Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Enzo Coltro

Da San Bonifacio (VR)

Notizie da casa

Ogi qua c'è un tenporale...
Ogi qua c'è un tenporale...
Caro Tarcisio
Ogi qua cè un tenporale che seita a brontolare cole site che croano zò dal celo che io ò paura e mi scondo in tuti i cantoni.
Ieri è venuto a catarmi tuo cugino Armido da Ronco Levà e mià contato tute le sue disgrazie che lui chiamava vincisitudini perché erano massa grosse anche per uno tranquilo come esso.
Sua nona Rosalinda quela de le frittole col’erbamadre via in un mese e sua zia Bice gnanche a farlo a posta via il mese dopo. I canpi in malora per via de la secità che non pioveva da mesi e mesi cossì i girasoli a forza di vardare il sole si sono secati e ano sbassato la testa restando incanditi.
Dopo mià contato altre robe di sua molie che è scapata via col suo boaro giovane e dei suoi fili ma che desso non ti dico più gnente perché tu diventi tuto tristo con quelo che è sucesso. Pensati che suo filio Tita quelo che à sposato una Gubana da Guba si era fato la casa nuova ne l’aia che è croata zò una note con la fortuna che era vuota perché Tita e la Gubana erano andati nel’arlevamento di polcini a vacinarli che erano tuti malati di una malatia grave che non mi ricordo più il nome.
Non ti conto gnanche di quelo che mià deto tuo cugino che ci ano inpotecato la casa e i canpi e che lui non à più gnanche la salute che cià deto ciao e anca il dotore Pereta che non può fare più gnente.
ó passato un bel pomerigio scoltando Armido pecato che mi contava solo disgrazie senò era anche più melio e più piacevole. Io ciò deto per consolazione che tuto passa se uno selo buta dietro la schena ma dopo mi sono subito smorsicata la lengua perché come tu sai lui dietro la schena cià la goba. Basta! Desso non ti conto più altro di bruto che tu ciai già le tue marogne in trincea dove ti trovi.
A! Ieri è rivata la cartela delle tasse coi ritrati da pagare di nove ani che sono un saco di soldi che non so proprio idove catarli. Tu svagati e non pensare a casa con tuti i problemi che ci sono che io non so più cossa fare tanto basta essere vivi e distanti dai pericoli che è già qualcossa. Sta atento ala salute e non fare il spavaldo che a casa ci servi intiero come sei.
Ciao da tua molie.
Isolina



Cara Isolina
Ti scrivo che ò ricevuto la tua letera che miai mandato per l’aposta tuta piena di disgrazie e di contro tenpi. Sono restato felice del fato che miai scrito ma se mi dicevi qualcossa che andava bene non mi rabiavo micca perché sai che distante la vita non è precisa come indove uno vede quelo che ci sucede diretamente.
ó ricevuto ancha il paco con la roba dentro che non era più buona da mangiare per il tropo tenpo che cià messo a rivare per la quale non mandarmi più gnente ma solo da vestirme come le reciare di lana che vano bene col fredo che fa e anca le manopole fate ai feri con le tue mane personali. Mandami anca un penelo da barba col sappone e tante lamete Gilet perché qua la barba cresse che uno gnanca si inacorge e anca i bafi che diventano longhi soto al naso dando fastidio per il beccare. Per le disgrazie che sono rivate fati forza che fra poco rivo anca io. Passienza i morti di mio cugino Armido la secità la sua dona che si è fugata col boaro giovane la Gubana i polcini col sgnarocco le apoteche la salute la goba didietro ma i ritrati no. Nove ani di ritrati. Indove catiamo i schei per tuti quei ritrati che gnanca ci pensavimo? Prova a domandare ala Bieta "Strozacristiani" che lei ci inpresta i schei a tuti anca se dopo ci ciuccia il sangue come le sginzale coi interessi. I tuoi frateli no che celi ò domandati una volta i schei per conprare l’amoto Guzi e mi ano riduto in facia col dirmi se ero mato che alora mi menavano lori al malincomio senza il mio disturbo. Io poderei anca risparmiare qualcossa cole lamete e col penelo che conpramele di unaltra marca che costa di manco e anca il sappone più andante anca se dopo mi viene tuta una erutazione dela pele in facia. Anca la lana conpra quela manco cara che anca se grata tanto grato senpre tuto il giorno che ormai ciò fato la bitudine come la cagna quando à le sue zeche personali. Mi racomando per i ritrati che sarano cari perché se riva luficiale del giudizio ci porta via la Rosina che è l’unica vaca dela nostra familia cossì dopo ci toca restare senza di essa che è tanto inportante per tuti. Non scrivere più disgrazie al mio regimento perché non cene abiamo bisogno di più di quele che ci sono.
Ti saluto che dopo vengo a casa ti conto il resto parlando anca melio dei ritrati
Tuo Tarcisio

[torna sopra]

 

Archivio
2020 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo Massa cultura da spèndare te na sola istà
Anca col "pan de l’ànima", come vien ciamà la cultura, quando che ’l xe cussì tanto che ’l stómega, se ris-cia de fare sumaza
de Mario Klein
 
Da i Coli Euganei
Leggi l'articolo La nostra sagra de ’a ’Sunta
de Gemma Bellotto
 
Da Belun
Leggi l'articolo Vója de zogar
de Luigina Tavi
 
Parole vènete da salvar
Leggi l'articolo Da freschin a zagheto
de Daniele Marcuglia
 
Cultura visentina
Leggi l'articolo La morte de Luigi Meneghello
La matina de ’l 26 giugno scorso ne ga lassà uno de i pi grandi scritori ’taliani de ‘l Novessento, grande cultore de ’l nostro dialeto
de Giordano Dellai
 
Da San Bonifacio (VR)
Leggi l'articolo Notizie da casa
de Enzo Coltro