Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Gigi Vasoin

Memoria viva

Sudore, làgrime e sangue ne la storia de la umanità
I incitamenti de Churchill ai inglesi ne la seconda guera. I avertimenti de Garibaldi ai soldài prima de abandonare Roma in te ’l 1849. El incoragiamento de Citolo da Perugia par la difesa de ’l "bastion de la gata" in te ’l 1509 a Padova

El primo ministro inglese Winston Churchill che ne la seconda guerra mondiale ga domandà ai suditi de l'Inpero i sacrifici più gravi e più duri par vìnsare i tedeschi.
El primo ministro inglese Winston Churchill che ne la seconda guerra mondiale ga domandà ai suditi de l'Inpero i sacrifici più gravi e più duri par vìnsare i tedeschi.
Gèrimo in te la primavera de ’l ’42 in strada mi e el professor Carmelo Bonanno. Lu gera el me insegnante de storia e filosofia in 1ª licèo al "Tito Livio". Gero deventà so alivo in ’na maniera curiosa: in te ’l setenbre de ’l ’41 me Papà gera tornà a la sera ne la nostra casa de canpagna. Anca se gèrimo ’na fameja benestante, passàvimo metà giugno e metà lujo in canpagna, metà lujo e metà agosto al mare a Sotomarina, metà agosto e tuto setenbre ancora in canpagna a Albignasego, a sete chilòmetri da Padova.
El Papà me ga dito: "Moro, te go iscrito a la 1ª licèo." "Grassie!" "Però te go messo ne la 1ª C". "Ma come, Papà, se go fato el ginasio in B dove che go tuti i conpagni e amissi?" "Te go messo in session C parché ’sto ano ’riva un bravìssimo professore de storia e filosofia, che te roversarà cofà un calseto!" "Ma come?" "Come, come, ti te si un bon studente, ma mi te considero solo un goliardo e un bravo zogadore de balon. Mi da ti me speto tanto de più!" E cussì xe stà.
El Papà gaveva ’vudo razon. El professor Bonanno gera tanto preparà e tanto esigente. Le so lession de storia e filosofia gera un divertimento. Da quel momento go scominsià a apassionarme a le do materie, soratuto la storia, e ’sto interessamento me lo so’ portà drìo par tuta la vita. El professore ogni tanto el me sponciava, squasi che ’l fosse d’acordo co’ me Papà. Ma no’ lo credo. Ani dopo el me gavarìa confessà che ’l se gera inacorto de la me passion par le so materie e quindi el voleva spénsarme senpre de più.
’Na volta a l’ano fasévimo co’ lu ’na gita in bicicleta e gera un gusto sentire queo che ’l ne dizeva su i monumenti e el paesajo. Insoma gavévimo fato squasi amicissia.
In quea primavera de ’l ’42 se gavévimo trovà de dopopranso in via Roma. Co’ tuta gentilessa el se gaveva fermà a ciacolare. Dopo qualche riferimento schersoso ai me conpagni de scola, go ciapà el corajo de parlare su ’l serio. Mi savevo come che la pensava, el gera un socialista no’ marxista, e lu saveva come che i la pensava a casa mia. "Professore, a me lo può dire, come finirà questa guerra sbagliata?" El se ga spostà in un canton de la strada, in quea piasseta davanti a la fassada de la Cesa de i Servi par parlare in tranquilità e no’ èssare sentìo.
Parlando pian el ga dito: "Sono d’accordo con te che la guerra è sbagliata. Ci siamo alleati con i secolari nemici della nostra Patria e in netta posizione di sudditanza." El xe ’ndà ’vanti, dizéndome che i tedeschi gaveva ’na ecessionale màchina da guera. I vinseva dapartuto. Ma fin a quando le so riserve de armi e de magnare gavarìa bastà su un fronte cussì grande e cussì "frastagliato"? I italiani conbateva valorosamente in Africa, ma sensa risultati ecessionali. I se gaveva presentà a la guera co’ poche armi e poche riserve.
Giuseppe Garibaldi che ga dito par primo la storica frase, lassando Roma, in te 'l 1849, ai so volontari, dopo la ocupassion francese.
Giuseppe Garibaldi che ga dito par primo la storica frase, lassando Roma, in te 'l 1849, ai so volontari, dopo la ocupassion francese.
"Devi considerare che davanti, abbiamo una potenza come l’Inghilterra, con diversi esèrciti coloniali, la Francia antitetesca è in ebollizione. Prima o poi l’America, con i suoi mezzi possenti entrerà in guerra contro la Germania e il Giappone. Io spero tanto che le democrazie liberali alla lunga possano trionfare e per noi sarebbe la libertà."
Ma el punto su ’l quale el se ga sofermà xe stà la fiducia che lu gaveva su l’Inghiltera e el so primo Ministro Wiston Churchill. Questo gaveva parlà francamente e democraticamente al so Paese, sotolineando la gravità de’ l momento. I nglesi podeva sperare ne la vitoria, ma convinti de afrontare la guerra con altìssimo senso de sacrificio. El professore ga dito: "Churchill ha chiesto sudore, lacrime e sangue." "Un bel impegno" go dito mi. El me ga risposto: "Gli inglesi lo onoreranno. Essi sono più uniti di noi da una costituzione democratica forgiata nei secoli!"
Stàvimo par lassarse, quando el ga ’vudo come un ripensamento e mi, me so’ fermà co’ gioia: "Vedi, Luigi, la frase storica di Churchill ha un precedente che vi spiegherò l’anno venturo!" "Lo dica, professore, lo dica."
"E va bene. Tanto lo so che in futuro non mi lascierai stare senza saperlo. Vedi, Churchill, oltre che un grande politico, è anche un erudito storico, come si vede da alcune sue pubblicazioni. Egli sa che cento anni fa un grande generale, in circostanze pressoché analoghe, ha detto ai suoi soldati la stessa frase!" "Chi?" "Giuseppe Garibaldi."
E alora el ga scominsià a contarme che in te ’l 1849 quando che el Papa Pio IX gerà scanpà a Gaeta soto la protession de i Borboni, a Roma fra Mazzini, Armellini e Saffi gera sta fondà la Repubblica Romana, libera e indipendente. Tanti patrioti, zóvani e non, gera corsi par difèndarla. Se saveva che la Repubblica Romana coreva un grande perìcolo. In Francia gera stà eleto Presidente el fiolo de Luigi Bonaparte, che sercava in ogni maniera de avere l’aiuto de i tantissimi catolici francesi par deventare Imperatore. El ga mandà a Roma un esèrcito comandà da ’l generale Oudinot par rimétare al so posto el Papa. I patrioti se ga difeso co’ ati de grande valore, resistendo fermamente ai francesi che gera in de più e mèjo armai.
El bastion a Padova, de àngolo fra via Sarpi e Piassa Mazzini, ancora oncò ciamà "de la gata" e che ga resistìo soto el comando de Citolo da Perugia contro l'esército de la Lega de Cambrai in te 'l 1509.
El bastion a Padova, de àngolo fra via Sarpi e Piassa Mazzini, ancora oncò ciamà "de la gata" e che ga resistìo soto el comando de Citolo da Perugia contro l'esército de la Lega de Cambrai in te 'l 1509.
In quea disperada difesa de Roma, soto el comando de Garibaldi, che ogni giorno inventava mosse e contromosse, xe morti eroicamente i Cairoli, i Mameli, i Dandolo, i Manara. Soto el assalto francese, la Repubblica Romana in te ’l lujo de ’l ’49 xe cascà. Par ‘no farse fare prigioniero, Garibaldi ga riunìo un mejaro de i so volontari e ga dichiarà la so intension de andare a Venezia, dove che resisteva ancora la Repubblica de Daniele Manin. Xe stà in quel momento che, dopo de aver informà i so soldài de i grandi perìcoli, el ga dito la famosa frase che i se sarìa spetà "Sudore, lagrime e sangue". Nessuno lo ga abndonà, gnanca so muiere Anita che ’spetava el quinto fiolo, contrariamente a le insistense de Garibaldi, che voleva che la se fermasse par partorire co’ còmodo. La ritirata, traverso i Apenini, xe stà "allucinante", continuamente soto i atachi de quatro esèrciti stranieri ai calcagni. A San Marino, Garibaldi ga siolto el so pìcolo esèrcito e continuà verso Venezia. Ma ne le vali de Comacchio, Anita xe morta pa’ i stenti, e el generale se ga salvà par miràcolo co’ l’aiuto de un prete, don Verità. El xe passà traverso la Toscana e scapà a New York parché el gera sercà dapartuto.
Gero drìo ringrassiare el professore, quando che me xe vignù ‘na idea orgoliosa: contarghe ’na storia squasi precisa su Padova, che gavevo leto su uno de i me tanti libri. El me ga vardà co’ el so ocio de aquila, squasi maravejà, e, co’ un tono de sfida, el me ga dito: "Sentiamo la lezione dell’allievo!"
Alora mi go scominsià, in prinsipio co’ la boca che me tremava, po’ co’ un poco de corajo, senpre più sicuro. In te ’l 1508 el Papà Giulio II, ofeso da la invasion venessiana in Romagna, gaveva riunìo a Cambrai, ‘na sitadina francese su le rive de ’l fiume Schelda, ‘na Lega fra el Re de Francia, Luigi XII, el Imperatore Massimiliano de Asburgo, el Re Ferdinando de Aragona, i duchi de Ferrara e de Mantova. El pato gera de conbàtare la Serenissima Repubblica de Venezia. Questa xe stà sconfita a Agnadello, un pìcolo centro del Cremonese, in te ’l 1509. L’esèrcito de la Lega de Cambrai, invesse de atacare Venezia, difesa da la so laguna, se ga rivolto a Padova, in particolare contro el bastion su la drita de Porta Codalunga. Quel bastion gera afidà al comando de un valoroso capitan, Citolo da Perugia. Sicome i assedianti se acaniva verso quel posto e le "poderose" artilierìe de Alfonso d’Este e de Massimiliano d’Asburgo continuava a roversarse su ’l bastion e su la sità un furioso bonbardamento, secondo la legenda scrita in uno de i me libri, Citolo da Perugia ghe xe vignù do idee. La prima de ciamare a raporto tuti i so soldài, faséndoghe un fiero e fermo discorso de incitamento a la difesa, no’ badando al sangue, a le ferite e a la morte se queste serviva a la Patria. La seconda , dato che, francesi, austriaci, spagnoli, feraresi e mantovani gaveva tentà inutilmente tante volte l’assalto al bastion, xe stà de ordinare ai soldài de tacare in sima a le alabarde ‘na gata morta per agitarla a schermo de i assedianti. Da quel momento el bastion, anca ’desso, se ga ciamà de "la gata". Dopo qualche tenpo, l’Esèrcito de la Lega ga rinuncià a l’assedio de Padova, portàndolo inutilmente a Monselice. A ’sto punto el Papa Giulio II ga siolto la Lega parché el gaveva ’vudo assicurassion precise da Venezia, che no’ la gavarìa più passà i so confini in te la pianura padana.
"Bravo! – me ga dito el professore – sei stato sobrio e corretto. In più ti ringrazio per quel particolare di Citolo da Perugia che non conoscevo!" Se ghemo lassà e mi so’ ’ndà via che parevo el pavon.

[torna sopra]

 

Archivio
2020 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo Se vèrze le scole: par studenti o delinquenti?
Védare massacrare de bòte on Crocifisso, inprecando e biastemando, e po’ mostrarlo a tuti su Internet, ne fa male e ne preòcupa, parché no la xe na bravata da "bulli", ma on’azion da lazaroni patentati
de Mario Klein
 
Memoria viva
Leggi l'articolo Sudore, làgrime e sangue ne la storia de la umanità
I incitamenti de Churchill ai inglesi ne la seconda guera. I avertimenti de Garibaldi ai soldài prima de abandonare Roma in te ’l 1849. El incoragiamento de Citolo da Perugia par la difesa de ’l "bastion de la gata" in te ’l 1509 a Padova
de Gigi Vasoin
 
Sport
Leggi l'articolo Chiara Rosa, "Principessa" del peso
de Mario Galdiolo
 
Robe de Ciósa
Leggi l'articolo Garibaldi e i pescaóri ciosòti
a cura de Angelo Padoan
 
Da Lendinara (RO)
Leggi l'articolo Festa polesana
de Renato Scarpi
 
Da Verona
Leggi l'articolo La "Spluga de la Preta" nel film "L’abisso"
de Wanda Girardi Castellani