Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Gemma Bellotto

Da i Coli Euganei

Létara de primavera

Anca sti du "musiti", la Giada e la Greta, me nevodete, le fa pensare a la primavera.
Anca sti du "musiti", la Giada e la Greta, me nevodete, le fa pensare a la primavera.
Carissimo amigo,
ferma sol meàe de 'a porta, vardo incantà tuta sta belessa che me circonda e intanto la mente me regala de i versi lontani, che penso sia stà proprio i primi a farme inamorare de la poesia. A farme sentire in tel core on qualcossa de dolse che vegneva sù fasendo slùsare i me oci de comossion. E sta spece de làgrema de dolcessa restava lì, inturbiando la vista. Ma eco che na volta passà sto "umidore" de oci, vedéa mèjo de prima, pi ciaro, pi neto e el core scumissiava el so ritornèo d'amore a la vita.
Varda la mente, me digo, quanto pressiosa che la xe par averme portà stamatina on momento de marso de tanto tenpo fà, quando toseta, incantà da la belessa de la primavera, scoltava imagà sta poesia: "La fioritura vostra è troppo breve / o rosei peschi / gracili albicocchi / nudi sotto i bei petali di neve. / Troppo rapido è il passo con cui tocchi / e al tuo passar, / l'erba germoglia / o primavera, gioia dei miei occhi... / Mentre contemplo ferma sulla soglia, / dell'orto il pio miracolo dei fiori / sbocciati sui rami senza foglia. / Essi, nei loro tenui colori / tremano già del vento alla carezza / volan per l'aria, densa di languori. / E se ne va così la tua bellezza / come una nube / o come un sogno muori / o fiorita di marzo / o giovinezza".
Eco, come che te gavarè capìo, sti versi i xe de Ada Negri. Li go messi sol fojo parché la veduta, che me trovo davanti ai oci stamatina, la xe proprio precisa de quea descrita da sta famosa poetessa. Ansi, vorìa dire che la xe anca pi bea, parché la xe viva, reale. Mi ghe canbiarìa el finàe, però, no de sta poesia, ma el senso de sta vision che me cato davanti, pensando a quante primavere go visto sbociare, volar via col vento, lassàndome na dolse speransa in core, de poderla védare ancora e magari pi bea de prima. E ogni volta che rivava na primavera nova, eco che l'aria deventava rosa, eco che el vento mandava torno on vissinèo de fojete bianche par farme deventar ancor pi toseta, inamorà de la primavera e de la vita. Sì, la par proprio na nevegada quel che gira in te l'aria stamatina. Na nevegada de fiuri de amolaro, che sfarfalando i ricama el celeste del celo de sta matina de marso. E mi poco fà me son spostà fin soto ste rame bianche de fiuri, e go scoperto che on bissinèo de ave gera lì, in serca de miele. E intanto zolando tra on fiore e st'altro, le faseva el stesso rumore de on tenpo, na specie de "ronzio" che deventava on canto. No la xe stà finìa la sorpresa parché, da sti fiuri de biancospin eco vegner fora on odore dolse e aspro in te el stesso tenpo. Sì, questa sarìa proprio la "caratteristica" de i fiuri salveghi de biancospin, de amolaro, de brunbiolaro. Quei de saresara, invesse, i ga on odore dolse che sa de miele, e lì, in meso a le rame in fiore, le ave le fa proprio "maresina", diria el papà. Serto che sti oduri, parché secondo mi, pi che profumi li ciamarìa oduri, i ga on qualcossa in pi de i profumi de i altri fiuri, che pol èssare boni fin che se vole, ma no i gavarà mai sta spece de odor de vita nova. Quasi par dire che da ogni fioreto, vegnarà fora on fruto bon da magnare.
Pensa, me digo mi adesso, la meraveja de la natura. Anca co i fiuri la riesse a dirne qualcossa, co la vosse dolse e piena de amore par noantri òmeni che a volte no se meritemo gnanca el beo e el bon che la natura ne dà ogni dì, a man verte. Tanto che spesso no la savemo capire e no ghemo tenpo par scoltare i so messaji. Vardando la riva, al de là de la strada, eco che de prima matina, apena verto i oci, ieri me son acorta che no la gera pi nuda la tera, ma durante la note, gavéa butà na erbeta fina, fina e tènara, che faséa pensare ai primi cavéi de on neonato. Eco, me diséa mi in silensio, la xe proprio come na toseta picenina anca la me tera. E in te chel momento sentiva la voja de posar lì, in tel tappeto de erbeta cussì delicato, prima le man e dopo pian pianeto la testa, quasi par sercar de sentire el primo respiro de sta vita pressiosa. Forse par mi la xe na storia che se ripete questa, parché ogni ano, quando scopia qua, ai piè de le me coline, la primavera, el me còre canta. El còre, magari par on poco, el torna toseto, par sercar de vivare sta stajon cussì bea, cussì pressiosa.
Vardando le distese de viole sora la riva, l'altro dì me pareva de èssare tanto fortunà, ansi me sentiva fortunà, par catare el tenpo de fermarme a vardarle, sercando de sbassare la testa, par sentire sto profumo che no ga canbià, parché le xe nate da sole, sensa man de l'omo, e pensava che bisognarìa fermarse on pochetin de pi a vardarse 'torno, par osservare la tera, l'erba, i àlberi, i fiuri, i fruti. Par vardar le farfàe che zola pian, pianeto in meso ai fiuri. Fermarse par scoltare el ciacolare de le seleghete, che a matina presto le ciàcola come le comare al marcà de on tenpo passà. Fermarse a vardar le prime rondinele che riva senpre a sercare el gnaro sol stesso posto. Fermarse a scoltare l'usignolo, che ultimamente l'è tornà ancora e col so canto el ricama la note de luna. Fermarse a vardare el tramonto, che el canbia ogni sera la so belessa de coluri.
L'è sta el popà a insegnarme a vardare e a volerghe ben a tute ste meraveje del creato. Che beo, a penso, se anca ancò i genituri savesse almanco par na volta tanto mostrarghe ai tusiti sti incanti de 'a natura, che no xe robe passà, de altri tenpi, ma on qualcossa de vero, de reale che sa darghe ossigeno a l'ànema. Come alora, vojo dire, come el me tenpo de toseta, la natura continua el so corso. No xe robe passà de moda, dire "Varda che bel tramonto! Sinti che musica. Curi, là in fondo al canpo xe vegnù fora la prima viola. Serca de volerghe ben a tuti, ognuno par noantri ga da èssare on amico. Daghe na brancà de sarese a chel toseto che no ghe n'à..." Queste xe tute paròe insegnà dal popà e inparà scoltando na maestra che se ciama "Vita!". Na vita senplice, che ne bastava poco par contentarse. Tante volte me incorso che, alsando i oci e catàndome davanti a on ceo celeste, ciaro, neto, co qualche nuvolon bianco che fa pensare a on mucio de pana montà, o al sùcaro filato de le sagre de on tenpo, me par de sentirme pi legera.
Si, anca el nostro vecio mondo dovarìa alsare i oci pi spesso in serca del ceo celeste, de i nuvoluni bianchi come la neve. Sercando de slongare na man, quasi se se podesse trovare li drento el posto del seren e de la chiete par l'ànema.
Par tuti. Saluti cari e Bona Primavera.

[torna sopra]

 

Archivio
2020 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo L'onbra de la dona
Ormai ghe semo: ritorna puntualmente la FESTA DE LA DONA, la data de l'8 marzo, na ricorenza che ga perso el so significato originale. Se domandemo, a sto punto: "Xela na festa par la Dona o par la so onbra?"
de Mario Klein
 
Ricorensa
Leggi l'articolo Ventisinque ani insieme: 1983-2008
Vènare 15 febraro 2008, al Teatro Verdi de Padova, serata de Gran Gala, co la partecipassion de autorità, el teatro de Bruno Capovilla e tanta, tanta sinpatìa par sto nostro mensile che, non solo no l'inquina la mente, ma adiritura el svèntola nel mondo la bandiera de l'identità vèneta
de Mario Galdiolo
 
Un masseto de mimosa
Leggi l'articolo Done de na volta
de Luigi Frosi
 
Da i Coli Euganei
Leggi l'articolo Létara de primavera
de Gemma Bellotto
 
"La Sguaratà" - Ciàcoe adriote
Leggi l'articolo Tenpo de diriti e tenpo de doveri
a cura de Romano Beltramini
 
Incontrar un poeta (in veronese)
Leggi l'articolo Wanda Girardi Castellani
na poetessa speciale
de Lucia Cozzolino Masotto