Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Daniele Marcuglia

Vardando indrìo

El tajo de i cavéi

Sti cavéi vegnéa vendùi ai grossisti per far paruche...
Sti cavéi vegnéa vendùi ai grossisti per far paruche...
Alora a fine Otosento le condission de i nostri noni, quasi tuti contadini, le jera triste: sfrutamento, miseria, pelagra, carestia... Queste le jera le parole d’órdine; siché podemo ben capir che par tanti la decision de emigrar in America la jera pi che na sielta, na necessità! Ma cossa vol dir miseria? Forse noaltri ’desso no se rendemo proprio conto de cossa che vol dir patir la fame, epur ghe xe de i episodi che ’desso me par fin inpossìbile che i sìa esistìi, fin a manco de un secolo fà, Uno de ‘sti modi dolorosi, dirìa quasi umilianti par le povere tose che vegnèa coinvolte el jera queo de farse tajar tuti i so bei cavéi par po’ vènderli par far paruche.
Ghe xe un bel libro de Revelli1 che xe in pratica ‘na gran racolta de senteneri de testimonianse del mondo contadin e popolare del Piemonte de la prima metà del Novesento. In meso a tute ‘ste interviste ghe ne xe anca un poche che parla del fenomeno del tajo de i cavéi a le tose che fasèa ‘sti omàni piemontesi, che el pi de ’e volte i catava da tajar cavéi indove che la zente jera pi poareta, che sarìa, manco a dirlo, in Veneto e in Friuli.
Uno de ‘sti contadini el jera nato nel 1897 e nel 1911, a soli 14 ani, el gavèa tacà a ‘ndar in Veneto a tajar cavéi, parché:
"Nel Veneto c’era una miseria ancora più grossa che nelle nostre valli, là il pane non lo vedevano mai. Io le province del Veneto le ho passate tutte. Compravamo solo trecce nel Veneto, i "cavei del pentu" non ci interessavano.
Partivamo verso la fine di settembre, tornavamo a casa ai primi di giugno. Se mi faceva pena tagliare le trecce alle belle ragazze? Oh, solo arrivarci... Il nostro problema era di lasciare sulla testa delle ragazze solo più una corona di capelli. Le ragazzine di 10-12 anni piangevano. Ma le madri avevano bisogno di soldi e ci facilitavano il lavoro. Quante trecce ho tagliato a Udine! Pagavamo 5 o 10 lire per treccia, ma le lire di allora valevano di più dei biglietti da mille di adesso. Andavamo da un paese all’altro, camminando."
Po’ i nostri informadori i ne dise che i gavèa a Citadela na sorta de deposito indove che i cavéi vegnèa ingrumài, sernìi e po’ lavài. Quando che i jera a posto, sti cavéi vegnèa vendùi ai grossisti de Saluzzo, vissin Cuneo, che po’ li spedìa a Parigi e a Londra par far le paruche.
El testimone continua po’ a darne altre informassion de sto lavoro cussì particolar, come el fato che soto el mèso metro de longhessa i cavéi no i vegnèa tajài, senpre che no i fusse cavéi speciali, el vero bianco o el vero biondo o el vero nero. Ma el cavèo pì ricercà el gavéa el color bianco sénare.
Na forma de rispeto e de onestà de sti k"tajacavéi" piemontesi jera che i pagava senpre prima del tajo. Adiritura vien ricordà che ‘na volta in provincia de Venessia i ga tajà de i cavéi longhi 1 metro e 20, che i pesava 3 eti, e 2 eti jera restài in testa a quela tosa che se gavèa fato tajar.
In pratica sti piemontesi, caminando senpre a piè, i girava i nostri paesi, e i ndava drento in te i vari cortivi indove che i vedèa che ghe jera tante fameje grosse, e tuta zente in miseria; jera cussì ne le montagne del Veneto, ma anca in pianura. Ogni stajon voléa dir par lori (almanco da ‘sta serie de testimonianse) 2 quintali de cavéi, un bel saco pien, che pesava come el pionbo. A fin stajon i portava casa domile franchi (=lire) de guadagno paromo, i jera tanti schei, dato che a l’època ‘na vaca valéa 500 lire. Penseve che naltro testimone el ga dito che un ano i xe partìi par tornar casa da Verona tuto a piè, fin casa, pur de sparagnar i diese franche de la spesa del treno: i ghe ga messo poco pi de na setimana par rivar al so paeseto ne le coline piemontesi, strachi morti ma contenti par el guadagno che i portava casa par le so fameje che a la fin fine no le jera tanto pi siore de quee del Veneto...

[torna sopra]

 

Archivio
2022 21 20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo El bosco ga perso la so "vose"
La montagna veneta no sarà pi la stessa. Ai boschi de l’Altopiano ghe mancarà la quinta stajon, quela che ghe regalava el "Grande Vecchio", senpre lì a vigilare e a difèndare la natura e le so creature
de Mario Klein
 
Tradission
Leggi l'articolo La sagra de la siola
de Luigi Frosi
 
Da i Coli Euganei
Leggi l'articolo La Fiera de San Lorenzo
de Gemma Bellotto
 
Vardando indrìo
Leggi l'articolo El tajo de i cavéi
de Daniele Marcuglia
 
Da Schio (VI)
Leggi l'articolo Na tore antica
de Piera Rompato
 
Da Verona
Leggi l'articolo Quando le done le faséa "spesa"
de Wanda Girardi Castellani