Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Ugo Suman

Devossion popolare

La favola e la fede

Vorìa vardare Gesù Bambin co i oci de quel putelo che la visilia del Natale del 1938...
Vorìa vardare Gesù Bambin co i oci de quel putelo che la visilia del Natale del 1938...
No sò quanti letori de Quatro Ciàcoe, me veda ogni giorno su Telechiara da venti ani ormai; no lo digo par vanto, parché l’è un dono de Dio, e manco ancora par farme publicità, che, umilmente, no me intaressa. A la me età, dopo na vita tribolà come tante altre, se pensa solo a come sarà l’incontro, ormai vissin, col Paron del mondo, dopo la morte; dove spero de ritrovare la me Marina, co tuti i me cari. Lo digo solo parchè co la television ricevo tante létere de ansiani che ga problemi de salute corporale e de Fede spirituale, che mi, anche volendo, no posso aiutare, ma solo capire e sercare de consolare. La xe na tristessa che quei che no la ga provà, no pol gnanche inmaginàrsela.
Quasi la magioransa de quei che scrive o telefona (parché i se spiega mèjo), dise de èssare in crisi dal punto de vista de la fede, quela che se gaveva na volta, e proprio adesso che ormai xe ora de partire, e se gavarìa più bisogno.
Sto fato che riguarda in particolare i più ansiani, ma anche i zóvani, nasse come go dito altre volte, non solo da la baraonda del dopo Concilio, che ga cambià tante robe che ne gera sacre da generassion: a scominsiare dal latin, al prete in braghe e giacheta, a l’altare roversà, a la sacralità intocabile de l’Eucarestia che pare cancelà. E sensa tirare in balo el crocifisso che i vol cavare da le scole e i discorsi su la nostra fede de tanti foresti che ne xe vegnù in casa, i quali ga n’altra religion e n’altro Dio (anche se el prete dise che ’l xe sempre quelo).
I ghe ne parla anche da le television e i ne deride, a volte diretamente, afermando che tuto quelo che credemo noialtri da secoli, le xe solo de le favole e no xe vero gnente. No esiste né el paradiso né l’inferno, e manco ancora el Giudissio Universale: trovaremo solo el silensio e la pace al de là de la vita, su na pianura verde sensa confini. E tante altre robe che no ve digo gnanche, ma che ai vecioti ghe fa male dentro l’ànima e no i pol lagnarse gnanche col prete, che quasi no ’l ghe bada, (me lo scrive lori). Questo xe solo el brodo ristreto, de quasi tuti quei che sente e xe cossienti de sto momento burascoso, che sta passando el cristianesimo, la Cesa, la nostra religion e la nostra stessa fede, quela che ne ga insegnà i nostri padri.
Tanti de questi che go apena nominà – e vojo métarme anche mi co lori – se avissina a sto Natale co na trepidassion particolare. L’àlbero ga oscurà, co la superbia de i so colori, l’umiltà del nostro presepio povareto, quelo de le nostre case sensa luce. La sagra de i regali, de i viagi e de le setimane bianche, ga ridoto la festa a na fiera, un marcà dove Gesù Bambin ghe entra apena, quasi par scherso, quando no i lo fa gnanche védare par no darghe fastidio a qualcun.
"Povero Natale dalle tante luminarie ma dalla poca fede". Lo ga scrito quel prete scritore de Ravenna che go nominà più volte, Francesco Fuschini, poco prima de morire in una casa de riposo qualche ano fà. Mi no go gnente che possa far cambiare sto mondo; e guai a fermarlo, sarìa come pretèndare de fermare la vita, che i nostri veci diseva na machina sensa freni e sensa retromarcia. E alora l’unica fonte de conforto resta i ricordi: un paradiso che nessuno ne pol robare. Ricordare el nostro Natale, el nostro presepio povaro de statue, parvìa de i schei, ma grande par la fede e par la consolassion che da questa ne vegneva dentro l’ànima.
Vorìa vardare Gesù Bambin co i oci de quel putelo che la visilia del Natale del 1938, se ga spacà la testa, cascando da la teza, par andare a tore na brancadela de fen neto e suto da métarghe soto al nostro Gesù Bambin de ceramica a colori e soridente. Gera vegnù tanta neve e tuto gera fredo e giassà. Ne la stala, su na tola in un angolo riparà, me mama, e me nona co me zia stava preparando el presepio par i altri me fradèi più pìcoli: mi ghe aiutavo, vardavo e ghe metevo le man dapartuto. A un serto punto no ghe gera na brancadela de fen neto e suto da métarghe su la cuneta dove se meteva el Bambinelo. Me xe vegnù in mente de andare a sercarlo ne la teza, proprio sora la stala, là el fen no gera mai giassà. Tornando zo par la scala a pioli, no so’ stà atento, come i me gaveva racomandà, e so’ cascà da un par de metri batendo la testa su la tera dura del pòrtego. Se vede che go sigà parché me papà el gera za là a tirarme sù in brasso. "Varda che busa che te ghe fato par tera, co chela testa dura" el me ga dito ridendo par distrarme, parché se vedeva un poco de sangue.
Me nona me ga subito disinfetà co la so aqua finicata, la me ga messo na pesseta bianca e un nastrin ’torno la testa par tegnerla ferma. Me mama faseva na fadiga boja par frenare le làgreme: podeva capitar de pezo. La me ga fato na caressa e posà, par un momento, la statuina de Gesù Bambin su la ferita. Ormai gera sera e me nona, sempre parona de ogni situassion, me ga controlà come un dotore e la ga dito: "Adesso te scaldo na scodela de late, te la bevi tuta e te ve in leto. Doman xe Natale e te sarà za passà tuto, te lo garantisso mi."
Eco, vorìa poder vardare Gesù Bambin co quei oci da putèo; sensa pensieri, sensa problemi, pensando come alora, che ’l xe vegnù dal cielo solo par farne compagnìa.

[torna sopra]

 

Archivio
2020 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo Létera a Gesù Banbin
Co la confusion che ’l se catarà anca Lu là de sora, a go paura che ghe sia scapà de ocio le ùltime novità de tera, che lo riguarda da vizin. Me dispiasarìa che ’l vegnesse a saverle massa tardi: xe mèjo che ghe scriva...
de Mario Klein
 
Devossion popolare
Leggi l'articolo La favola e la fede
de Ugo Suman
 
Vita de na volta in dialeto de la Bassa Padovana
Leggi l'articolo El mas-cio
Par ricordare Bepi Famejo, a tri ani da la morte (5 dissenbre 2006), publichemo sto articolo inèdito, che ne xe stà dà da Lorenzo Bello de Montagnana
de Bepi Famejo
 
Da la Marca
Leggi l'articolo El radicio de strejola
de Emanuele Bellò
 
Da Maran Lagunare (UD)
Leggi l'articolo Vece orassion, filastroche e canti de Nadal
a cura de Maria Damonte
 
El raconto del mese in visentin
Leggi l'articolo La fameja de Genio Baù
de Antonio Maraschin
 
Da la Lessinia Centrale (VR)
Leggi l'articolo El tempo de i peri trentossi
de Luigi Ederle