Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Luigi Perini

Storia in triestin

El faro de la Vitoria

El Faro de la Vitoria, òpera de l’arch. Arduino Berlam.
El Faro de la Vitoria, òpera de l’arch. Arduino Berlam.
“Splendi e ricorda i Caduti sul mare” disi l’enorme tabela de marmo a la base del faro, ereto sul cole de Gretta nel 1927 per inluminar el golfo de Trieste e per ricordar tuti quei che xe morti in te la Grande Guera e anca in quele prima. El posto indove el vien tirado sù xe un promontorio atraversado da la Strada del Friuli, dove prima ghe jera un forte austriaco che sbarava el passo a chi voleva ’ndar in Italia.
L’architeto triestin Arduino Berlam ga posado el faro su una base de piera d’Orsea che sostien la scrita più su motivada, sormontada da l’àncora de el caciatorpediniere Audace che el 3 novembre 1918 ga portà i bersaglieri a Trieste. Su sta base el Berlam ga inalzado la grande e bianca colona, scanelada come ’na colona grega; sora grava a mo’ de capitelo ’na teraza sovrastà da le lanterne che buta fora un geto de luce visibile da 36 milia. De sora, a 70 metri d’alteza, ’na cùpola che sostien la statua de bronzo de la Vitoria, òpera del scultor Giovanni Mayer, che ga scolpido anca el nochiero de piera a la base de la colona. Prima, a guidar le navi che voleva venir in porto de note, ghe jera, e ghe xe ancora ’desso, proprio da l’altra parte , sul scojo del Zucco, la Lanterna nova ereta nel 1853 da l’arch. Matteo Pertsch. Là ’na volta l’Austria gaveva progetà la costruzion de ’na forteza, che no xe sta’ mai fata. Per un secolo el porto de Trieste xe restà quel pensado e realizado ai tempi de Maria Teresa e nel 1856, a partir da sto scojo verso est, in te la rada, se pol contar ùndise moli, grandi e pìcoli: el primo xe el molo Santa Teresa, su un lato del quale se pol fermar le navi per una curta quarantena (dedrìo ghe jera el Lazareto vecio). Po’ vien el molo Barland, o molo del Carbon; el molo Bruna in Sacheta; el molo de le Piere Cote, cussì ciamà per el scarico de i mass; el molo Sartorio, coverto dal Casino de l’I.R. Guardia de Finanza; el molo del Vin; el molo Giuseppino; el molo de la Sanità; po’ molo San Carlo, el principale molo da sbarco (che diventerà molo Audace); el molo del Sale e infine el molo Klutsgh (= fogna). Co sta situazion piutosto disordinata, l’imperator Francesco Giuseppe el ga acetà el progeto Talabot che ghe xe sta’ presentado nel 1862 da l’ing. Federico Blumches, che el dirigerà i lavori pe’ ’l novo porto comerciale, che i durerà dal 1869 al 1883, risolvendo el grande problema del teren melmoso in tuta la rada, no co le palafite, ma co l’afondamento de grossi massi de piera d’Aurisina e de Sistiana, alternài anca a blochi artificiài sovraposti, che afondava per el peso. Nel 1875, l’imperator stesso xe vignudo a far un soraluogo ai lavori che la Sudbahn stava fazendo. Co el consolidamento de quatro moli se ga creado dal Lazareto Vecio al molo del Sal tre bacini giusti per darghe òrdine al trafico comercial; sto porto stava diventando el scalo principal de l’impero absburgico, ma bisognava armonizar le comunicazioni terestri in modo da stabilir equilibrio fra nave, riva e treno.
La prima linea feroviaria xe sta’ quela “Meridionale” che dal 1867 ga congiunto Trieste co Lubiana, Graz e Vienna; la seconda del 1879 xe sta’ la “Pontebbana, Trieste, Udine, Pontebba, Tarvisio”, che no ga dà quei benefici che se sperava in sèguito al tajo del Canal de Suez e che i sarìa invece rivadi co la “Predilliana”, per rivar in te la Baviera e in Boemia. La linea “Transalpina, Trieste, Gorizia, Piedicolle”, dopo el 1901, la anderìa ben, perché la se unissi co quela de i Tauti, Villaco-Salisburgo, ma la xe a un solo binario e co pendenze difìzili. Nel 1891 vien cavà el Punto franco a tuta la cità e vien stabilide de le Zone franche, specialmente quele del porto novo, a le pendici del cole de Gretta, sbancado a la base per darghe posto a la stazion feroviaria. Dopo la “grande follia del 1914” (cussì scrivi Giulio Cesari in un pamphlet del 1933) bisognava recuperar quei sucessi che se gaveva realizà nel “mitico” 1913, co un trafico de 3,5 milioni de merci, le più varie; tra le più importanti: cafè, zuchero, cereali, carni congelade, riso, vino, agrumi, legname, vetri e cristali, peli, oli minerali e vegetali.
Dopo la Grande Guerra, co i novi confini, quele linee ga mantenudo la su validità e a lore se ga zontado quela per Venezia, che xe diventà l’asse Ovest Est, che taca l’Atlantico col Mar Nero. Col passagio a l’Italia xe restà a gestir el porto i “Magazzini Generali” del 1880; xe sta’ costruì la Stazione Maritima, che ga acolto oni ano una media de due milioni de passegeri, fra questi un grande numero de ebrei, soratuto polachi, che ne i ani 1928-38 xe passài per andar in Palestina o ne i Stati Uniti. Da ricordar anca i Legionari italiani, partidi per conquistar l’Impero e ritornadi in 30 mila da l’Etiopia, Eritrea e Somalia nel 1942-43. Prima de sta data, nel 1933, xe sta’ fato l’Idroscalo, proprio dopo l’imbocatura del Canal Grande e nel porto de Sant’Andrea nel 1937 el Silos Granario per la lavorazion eletromecanica, consistente ne la conservazion, l’areazion, la prepulitura, l’essicazion e la disinfestazion de i grani.

[torna sopra]

 

Archivio
2020 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo Guài scandalizarse de i scàndali!
Guài maravejarse de i erori d’i altri, parché vorìa dire giudicare. Questo però no signìfica giustificare, passarghe sora come gnente fusse: vol dire non far deventare pi grando el “male”, magari ricordàndose de la pajeta e de la trave…
de Mario Klein
 
Devossion popolare
Leggi l'articolo La fede de i nostri avi
de Ugo Suman
 
Na volta no capitava
Leggi l'articolo La riunion de condominio
de Luigi Frosi
 
Storia in triestin
Leggi l'articolo El faro de la Vitoria
de Luigi Perini
 
“La Sguaratà” – Ciàcole polesane
Leggi l'articolo E ’ndemo dal dotore
de Romano Beltramini
 
Da Isola Vicentina (VI)
Leggi l'articolo El Monte de Genaro
de Gianni Fioretto
 
Da Verona
Leggi l'articolo Poca colaborassion
de Giacinta Dall’Ora