Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Bruno Rossetto Doria

Da Maran Lagunare (UD)

Le fàbriche de Habo e Candala

Elte, slanciàe e svelte: le done là le xe sai bele.
Elte, slanciàe e svelte: le done là le xe sai bele.
Gera passài quatro misi e Antonio el se gera rassegnò sercando de trovà sodisfassiòn sul lavor. Anca parché a Habo e Candala no gera nessun anbiente, gnente de podè fa score el tenpo, anca se là gera tante done. Dopo che ’l sàntolo Carlo lo veva metùo in guardia de co’ che ’l ’ndeva incontro, massima con le done maridàe, con marì svelti a tirà fora la brìtola, Antonio el ga sercò de fa finta che gnanca no le fussi. Ogni fàbrica la veva 500 operai e le gera squasi dute done, dato che i òmini i ’ndeva a ciapà el ton. Par smaltì i 700 quintài de pesse al zorno, ton lavorò par ogni fàbrica, le done ghe tocheva stà drento 15 e qualchi volta anca 20 ore prima de finì el lavor. Antonio no ’l credeva de trovà operai cussì, con voja de lavorà. Par elo gera stata parebòn na sorpresa; el credeva che in t’i Paisi caldi la zente la fussi fiapa e invissi, agevolò del fato de vee operaie cussì brave, fata qualchi mudifica in tel tajà e tel netà el pesse, puchi misi dopo el se ga n’acorto de esse rivò a un bel risultato. Ma la mossa più mèjo gera stada quela de lassaghe a luri el momento libero de pregà. In fàbrica gera operai de diverse riligiòn, gera parfin el cristianesimo. Antonio el se gera trovò inpreparò su sto argomento dilicato, no ’l credeva che in Africa el fussi stò anca elo e co el xe vignùo savè che ’l lo veva inportò là Frumenzio e so fradel Edesio adiritura tra el 320 al 335, el xe restò a boca verta.
La sera el veva tanto tenpo de lese e anca se no ’l gera portò a ste robe, le leseva parché el voleva capì mèjo quela che gera la veritàe del giogo. De na roba el gera sicuro, che i operai drento le fabriche i gera portài verso l’islamismo e che gera a luri che ’l veva de daghe sodisfassiòn.
La popolassiòn somala del nord la ga liniaminti bei, squasi conpagno i nostri europei. Elti, slanciài e svelti, massima le done, là le xe sai bele. Forti cridinti i se meteva in sdinociòn a pregà sinque volte al zorno e senpre col muso rivoltò verso la Meca. Quel che ghe deva fastidio al diretor gera el fato che ogni volta i sintiva el bisogno de falo sul lusiòr, fora de fàbrica. Sta roba la feva sol i òmini, parché le done, almoto, là no le veva i stissi diriti. Calcolàe come pèsse de pie le se meteva in sdinociòn a pregà dadrìo la fàbrica. Anca se ghe sechèva perde minuti buni de lavor, lassànduli pregà el gera rivò ciapà la sinpatia anca de i somali che, gnente riligiusi, i profiteva de quìi muminti par beve bira.
A Habo e Candala gera più de trenta taliani, contando quìi drento le fàbriche e i òmini inbarcài a bordo le do barche de sacaleva siciliane che le pescheva sardele, i ciapeva la l’esca che ghe serviva ai pescaùri. Ferrari el veva ciapò in sinpatia Romeo Salenti, el talian che ’l feva capo in tel cascame, là che i tajeva el ton che dopo i lo mandeva a cusinà. Partìo de Maran in tel marso del 1937 co l’ucupassiòn de l’impero etiopico gera roba romai fata: che butò via el Negus de Addis Abeba el marassial Badoglio el ghe veva lassò i comandi al general Graziani, in quela volta che stando sul barcòn del palasso Venessia; proclamando la conquista del gniovo inpero, el Duce el serchèva de scaldà la zente, disendo che gera bisogno de operai, che bisogneva partì, che gera bisogno de mete posto le strade, montà scole e asili, fa in modo che in tel gniovo "Inpero" ghe vignissi insegnò el credo fassista.
Partindo del so paese Romeo el se gera portò drio na parlada che no gera fassile de capì, massima Antonio, in prima el feva na fadigassa. Romeo no ’l voleva mai parlà del so paese, somejeva che ’l vissi paura parfin mensonalo. Pitosto, dopo che ’l veva portò a sena a casa sua el diretor, gera so fio Giulio quel che ’l veva scuminsiò a cioghe la vita, che ’l se gera metùo in testa de cognosse l’Italia. Romeo el ghe veva contò squasi duto de elo, al diretor: del paese so sircondò de aqua e de miseria, che ancora fiòl so pare lo veva portò a pescà con elo, che i partiva con la batela de luni pa tornà a casa la doménega matina.
«Tante volte me go domandò come che me pare el me gabia lassò finì la tersa elementare. Go inamente che sai puchi fiòi i gera rivài; in quela volta un de sete-oto ani za el ghe feva comodo al pare, massima in aprile che i verzeva de ndà ciapà pesse novel, le oradele. Me fio Giulio no ’l cridi che so pare el ga visto el treno a vinti ani, e sol parché i lo veva ciamò in militar. No ’l ga volesto lavorà in fàbrica, parché el ga dito che drento ghe manca el respiro, e cussì come so pare, el ga volesto fa el pescaòr».
El ga i me ani Romeo, anca elo conpagno de mi el vol vede se ’l pol trovà de mèjo. anca se te lo porti quatro misi a Mogadissio, che te lo mandi a scola de "lingue", oto misi de sta vita sensa gnente, no xe che la sia bela vita sta qua par un zovene. Romeo, dato che anca Giulio el fa el pescaòr, varissi caro vidili co i parti; parché doman de matina bonora no se alsemo e no ndemo mi e ti in spiaza a vede la partensa; son proprio curioso de vidili parti duti insieme.

[torna sopra]

 

Archivio
2019 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo I dise che la sarà on’istà poareta
Lo riferisse i dati riportà da giornài e TV: la sarà na stajon difarente da i altri ani: pi disocupazion, manco schei in circolazion, manco distrazion, rinuncia a tante robe... Sarà vèro?
de Mario Klein
 
Vìvare la vita
Leggi l'articolo Cunarse su na rama
de Ugo Suman
 
Da Belun
Leggi l'articolo Adolfo Crespan, "Dodo"
de Luigina Tavi
 
Da Maran Lagunare (UD)
Leggi l'articolo Le fàbriche de Habo e Candala
de Bruno Rossetto Doria
 
Da Adria (RO)
Leggi l'articolo Va e vieni
de Sergio Bedetti
 
Da Verona
Leggi l'articolo Maridarse... vestìo da sposo
de Giacinta Dall’Ora