Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Gemma Bellotto

Da i Coli Euganei

La nostra sagra de ’a ’Sunta

Ècola qua la nostra Madona Assunta, in te la ceseta nostra del paese de Cortelà. (foto G. Bellotto)
Ècola qua la nostra Madona Assunta, in te la ceseta nostra del paese de Cortelà. (foto G. Bellotto)
De tenpo, da alora, ghi ne xe passà tanto, epure mi, quando che sento parlare del quìndese de agosto, no me vien par la mente le ferie, le vacanse, ma sento invesse chel son de canpane in terso che me inpinava el core de contentessa e me faséa sentire legera come se i piè gavesse le ale.
Se gera tuti lì, alora, in te la piasseta picenina davanti a la cesa. On s-ciapo de tusìti continti come na Pasqua, che zugava, corendo e strepitando, co tuti i zughi de chel tenpo, dopo èssare stà a la lession de catechismo, che se ciamava "l’esame". Se zugava a "Bandiera", "Piè pissòlo", "Fasoleto de ghirlanda", "Scalon", "Baéte"... e tanti altri zughi. Se ghe penso adesso, l’atmosfera che se creava in te chei mominti lì, la gera proprio quea del famoso "Sabato del villaggio" che diseva: "I fanciulli, gridando nella piazzuola in flotta, fanno un lieto rumore..."
E mi, adesso, voléa parlare proprio del sabo prima de la sagra del paese, (che sarìa stà el dì de la ’Sunta. Sta sagra la se spetava come na roba grande, inportante, tanto che se meteva da parte, tanto tenpo prima, na botesèa del vin pi bon e el gaéto pi beo proprio par chel dì. Eco che, in tel momento che mi partìa chel sabo de sera par andare a casa dopo "l’esame" (la "catechesi" de adesso), có sentìa le canpane sonare in terso, me ciapava sta contentessa cussì granda, che go ancora in te la mente chel son. Queo el gera el "segno" che avisava la gente, che el dì dopo sarìa stà festa granda. "Din, den, don" o mèjo, "tin, ten, ton", cantava le canpane. Mi, a on serto punto, me fermava quasi, caminando adasieto, parché voéa scoltare da sola le canpane par farghe dire i me pensieri: "Eco: tin, ten, ton... uguale a doman, xe festa..." o a "Come ca son contenta... tin, ten, ton..." El còre sguassava proprio drento on mare de contentessa. E tuto par chel spetare la Sagra.
Saravo i oci e par mi gera za festa, parché le me canpane le me diseva tute le robe bèe che sarìa capità el dì dopo. No savéo ancora che queo el sarìa stà el momento pi beo, proprio come in te la poesìa famosa che dise: "Questo di sette è il più gradito giorno"...
Ma tornemo lì, a quando, seguìa dal son de le canpane, rivava a casa de corsa parché me gera fermà co i me pensieri: "Dove sito stà – diséa la mama – parcossa xe che te ghè corso cussì forte?" Ma dopo, vardando le me masselete rosse de contentessa, no la me domandava de pi.
E finalmente rivava el dì de la sagra. A la Messa prima ghe ‘ndava la mama e na volta tornà a casa la ne contava cossa che ghe gera de novo in te la piasseta. La vedo ancora lì, la mama, co on caspo de salata e na bea anguria che la ne mostrava co i oci che ridéa, vardando i nostri pieni de luce, curiosi de savere. "Cossa ghe xe, mama, in piassa? El banco de la sagra ghe xelo?"
"Nò, no l’è ancora rivà – la rispondeva ridendo – dopo, el vien dopo!"
La seconda Messa la gera cantà (e anca canta ben) dal coro de i tusi del paese, che ’l cantava la ‘Messa dei Angeli’. Eco che dopo Messa ghe gera, arente al mucio de angurie e salata, anca el banco de la sagra che, par el momento, noantri pìcoi se se contentava de vardarlo, ma dopo el papà furegava in scarsèa e qualcosa el tirava fora par conprarne na pastina parón e via continti, parché questo ne bastava.
A mezodì, rivava senpre qualche parente che gera stà invità e che dopo, ne invitava a la sagra del so paese. E bisognava ‘ndare senò el se rabiava.
Na volta, al momento de vèrzare el canoìn de la botesela par tirar fora el vin pa i parinti, no xe vegnù fora gnanca na giossa. Gera stà el barba Gigio, fradèo del nono, che có ’l gera casa da solo el gavéa forà col triveìn la pansa de ’a bota e, on poco a la volta, el lo gavéa bevù tuto. Alora se gavéa spiegà, parcossa che lu stava volentiera a casa, o mèjo "a tèndare la casa".
Al dopo mezodì del nostro dì de sagra, ghe gera la procession co la Madona Assunta che vegneva portà drento na careta dorata par le strade del paese. Che bea la nostra Madonna, vestìa de rosso, col so mantèo celeste! Na man che ne insegnava el ceo, pareva proprio che la stesse zolando là in alto! Tuti cantava a alta ose: "Mira il tuo popolo o bella Signora/ che pien di giubilo oggi Ti onora..." Tute le finestre par dove che passava la procession le vegnéa rivestìe de tovaje, coverte, nissòi ricamà, i pi bei che ghe gera par le case, magari tegnù par la "dota" de le tose. La banda in testa e via, cantando e pregando. De gente, a sta procession ghin vegnéa anca da i paesi de i dinturni.
El dì dopo la festa, la parona de l’ostarìa, ciamà Gnese Osta, la me ciamava al de là de la siesa, disendo: "Curi, vien qua in tel zugo de ’e bae che ghe xe le cartine, senò el vento te le porta via tute!" Eco, anca sto momento me lo ricordo proprio ben. Supiava el vento e mi sercava de tegner ferma la cotoéta del vestitin co na man e co st’altra rancurava le cartine de caramèa. Una rossa, che la savéa de fràgola, una celeste, color del ceo, che la savéa de ànese e intanto pensava ai oci de chel toseto che gavéa magna sta caramèa e po’ butà via la carta, diséndome che forse el sarà stà sior, co tanti schei. Ma el vento dispetoso, mxe portava lontan le cartine e mi de corsa par ciaparle. Contenta ’ndaséa a casa col me muceto de cartine colorate che me servìa a incartare le megóe de suca. Sinque cartine e sinque megóe e gera quasi pronto on fiore, che me faseva sentire proprio contenta del me lavoro. On fiore, fato co le me manine: che belessa, fioi!
No ghe xe pi sagra ormai e gnanca tusiti che zuga so la piasseta. Solo màchine e gente che core in serca de le specialità de i Coli. Ma mi, quando riva i dì de la sagra, sento, magari par on momento, on son de canpane in terso che me alsa el core.
E me vedo ancora picenina, in corsa col vento, drio na cartina celeste che sa de ànese, che le me manine gavarìa fato deventare on fiore de megóe de suca. On fiore che, dopo tanto tenpo, ga ancora l’odore dolse de alora e el colore de chel ceo celeste ciaro, neto.
On tenpo che xe ancora drento de mi e sa ancora profumare le me giornate de oncò.

[torna sopra]

 

Archivio
2018 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo Massa cultura da spèndare te na sola istà
Anca col "pan de l’ànima", come vien ciamà la cultura, quando che ’l xe cussì tanto che ’l stómega, se ris-cia de fare sumaza
de Mario Klein
 
Da i Coli Euganei
Leggi l'articolo La nostra sagra de ’a ’Sunta
de Gemma Bellotto
 
Da Belun
Leggi l'articolo Vója de zogar
de Luigina Tavi
 
Parole vènete da salvar
Leggi l'articolo Da freschin a zagheto
de Daniele Marcuglia
 
Cultura visentina
Leggi l'articolo La morte de Luigi Meneghello
La matina de ’l 26 giugno scorso ne ga lassà uno de i pi grandi scritori ’taliani de ‘l Novessento, grande cultore de ’l nostro dialeto
de Giordano Dellai
 
Da San Bonifacio (VR)
Leggi l'articolo Notizie da casa
de Enzo Coltro