Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Renato Scarpi

Da Lendinara (RO)

Giannetta Ugatti Roy

Quatro Ciàcoe
Giannetta Ugatti Roy, nel ritrato esegužo dal maržo Giovanni Roy Vassily.
Lezendo un vecio "Almanacco della donna Italiana" del 1933, go trovà el nome de Ugatti Roy, indove vegneva dito: "scrive libri pieni di novità, di significato, libri che gli uomini non potrebbero scrivere."
Conossevo za el nome de Giannetta Ugatti, parché mojere del pitor Giovanni Vassily Roy, ricordà da la crìtica par aver fato de i bei telari su la Bela Epoque Vienese, ma anche parché nevoda de Pietro Roi, famoso pitor stòrico; artisti che go 'vù modo de interessarme tenpo indrìo. Cussì, ciapà da la curiosità de saver qualcossa de più su la scritrice polesana, go leto squasi quaranta publicazion, indove la Ugatti faseva da colaboratrice, opinionista, scritrice de novele e artìcoi vari. Raquante testate come: L'Avvenire d'Italia, La Vita Internazionale, La Domenica illustrata, Natura e Arte, Gazzetta di Ferrara, La Voce del Mattino, il Boccaccio, ect. se ga conplimentà de la so bravura de scritrice e anche par el so fare de valente conferenziera.
Inportante xe stà lèzare le so novele e romanzi, che a volte i parlava de la so vita e che meteva in mostra na personalità instruìa, sensìbile verso la cultura e ai problemi sociài de la dona de i so tenpi.
Gianetta Ugatti gera vegnù al mondo el 7 agosto del 1868 a Polesella, ma ben presto ga avù maniera de stare in mezo a la zente siora Mitelleuropea, ciapando la residenza in tante grande çità taliane e forestiere. In tel 1892 la se ga maridà con Giovanni Roy e da lu la ga eredità la parentèa con i Capnist de stravecia nobiltà Russa e anbassiatori del Zar. Con la fameja la ga vivesto par raquanti ani in te la moderna Vienna de fine sècolo, çità siora de zervèi studià e de afaristi. Spesse volte la andava in te i saloti bene, ai ritrovi acadèmici, culturài, tegnendo alto, insieme a so marìo, el prestijo del nome talian.
Ste esperienze ga servìo a farla pensare in maniera difarente su la situazion de la dona, che in Italia gera carga de pregiudizi e superstizion, tanto da parlàrgane in te le so conferenze su l'argomento "emancipazione femminile". Na la Gazzetta di Venezia ghe xe un artìcolo che dise che la brava scritrice, za nota par raquante preziose publicazion, ga tratà l'argomento "comparando le teorie di Bebel Augusto Friedrich e Lombroso Cesare" e che in conclusion dise: "l'emancipazione della donna non si avrà come effetto di una modificazione nell'organismo sociale ma che essa invece sarà causa di questa evoluzione."
In tra le varie proposte, salta fora: che le done, in te l'ùltimo mese che le xe restà in zinta, o in tel primo mese dopo che le ga conprà el fiolo, non ga da lavorare; che i putini fin ai 14 ani i ga da stare a casa dal lavoro e che el lavoro stesso el sia de 6 o 8 ore al dì, con raquanti sponsini; de non far lavorare i putini in te le miniere e in posti poco sani; che ghe sia l'òbligo de andare a scuola e che le fàbriche non toga i puteleti senza la licenza de le elementari.
El mondo feminile, che da poco tenpo faseva sentire la so voze, scuminziava a far luse su problemi tegnù sconti da senpre: el malèssere sessuale, la delusion, el dolore de la dona non capìa e tolta in giro. "Antesignana" del movimento feminista de chel tenpo, Gianetta Ugatti ga avù el mèrito de scorlare la cossienza del mondo de i mas-ci par l'ugualianza de i sessi, in te i diritti e doveri de un bon vìvare civìe.
L'intaresse leterario de la Ugatti la ga portà a scrìvare novele (con el nome de Fiammetta) e romanzi, zerti tradoti in todesco, che ga avù da la crìtica e da i letori un bon sucesso. Dal Giornale d'Italia del 4-6-1921, lezemo che la Roi xe una de le "scrittrici più mondane e colte". Che ne la so maniera de scrìvare "non è palese soltanto per il vario modo cui ella crea le situazioni in cui risultano i suoi personaggi, ma anche per la semplicità della prosa, per la sobrietà dello stile..."
Da le çità come Vienna, Monaco, Berlino, Parigi, Venezia indove la scritrice polesana xe 'ndà a stare par pareci ani, ga ricevesto el spinton par far girare la so grande creatività. Ga 'vù modo cussì de conóssare zente inportante che la ga servìo a vèrzarghe le porte par incontrare artisti e zente studià famosa.
In tel romanzo "Anime irredente", publicà in tel 1918 da i F.lli Treves, la Roy scrive na storia che te ciapa l'ànema, storia avegnù ne la so patria tra i ferìi iredenti de Trieste e Fiume. Da un scrito de Ugo Vasè: "il libro prezioso di Giannetta Roy è monito e poesia insieme. è l'espressione di una fede, di una volontà, d'un palpito che il sacrificio non consuma, ma infiamma il fuoco più puro e più vivo..." El 15-3-1918 el Patronato Assistenza profughi Ferrara la nòmina menbro del sotocomitato.
Se sa poco de la so vita privata, forse la gera diplomà o laureà, visto che un documento de la Regia Scuola d'Arte e Mestieri di Treia (Macerata) la ga invità a insegnare Talian, storia, geografia, lingua francese e Diritti-Doveri, a far tenpo dal mese de otobre 1917. Semo a conossenza che la ga avù na fiola, la dot.ssa Elena Roi che anche ela xe stà scritrice de raconti par i putini.
Giannetta ga vissù tra i vari stati d'Europa na vita piena de intaressi fati de studi e incontrando senpre nova zente interessante. La se ga stuà a Lendinara el 31 lujo 1957, a la bela età de 89 ani. De ela, ilustre polesana, oncuò desmentegà, ricordemo le so quaità de scritrice e conferenziera, e grazie a ste quaità, se ga smosso in te i cuori feminili la voja de conbàtare par rivare a na nova e moderna posizion sociàe.

Bibliografia: Mamma (novele); La Donna (létare e raconti); La Missione della donna (raconti); Rivali (racolta de novele); Anime irredente (Treves Editore); Io sono il tuo bene? (Queriniana Editrice); Questa è l'ora (Queriniana Editrice); L'amore in cammino (Ancora Editrice); La Moglie (Natura e Arte); Almanacco della donna Italiana 1933 (Rassegna leteraria); Roi Giannetta (Rivista de Leture, Milano); Riviste, lettere e quasi quaranta testate di giornali nazionali (artìcoi su conferenze e novele).

[torna sopra]

 

Archivio
2022 21 20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo Cara dona, te scrivo...
par dirte quelo che penso e che gnanca la mimosa de l'8 de marzo no la riussirà a farte savere che...
de Mario Klein
 
Sgiansi de sagessa antica
Leggi l'articolo Un pisnent fora s-ciapo
de Dinerio
 
Da i Coli Euganei
Leggi l'articolo Có passava el vésco
de Gemma Bellotto
 
"La Sguaratà" - Ciàcole adriote
Leggi l'articolo La se ciamava "fameia"
a cura de Romano Beltramini
 
Da Lendinara (RO)
Leggi l'articolo Giannetta Ugatti Roy
de Renato Scarpi
 
Da Verona
Leggi l'articolo Al mar fora stajon
de Giacinta Dall'Ora