Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Luigi Frosi

Da Maran Lagunare (UD)

A pescà con la togna

...gera un grumo de cocaline drio butasse in aqua...
...gera un grumo de cocaline drio butasse in aqua...
Gera un per de ani che no ndevo più a togna (pescà con la cana). Ma dopo sintùo che vigniva ciapàe tante oràe, che la zente la vigniva in tel nostro palùo de dute le bande a ciapale, siben che no i gera paruni de l’uso civico de nantre maranisi, me son dito: “E parché no go de ciapale anca mi?” Qualchidun el se domandarà el parché in sti ani in palùo (laguna) se trova tante oràe grande, ma basta tornà in t’i ani Sinquanta par capì el parché?
In quela volta no vedévomo l’ora che rivissi el primo aprile, el zorno che vigniva verto de ndà a trata par pescà le oradele, parché par qualchi fameja, se la veva furtuna de ciapàghene tante, la riveva pagà i debiti fati l’inverno par magnà. Le oradele in quela volta le costeva un saco de schei. I valisani i vigniva de Ciosa a cronpale. Ma dopo, pena inventò che se podeva fale in proveta, fale cresse indruman, dàndoghe mangime de magnà, el pressio el xe calò de colpo, no le costa più gnente, e parché ai pescaùri no ghe convien più ciapale, lore le resta a cresse in aqua. E cussì, ’pena che fa bela stajòn le entra in palùo, dato che le trova peoci, òstreghe e altre robe bone de magnà. Finìa la stajòn le va fora de eto e le torna in primavera un giosso più sichignìe parché de inverno no le magna. Ma dopo qua le deventa subito grasse; in tre quatro misi le riva do tre eti. Romai in sti ultimi ani ne entra in palùo senpre de più, e de più grande: serte de lore le passà anca el chilo.
Che robe, fiòi! Se penso che na volta podeva magnale sol i siuri parché le costeva massa, ’desso le trovemo a sinque Euro, in pescarìa. Sì, de alevamento e no quele ciapàe in palùo o de mar. Parché lore che le costa tre volte de più. Ma tornemo al discorso del parché me xe tornada la voja de pescà con la togna... Tignivo el scafo in dàrsena “Porto Maran” e proprio rente el mio, gera quel de un sior de Marghera. Le prime volte no vevo fato caso: el diseva che ghe piaseva Maran, che ’l veva tanta passiòn de pescà con la togna. Ma longondà che lo saludevo, sicome che ’l vigniva massa spesso e la bensina la costa tanti schei, go provò tignilo de ocio. El riveva in t’i ùrdini de: passò el ponto de luna, l’aqua la tacheva ciapà òrdene e, senpre de matina che gera ancora scuro. Lo vedevo rivà prima de mesozorno. Dopo scargàe e metùe in màchina le togne, el sercheva de no fa vede la pescada. El coverseva el secio de le oràe con la giaca a vento. Quela matina gero rivò a vede le oràe parché la ghe gera cascada. Mama mia! go fato, altro che par sport? In tel secio gera più de diese chili de oràe bele grande. Vevo capio che ’l gera un professionista de quìi bravi, altro che par magnà e par passiòn de pescà. Pian pian gero vignùo savè de elo, che ’l pescheva con le ranicole e co i vermi duri. Ma el veva anca i "bibi" (vermi de mar). Però el pescheva in meso el Porto de Buso, giogo par mi piricoloso, dato che vevo smesso de ndà togna colpa do multe ciapàe proprio parché peschevo in porto.
Che sodisfassiòn. Na orada de tre eti la te fa bassilà conpagno e più de un bransin de do chili. Dopo na setemana vevo inparò i giughi ndove che se le ciapeva. Quela matina el motoscavo del mestrin no ’l gera ligò in dàrsena. Lo vevo trovò che ’l pescheva sensa paura al solito posto. El tigniva ancora la luce inpissada in te la fronte, siben che gera squasi zorno. Vevo sintùo che fora i ciapeva oràe anca de chilo e cussì gero ndò un giosso più verso el mar: me gero metùo in banda le brìcole, anca parché vevo paura de le Finanse.
Gera na bela zornada de aprile e l’aqua la veva tacò cresse, ndà verso el palùo. Dopo na ora che gero là a pescà, che no vevo sintùo gnanca un becòn: “Xe mèjo che vago drento in palùo a pescà, che almanco là ciapo qualcossa” vevo dito. Ciolto sù l’ancora vevo pontò la prova verso el porto. El sol el gera bel elto e vedo che l’omo a bordo del motoscafo che gero drio passà el veva ancora la luce inpissada su la fronte. Ghe fago moto de stuala, e elo el me ciama che vago a bordo. El gera de Eraclea, e dopo oferto un bon cafè caldo con la grapa: “Ancùo no le ga fame” el veva dito, mostrando le do oràe bele vive. El pescheva con quatro cane e dute ben metùe fora par pope come metralie. “E te vien de Eraclea fin qua par pescà a togna?” ghe vevo dito. “Sì. Me piase tanto vignì pescà par ste bande e cussì me go ciolto un posto barca a Lignan” el veva dito elo, intanto che lo saludevo. ’Pena in palùo, proprio in te la curva del canal che vevo de méteme a pescà, vedo che in tel mentre, gera un grumo de cocaline drio butasse in aqua, conpagno che le fa con le barche che le riva de pescà. No sarissi gnanca ndò drio de lore, se no fussi stò par i do dindi de mar (cormorani) che, dopo ndai soto, gera tornài sora aqua con un bel pesse in boca. Rivò sul giogo go visto duto un rassalto de nici (sarduniti) e, pusada pian l’ancora in tel fango, butò indruman i àmuli con le còrbole in aqua: che roba, fiòi! No fevo gnanca in tenpo méteghe la lesca che ’l pesse el gera tacò: duti bransiniti de do, tre eti, ma qualchidun el riveva anca meso chilo, sete eti. No me gera mai capitò na roba conpagna; in ultima ghe ne go contài 25. Secondo la regola de l’Uso Civico vevo de ciapà sinque chili e no diese. Squasi me vergognevo parché vevo fato conpagno i furlani.
Bruno Rossetto Doria

N.B.: Nantre maranisi ciamemo furlani duti qui che vien de fora; voi dì che ’l fato, no ’l ga de esse ciapò par dispregiativo. Altra nota: el pescaòr de togna el dopra la luce su la fronte par vede come inpirà i ganbri vivi in ti àmuli de note, co ’l pesca in porto par bransini, con la regola del ponto: morto d’acqua (quarto di luna).

[torna sopra]

 

Archivio
2022 21 20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo 8 marzo: Festa de la dona?
Come ricorenza storica, par ricordare le 129 operaie, morte parché le se ga ris-cià protestare, la podarìa anca starghe, ma come festa par le conquiste sociali realizà da la dona, ghe xe poco da festejare
de Mario Klein
 
Sgiansi de sagessa antica
Leggi l'articolo Costumaje d’un vìvare vilan
’Delia e Vana, do comare in confidensa tra de lore, rovijando tra rogne de fameja, invia un filò in pescarìa, fregàndosene de st’altri che scoltava
de Dinerio
 
Tradission
Leggi l'articolo Come zugàvino na volta
de Luigi Frosi
 
Da Maran Lagunare (UD)
Leggi l'articolo A pescà con la togna
de Luigi Frosi
 
”La Sguaratà” – Ciàcole adriote
Leggi l'articolo La Pina “Donata”
de Romano Beltramini
 
Da San Bonifacio (VR)
Leggi l'articolo Laudato si’, per sor’aqua...
de Enzo Coltro