, pensieri e parole che possa aiutare l'omo a solevarse dal paltan, par vìvare diversamente da i animali, come i sta fasendo. Do mileni de cristianesimo, co tuti i difeti, le colpe e le mancanse che se vole, ne ga lassà na eredità morale e de i valori umani , prima ancora che cristiani, incalcolabili e che pol èssare ancora spendìbili da ogni omo de bona volontà.
Questo vorìa èssare - ma tanto sotovosse - un pìcolo sugerimento par quei che crede ancora nel ben che pol vegnere da na morale degna de sto nome, e non nel disfatismo e nel rifiuto de ogni sacralità. I òmani del domile xe ancora come Adamo: i se ga trovà nati sensa volerlo e condanà a diventar pólvare, esatamente come lu. Solo che el pòvaro Adamo, come xe scrito su la Genesi, ga vivesto 930 ani.

[torna sopra]

 

Archivio
2022 21 20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo La xe dura, ma speremo
Se volemo continuare nel lavoro de difesa de la nostra cultura e de le nostre tradizion, semo costreti a domandarve aiuto
de Mario Klein
 
Devossion popolare
Leggi l'articolo El libro de la vita
de Ugo Suman
 
Memoria viva
Leggi l'articolo I Papafava, ùltimi Carraresi
Le aventure corajose de me Papà che ga sercà el tesoro de i Carraresi. La so disponibilità de farme conóssare la storia de Padova. Mi go sercà de savere le orìgini de 'l nome Papafava
de Gigi Vasoin
 
Tradission nostrane
Leggi l'articolo El Panevin o Pìrola pàrola
de Daniele Marcuglia
 
Da Verona
Leggi l'articolo Giorgio Ferrante
nel Futurismo veronese e l'amicissia con Umberto Boccioni
de Wanda Girardi Castellani
 
Da S.Stèfano de Zimela (VR)
Leggi l'articolo Fumare
de Antonio Corain