Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Ugo Suman

Devossion popolare

La fede de i nostri avi

… i vedeva la man de Dio nel miracolo de la natura, ne la primavera, nel vento, nel colore de i fiori… “Tute robe che se pol védare anca oncò, volendo…” pare che la diga Gelmina Dalla Bona…
… i vedeva la man de Dio nel miracolo de la natura, ne la primavera, nel vento, nel colore de i fiori… “Tute robe che se pol védare anca oncò, volendo…” pare che la diga Gelmina Dalla Bona…
Qualcun dirà che parlo quasi sempre del mondo contadin del secolo passà, ansi, de la prima metà de quel secolo, e non solo parché el xe stà el mondo mio, ma parché dopo, ga scominsià quelo del progresso, che ga cambià tuto e un poco a la vota anche la nostra fede, quela de quel tempo. Questa, come la storia de quei ani e del so progresso, no la xe vegnù dal dialeto, dal latin o da l’italian, ma da i òmani che ga vissùo quel tempo: xe i òmani che fa la storia no le lingue. Queste xe solo un tramite, un mezo par comunicare fra i òmani, no le fa la storia, ma le pol racontarla.
La nostra fede, quela cristiana par noialtri, che mi tante volte ciamo la fede umile, sincera, quela de i nostri avi: noni, bisnoni, trisavoli e via discorendo, no la gaveva ombre de misteri. La magioransa de quei che ricordemo e che viveva de la tera, no essendo scolarizà, no i podeva far ragionamenti teologici o filosofici come adesso. No se podeva lèzare la Bibia liberamente e solo na minima parte conosseva el Vangelo par averlo leto. De conseguensa la fede ghe vegneva in direta dal Padreterno, la entrava da i oci e i la scoltava dal pùlpito in cesa. Dal Padreterno parché se crede che la fede sia prima de tuto un dono; da i oci parché, vivendo in perpetuo dentro a la natura, i vedeva el miracolo che la move: la primavera e tute le stajon, el vento, la piova, el temporale, el colore de i fiori e de le farfale; in altre parole i vedeva la man de Dio in continuassion, e no ghe gera difìssile crédare che ’l ghe xe e che ’l move l’universo, creature e òmani compresi.
E subito dopo ste poche considerassion, bisogna métare in conto el bisogno: tuto ghe vegneva da la tera e, necessariamente, da quel Dio che el prete ghe spiegava dal pùlpito e da l’altare. E sicome el bisogno gera sempre grando, primo par la salute e dopo par i fruti de la tera ghe vegneva dal celo come la piova. A sto punto vegneva avanti i Comandamenti, la lege del Signore e chi la disubediva andava a l’inferno nel fogo eterno; argomento fisso par le prèdiche de quel tempo. Se credeva, come ghe gera stà insegnà, e questo solo par fare un esempio, che tuti i mali fosse vegnù su la tera e continuasse a vegnere, come castighi del Signore par chi no osserva la so lege: tempesta, fulmini, saete, pestilense, sicità e malatìe varie comprese. Me noni, e come lori tanti altri, se vargognava de aver de le malatìe, i lo tegneva sconto, par paura che la zente podesse pensare a che rassa de pecati che ’l ga fato par meritarse un castigo del genere. Quei del me tempo lo sa ben che quelo de scóndare el male gera un uso comune, a tanta parte de quel mondo.
A sto punto, par èssare onesti, bisogna parlare anche de la paura: i òmani de quei tempi se comportava secondo i detami de la so fede, quela insegnà, a domanda e risposta, da la Cesa: la paura de l’inferno o de altri castighi, stava sempre drio la porta. Tanti povarassi, par ignoransa e par paura de l’inferno, e se impeniva de tosi sensa savere cone darghe da magnare e, tante volte, dove métarli. Ghe gera fameje numerose in case miserabili dove quatro sinque e anche sete putèi dormiva insieme su na camareta umida e spussolente parvìa de i bisogni sul vaso da note, che se passava le malatìe uno co l’altro in continuassion. La famosa selession naturale, come par le bestie: viveva solo i più forti, i altri andava al simitero, nel reparto de i inocenti. Prima del Concilio Vaticano Secondo, se parlava e se cantava ai funerali el ‘Dies irae’, el giorno de l’ira, del processo, del giudissio universale, de la condana o del premio eterno. Dopo el Concilio se ga parlà un poco a la volta del Dio amore, misericordia, che no se rabia più co i òmani, parché el sa come el li ga fati, e tuto se pol giustare. De sto passo un fià a la volta xe sparìa la paura de l’inferno e xe restà solo la speransa beata del paradiso par tuti o quasi.
Adesso e specialmente dopo la piova de i mass-media moderni, Radio, Television, e via discorendo e la scolarizassion generale, i òmani ga imparà a discórare su la fede, a ragionare. Tute ste novità ga fato sì che adesso la fede sia diversa, non ne la sostansa ma nel vìvarla, ne l’intèndarla, nel praticarla; e in particolare dopo che ne xe vegnù in casa gente foresta co religion diverse che in qualche caso ne sbarlefa la nostra. Xe rivà el controlo permesso de le nàssite, el divorsio, el matrimonio civile, la cremassion. Adesso chi che vole pol lèzarse la Bibia liberamente, documentarse, imparare; la fede in altre parole ga n’altra fisionomia, n’altra portata, pur essendo sempre la stessa. Eco el parché meto sempre in mostra parlando del passato remoto de i nostri avi, quela fede umile, serena, sensa parché misteriosi da svelare. Dio provedarà a ogni nostra necessità, come par l’erba e i fiori de i prati e i passeri de l’aria. I nostri avi xe stà de i cristiani del so tempo, come xe stà del so tempo, quei de le famose crociate. La fede camina luminosa par so conto, come el sole nel cielo, e i òmani vive del so riflesso, anche sensa saverlo.

[torna sopra]

 

Archivio
2020 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo Guài scandalizarse de i scàndali!
Guài maravejarse de i erori d’i altri, parché vorìa dire giudicare. Questo però no signìfica giustificare, passarghe sora come gnente fusse: vol dire non far deventare pi grando el “male”, magari ricordàndose de la pajeta e de la trave…
de Mario Klein
 
Devossion popolare
Leggi l'articolo La fede de i nostri avi
de Ugo Suman
 
Na volta no capitava
Leggi l'articolo La riunion de condominio
de Luigi Frosi
 
Storia in triestin
Leggi l'articolo El faro de la Vitoria
de Luigi Perini
 
“La Sguaratà” – Ciàcole polesane
Leggi l'articolo E ’ndemo dal dotore
de Romano Beltramini
 
Da Isola Vicentina (VI)
Leggi l'articolo El Monte de Genaro
de Gianni Fioretto
 
Da Verona
Leggi l'articolo Poca colaborassion
de Giacinta Dall’Ora