Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Maria Damonte

Da Maran Lagunare (UD)

A palmolà

Dopo sto lavor, vévomo de fà el cagol...
Dopo sto lavor, vévomo de fà el cagol...
Da tanti ani, scrivo su "Voce della Laguna", el Boletin Parochial nato nel Dicenbre 1963; su un nùmero go leto un articolo firmò da me mare. Granda xe stada la sorpresa e sicome dopo la ghe ne ga scriti altri, prima de consegnali al diretor Don Elia Piu, la me li faseva vede e par la poca scola che la veva fato ai so tinpi, posso dì sensa onbra de dubio che la gera brava, la veva el senso de l'ironìa, un stile che no xe facile de vè. Oltre che a 'na bela caligrafia, la veva 'na bona memoria, la ricordeva parola per parola, proverbi, mudi de dì, poesie e canti de 'na volta che in parte son riussìa a recuperà.
Go sièlto tra i so articoli sto qua che 'l me par interessante: el xe stò publicò nel Dicenbre 1974 sul Boletin sora citò, col titolo "A palmolà". Cussì la conta... "Quando che me penso a la vita che go fato cò gero zòvene insieme a me sorela Anzoleta e a le me amighe, no me par gnanca vero, me par che duto sia un sogno. Se scumissieva andà a caparòssoli el mese de Otobre e se andeva fin al Zioba Santo: sto mistier se lo faseva co duti i tinpi.Quando che faseva tanto fredo se veva le man dute ingransìe e piene de taj, el sague el ne scoreva zo da le man e se sporcheva duta l'aqua. Me mare, povareta, cò rivévomo a casa la prepareva un cajn de aqua calda in modo che se le scaldìssimo. Finìa la stajon de i caparòssoli andévomo a moleche e a palmòla*. A la sera bisogneva 'ndà in neto presto parchè dovévomo alsasse de note secondo l'órdene che veva la seca (bassa marea).
Montévomo in bretela, ciapévomo el remo e voghévomo...
Montévomo in bretela, ciapévomo el remo e voghévomo...
Piene de sono, montévomo in batela, ciapévomo el remo e voghévomo fin a la "Tajadussa", "Valis", "La lama granda" e altri pusti che savévomo de trovà pesse. Finì sti mistieri, 'ndévomo a "tirà de schile" e de "marochi"; dopo sti qua dovévomo siélzili a un a un soto 'na lanpadina che la se troveva ogni tanto, sta qua gera la iluminassion de Maran. Sucedeva che ciapévomo de le gran cote de fredo che ancora 'desso no riesso a desmentegale. La merce che ciapévomo la portévomo a vende in pescarìa, ma purtropo i conpauri i ne deva poco-niente. Dopo duto sto lavor fato squasi senpre de note, stanche come che gerévomo, a casa dovévomo ravjasse le màneghe parché gera de faghe de magnà ai omini che i gera a pescà a cason duta la setemana; sto magnà vigniva a ciòlo un omo ogni zorno e se ciameva "la mèsa". In quela volta no gera l'aqua in casa che xe 'desso, cussì bisogneva 'ndà a tirarla in ponpa. 'Desso xe el gas, in quela volta invesse se 'ndeva 'vanti a carbon e a ligni, la polenta bisogneva missiala in te 'l fugher e su la caena. 'Desso xe stada inventada la lavatrice, in quela volta invesse se laveva duto a man, bisogneva fa la lissia co la sènere e lavà gera un lavorasso. Dopo de sto lavor vévomo de fa el cogòl, pal marìo, i fradèi o i fiòi, 'desso par fortuna i pescaùri la rete i la conpra za fata. Mi no sò, ma con dute quele tribulassion che vévomo passò gerévomo lostesso contente, no se lamentévomo mai e cantévomo come sirene del mar. No se vedeva l'ora che vignissi la festa de S. Vio (15 giugno), par screà un abito e a la sera, se capiteva, fà quatro salti sul tavolasso: sto qua gera el nostro sol divertimento. Col passà de i ani i tinpi xe ganbiài; el sior Malagnini el vevaverto a Maran 'na fabrica de pesse e dopo el ghe la ga vendùa a la Dita Mazzola de Genova. Cussì squasi dute naltre fanghere vemmo lassò la vita del palùo e semo 'ndàe a lavorà in fàbrica; fasévomo tante ore come el canpanil, ma in confronto de quel che vévomo passò ne pareva de 'ndà a la "sagra". Che sapio mi, sol qualchi dona la ga continuò a 'ndà in fango, parché la gera usada e no la podeva fa de manco, qualchiduna la ga fato sto mistier par sinquanta ani.
Penso, a la fine de sto me contà, che la zoventù de ancùo no la se adatarissi a sfadigà come che vemo fato naltre. Speremo che in te la vita la possa trovà mistieri mèjo de i nostri, mi ghe lo auguro".
El so augurio in sti ani el se ga averò.

* Tipo di pesca con la mano, che si eseguiva tastando il fondo fangoso.

[torna sopra]

 

Archivio
2022 21 20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo E 'desso... tuti a scola?
No lo prevede el disegno de lege del ministro a l'Istruzion, Mariastella Gelmini, ma 'l ne pare necessario, visto che tanti genitori i difende senpre so fiòi, anca quando che i ghe ne conbina de grosse, metendo cossì a ri-scio l'educazion de i fiòi stessi
de Mario Klein
 
Sbiansi de cultura orale
Leggi l'articolo La Màbile, na quartesa rostelona
de Dinerio
 
Dal Piovese (PD)
Leggi l'articolo Luigi Bozzato
Un omo da no desmentegare
de Umberto Marinello
 
Da i Coli Euganei
Leggi l'articolo I tipi stranbi de on tenpo
de Gemma Bellotto
 
Da Maran Lagunare (UD)
Leggi l'articolo A palmolà
de Maria Damonte
 
Da Isola Vicentina (VI)
Leggi l'articolo Na tèpida sera d'istà
de Gianni Fioretto