Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Renato Scarpi

Da Lendinara (RO)

Le fole de ’na volta

A la sera, spetavo co’ spàsemo che me popà tornasse a casa dal laòro parché savevo, che dopo zena, el me gavarìa contà ’na fola. A chel tenpo gero un putin e lu, co’ tenereza el me sentava inte i so zenoci e senpre alegro el me contava de le storie. Robe che de solito el se le inventava, tirando in balo orchi e strie o storie che ’l diseva èssare vere. El me contava cussì anca la vita de i santi e fate bone, o qualcossa che ghe gera capità a lu e che lo gaveva spaventà al punto tale da no’ dovérselo desmentegare più.
Dopo tanti ani me torna in mente ste robe e rivedo co’ piazere la me fameja inte le sere de inverno, sentà ’torno a la stua, scoltare me popà che co’ tanto trasporto contava le fole. Tra queste ghe ne go tirà fora una che ve vojo contare. La xe ’na storiela ca se sentiva dire za da l’Otozento e, vardè ben, la ga ’na morale e no la spaventa nissun.
Dóncana, un dì d’istà ca faseva un caldo birichin, do òmani che se trovava a caminare pa’ na carezzà de canpagna i ga pensà de sponsarse soto l’onbrìa de un peraro. Un de lori gera el Segnore e st’altro el gera San Piero. El Santo dopo averse destirà par tera, vardando el Segnore, el ghe dimandava:
“Mestro, ve sio incorto che intel fare le piante gavì conbinà un pastizzo?”
“Nò” ghe rispondeva el Segnore “cossa xe nato?”
“Vardeve intorno! No vedì che sto àlbaro cussì grande e grosso el ga i piri picinini?”
“E alora?” gaveva de novo rispondesto el Segnore.
“Alora!... alora vardè chela pianta che la strissa là pa’ tera. La xe fina e longa cofà on cordon de cànego e la produse zuche grosse come vinti piri messi insieme”, rebateva S. Piero e continuando: “Pardonème, Segnore, ma mi gavarìa messo la zuca tacà a l’àlbaro e i piri tacà al zucaro. Cossa disèo vu?”
“A te ghè rasòn, Piero, ma da la pressia de fare la Tera go conbinà un gran sbajo.”
E intanto che el Santo el se gaveva indormenzà, ronchezzando beatamente soto el peraro, el Segnore meteva le robe a posto ordinando a le zuche de andare sul peraro e i piri de tacarse al zucaro. Le faseva un bel védare le zuche tacà pa’ aria e, col so bel colore ciassoso, le tirava l’atenzion de tuti, soratuto le gaveva atirà quela de San Piero, che svejà de bruto sentiva un gran dolore su la crapa. Gera capità che ’na zuca la se gaveva stacà da un ramo del peraro e pa’ miracolo, no’ la gaveva fracassà el zervelo del poro Santo.
“Ma, Segnore!... Volo mandarme cussì zóvane in Paradiso? El varda che bernòcolo ca go in testa!”
“Piero, Piero... te me ’o ghè dito ti ca go fato un gran sbajo e mi te go scoltà. Go messo a posto le robe e, visto ca te si stà el primo a volerlo, xe giusto che anca te sii el primo a sentirne le conseguenze.”
Alora San Piero, che no saveva più cossa dire, el se ga alzà da in tera e gratàndose la crapa se ga incaminà pa’ la carezzà co’ a fianco el Segnore che recitava: “E Dio disse: – Germogli la terra verdura, erba che faccia seme e alberi fruttiferi che diano frutti secondo la loro specie, i quali abbiano in sé il proprio seme sopra la terra. – E così fu (...). E Iddio vide che ciò era buono. E fu sera e fu mattina.”

[torna sopra]

 

Archivio
2022 21 20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo … E ghe xe anca chi sta pezo!
Propio in sti tenpi, no xe permesso èssare curti de vista; no basta pi vardare solo la nostra situazion, bisogna pensare che pol èssarghe chi sta pezo de noantri
de Mario Klein
 
Da i Coli Euganei
Leggi l'articolo Le do sartorèe
de Gemma Bellotto
 
Da Maran Lagunare (UD)
Leggi l'articolo Coincidense
Storia de Santa Gianna Beretta
de Maria Damonte
 
Da Lendinara (RO)
Leggi l'articolo Le fole de ’na volta
de Renato Scarpi
 
Da Lendinara (RO)
Leggi l'articolo Fracando el farsoro
de Antonio Maraschin
 
Da Verona
Leggi l'articolo El Galelito
de Wanda Girardi Castellani