Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Ugo Suman

Devossion popolare

El prefisso del Paradiso

Anche el grande Michelangelo, ne la so creassion de l’omo el ga volesto métare in evidensa quei do déi che no se toca e no se tocarà mai...
Anche el grande Michelangelo, ne la so creassion de l’omo el ga volesto métare in evidensa quei do déi che no se toca e no se tocarà mai...
Fra i tanti ricordi del mese mariano, se fa largo sti giorni ne la mente, l’armonia de na scola cantorum parochiale, persa ne le campagne de la Bassa: "Inni cantian di giubilo / al nome di Maria, / nome che ognor desìa / l’alma, la terra il ciel..." Questo xe l’inissio de un canto a quatro voci, dedicà a la Madona e che, el nostro maestro organista del tempo, giurava che lo gaveva composto el grande don Lorenzo Perosi, ne i ani Trenta del secolo passà, quando el xe stà nominà Accademico d’Italia. El lo gaveva composto par un so zio prete che lo gaveva conossùo in seminario, el conservava anche el manoscrito.
Questo xe un ricordo che me lo porto drio ne i meandri de la memoria, par averlo cantà tante volte, insieme a le altre voci bianche de la nostra cantoria parochiale. Un ricordo lontan, smissià co la chiusura solene del mese Mariano, co tuti i ricordi del Fioreto ’torno ai capitèi de le contrà, dove le mame ghe tegneva le manine giunte ai pìcoli che le portava in brasso. La gloria de la campagna de quei ani xe indescrivibile, dal punto de vista de la natura incontaminata, come le tante paure de la guera, co la preghiera finale par quei de la contrà che se trovava al fronte.
Go fato sto preambolo parché un letore nostran che, dopo la fraterna, puntuale e precisa recension de Mario Klein su Q.C., (che ghe xe capità in man par caso, da un barbiere), el se ga procurà el me libro "Telefonate al Padreterno", edito da la Tipografia Regionale Veneta. E dopo averlo leto e rileto, el ga volesto scrìvarme na létera de do faciate, scrite ben in italian, parché no ’l vole massipare parole che lu no sa scrìvare. Go pensà de fàrvene lèzare qualche stralcio, e no parché el ga dito ben del me lavoro, anche se me fa piassere, ma parché el me dà motivo de ripètare de le considerassion valide par ogni credente, in particolare in sto mese de Magio dedicà a la Madona. Sinceramente, co la scusa de la television, de létere ghe ne xe rivà tante da ringrassiare el Signore, ma questa fra le altre ga fato de le domande più sensate, anche se qualche volta scherzose. ècola:
"Sono un fedele e partecipe lettore della sua rubrica domenicale l’Orto de Casa sul nostro Gazzettino, ma non l’ho mai sentito parlare di questo suo libro. Grazie a questa sua rubrica ‘Letteraria’ (ne sono convinto) leggo facilmente e volentieri il suo dialetto, ma non so scriverlo, essendo nato altrove. Solo causalmente su Quatro Ciàcoe, rivista alla quale collabora anche lei, ho letto la recensione e mi sono procurato il libro. Non voglio farle i miei complimenti, chi sa quanti ne avrà ricevuti, voglio soltato dirle che sono dello stesso parere del recensore: si tratta di un libro di autentiche preghiere, in partenza per il paradiso, notoriamente la casa del Padreterno. E siccome sono anch’io una creatura strapazzata dalla vita, vorrei poter avere il suo ‘prefisso...’ per chiamare il Padre nostro, nel bisogno."
Subito dopo el ghe zonta che la so domanda xe solo un scherso, ma ghe piasarìa savere come métarse in comunicassion col Signore de la vita e de la morte, come lo go ciamà in uno de i soneti.
La me risposta no la xe na novità, e come podarìa èssare na novità el me gnente, dopo domile ani de cristianesimo, co tuti i alti e bassi che se vole ricordare. Par i devoti de la Madona, tuti sa che fra i tanti atributi che ghe xe stà dà ne i secoli, la ga anche quelo de èssare stà definìa: "L’unico filo diretto che ci collega al cielo". E se la Madona xe el filo, el prefisso no pol èssare che la preghiera. Le nostre preghiere – se podarìa dire tranquilamente, le nostre richieste de grassie e de misericordia – ne le so man le rivarà de sicuro al celulare de so Fiolo. El segreto de quele telefonate che co la fantasia me inmàgino de fare e che tanti altri tenta de mandare verso l’alto come, de i messagini telefonici che resta sensa risposta, no xe parchè el Padreterno no ga el telefonino, come me ga scrito qualcun par scherso, ma solo parché Dio no ga bisogno de parlare.
Tuto el nostro sercare de le spiegassion umane ai nostri parché de creature spaurìe da le aversità de la vita, lo gaveva capìo ben anche el grande Michelangelo, che ne la so creassion de l’omo (in copertina del libro), el ga volesto métare in evidensa, quei do déi che no se toca e no se tocarà mai: quelo del Padreterno Creatore e quelo de la creatura. A voler capirlo, in quel picolo ma incolmabile distaco, ghe xe la più limpida, completa e umana risposta possibile.
Diversi contadini del me tempo, che nel so picolo mondo gaveva un santo par ogni canton de la casa, diseva che San Giovani de la Verza, ga lassà scrito che avendo pregà tanto el Signore, par savere e par capire, a la fine el ga capìo che par noialtre creature, gera mèjo no savere. Semplicemente parché se podéssimo capire e savere tuto, conossarìssimo la nostra fine co tuti i so contorni de dolore, e ne tocarìa tribolare ancora de più: la speransa fa più bona compagnia de la certessa. Epure, nonostante tuto, i òmani continua a sentire nel so intimo più profondo, el bisogno de tentare sto contato impossibile, ma che pol diventare realtà solo atraverso la preghiera. No la xe na prèdica, ma solo na costatassion umana, che pol servire par tegnerla de scorta.

[torna sopra]

 

Archivio
2020 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale de Mario Klein
Leggi l'articolo Bastarìa on grazie
Se ga perso quasi conpletamente la bona usanza de ringraziare e de mostrare gratitudine verso chi te ga dà la vita, te dà na parola, on aiuto, on gesto o te fa on piazere
de Mario Klein
 
Devossion popolare
Leggi l'articolo El prefisso del Paradiso
de Ugo Suman
 
Le storie de Nando
Leggi l'articolo Doreta de Ponte
de Fernando Boaretto
 
Da Maran Lagunare (UD)
Leggi l'articolo Giovanin de Grào
de Bruno Rossetto Doria
 
Proverbi comentài in venessian
Leggi l'articolo Có no se fa la seconda...
de Gianfranco Pontini
 
Ultimi dì de guera al me paese
Leggi l'articolo Quel che no se lezarà mai te i libri de storia
de Enzo Coltro