Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Ugo Suman

Devossion popolare

La Scoleta del Rosario

Madona del Rosario, ojo su tela, de autore ignoto, datà 1576.
Madona del Rosario, ojo su tela, de autore ignoto, datà 1576.
Questo xe un ricordo che me xe tornà a la mente, solo par la telefonata de un prete de 98 ani, ospite de un Istituto, che me vede tuti i giorni su Telechiara e el xe ancora lucido de mente. Dopo i soliti complimenti, el vol savere se da vero so’ da Conselve come el ga leto su uno de i me libri, parché lu xe stà capelan in quel paese ne i ani Trenta del secolo scorso e el gaveva, insieme ai altri zagheti, un serto Ugo Suman che andava a rispóndarghe messa ne la Scoleta del Rosario e che gaveva un par de zii preti, e forse par questo no ’l se scapussava mai nel confiteor, come tuti i altri, che tornava indrìo tre volte. Quando go dito che so’ mi, quelo che ’l sercava, el se ga messo a piànzare al telefono, come tuti i veci quando i ricorda cose care. El me ga ringrassià e dopo xe partìa la caèna de i ricordi de altri zagheti del me tempo, quasi tuti morti, come i preti de quel tempo. E dopo notissie su la Scoleta, se la ghe xe ancora e se el quadro de quela Madona del Rosario xe stà portà via co la guera. Se gavemo lassà parché l’età ghe faseva sempre schersi: ghe vegneva da piànzare e no ’l gera bon de fermarse.
No go podesto dirghe che no sò più gnente de la Scoleta e del quadro parché mi so’ via da quel paese da na vita, no go più nessuna notissia de le trasformassion e de i lavori che xe stà fati, e no conosso gnanche tuti i preti che dopo quel tempo xe passà par quela parochia, pur se la me xe restà viva dentro come el paese de quel tempo. Quelo de sti tempi, che no ’l ghe someja più a quelo de i ricordi, a causa del nùmaro de i abitanti, adesso se ciama Città di Conselve. Sentuplicà le case, le strade, le vie, co de la zente foresta; parfin i cinesi gestisse el Cafè Centrale che un tempo gera del Comune. Quele poche volte che ghe ritorno, par trovare i me morti al simitero e qualche parente, no conosso più nessun: i vivi xe fiòi o nevodi de i me compagni zagheti nel 1938-39. Go solo i ricordi sempre a colori che vive co mi ma in altro logo. Par el resto, come go za dito, no sò più gnente de gnente: altro logo, altro paese, altro mondo, altra zente.
La Scoleta del Rosario come i ghe ciamava, no la gera altro che na sala bastansa granda che comunicava co la sacrestia. La gaveva un altare par la messa e un quadro de la Madona del Rosario come pala de l’altare. D’inverno, par via del fredo, le messe feriali se celebrava là, e al dopodisnà, sempre ne la Scoleta, el capelan ne faseva dotrina cristiana, a domanda e risposta, sul famoso catechismo del Papa san Pio X. Vardè come che sto ricordo xe cascà giusto dentro a sto mese che al tempo de i ricordi, gera definìo el mese de la scola e del Rosario. De la scola parché dal primo otobre scominsiava le scole de ogni ordine e grado, secondo la lege; e del Rosario parché in ogni fameja, durante sto mese, dopo sena, inzenocià su le careghe messe ’torno a la tola de la cusina, le mame o le none recitava e ne faseva recitare el Rosario, completo de le litanie cantà, e de na cansoncina de chiusura par la Madona. Tute le sere de sto mese, ne le fameje cristiane de quel tempo e de quel paese, gaveva na chiusura sacrale: lo diseva el prete in cesa. Ghe mancava solo el fumo de l’incenso che vegneva sostituìo da quelo de la polenta. La pare na batuta e, invesse la xe stà na realtà che quei come mi ga vissùo in direta, co na fede e na serenità, sia pur ne la miseria del tempo, che se podeva vardarla al specio. Parché – se domanda quei de quel tempo ancora vivi – xe vegnù dentro tanta zizania, tanta cativeria, tanto odio che ga massipà quel mondo come na tempestada de giugno sul formento? No xe restà che i ricordi de quei che lo ga visto quel mondo, i altri no pol gnanche inmaginàrselo: impossibile anche a volerlo. Le nostre teste de ancò ga dentro el video del televisore: no ’l vede e no ’l sente che quela vosse e quele inmàgini.
Uno ga scrito che el mondo va sempre più male parché i òmani xe diventà de i robò: i pensa, i vive le regole del televisore. Na volta se diseva che serti òmani gaveva portà la testa a l’amasso (in granaro), solo che alora i gera na pìcola parte, i altri ragionava co la so testa. Adesso quasi tuti ga messo la testa dentro el video del televisore: dal primo citadino a l’ultimo extracomunitario questuante, tuti ripete e ragiona co le stesse parole e ne la stessa maniera: na desolassion.
Chi mai lo gavarìa pensà? Vale lo stesso discorso par la luna: nessuno inmaginava che i òmani fosse andà a sporcarla e tornà vivi. Tuti i esperti xe sicuri che la causa de sto cambiamento disastroso xe stà el consumismo sensa limite, che ga spampanà el benessere e nel stesso tempo tuto quelo che ne avelena. La Scoleta del Rosario chi sa dove la sarà finìa. De sicuro la vive ancora limpida nei ricordi de quei del so tempo.

[torna sopra]

 

Archivio
2018 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo El tenpo: córare o ralentare?
Semo da poco vegnù fora da la pausa estiva e semo tornà a fare quelo che se faseva prima. Come xe mèjo afrontare la nova stajon lavorativa? Xe ben métarse a córare par recuperare el tenpo de le ciàcole estive, o xe mèjo ridure… la corsa contro el tenpo?
de Mario Klein
 
Devossion popolare
Leggi l'articolo La Scoleta del Rosario
de Ugo Suman
 
Ricorense
Leggi l'articolo I 100 ani de la “Vaca Mora”
de Luigi Frosi
 
Vicenza Arte
Leggi l'articolo Mostra pa’ Otello De Maria
de Ines Scarparolo
 
Cultura vèneta
Leggi l'articolo A Licia Colò el Premio “Basilica Palladiana”
’Nte la soasa de Vila Sesso-Schiavo, a Sandrigo, xe stà consegnà el riconossimento pi spetà da i operatori culturali vèneti
de Giordano Dellai
 
Da la Lessinia Centrale (VR)
Leggi l'articolo El caro de fen
de Luigi Ederle