Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Ugo Suman

Na s-cenza de Storia vèra

Un esame de scola

Se gavemo dito ciao, e ognuno xe andà a casa par so conto… (pitura de Olga Deineko)
Se gavemo dito ciao, e ognuno xe andà a casa par so conto… (pitura de Olga Deineko)
Nel nostro dialeto padovan – ma anche in gran parte del Veneto – sto mese (Marzo) scrito co la “esse” al posto de la zeta, diventa n’altra parola che vol dire na roba spussolente, marsa, o marso. Sto fato me ga portà a ricordare l’esame de amission a le Medie che se faseva un tempo e ormai non più. Un ricordo tanto lontan che pensavo de aver perso par sempre e invesse, a causa de sto mese e de sta parola, me xe vegnù in mente el me esame de amission dopo la quinta.
No me ricordo el giorno, ma se tratava de la fine Giugno 1939. Ne la nostra Comission oltre a do maestre, la nostra e una de altra scola, ghe gera un controlore foresto, un professore e questo, ne la interogassion finale, se la ga ciapà proprio co mi: el gaveva notà che nel tema gavevo scrito marzo co la esse. Có xe stà el me turno el me ga scominsià:
“Mi hanno riferito che con la esse al posto della zeta, questo non è più il nome del mese ma un’altra parola puzzolente. Bisogna fare molta attenzione quando si scrive e si deve scrivere solo in italiano.” Le maestre ga fato un soriseto silensioso, lore gera abituà a trovare parole dialetali su i nostri temi.
“Peccato, Sùman – el ga continuà – perchè il suo tema d’italiano sulle stagioni è stato il più bello dei compiti, anche a giudizio delle colleghe insegnanti. Dovrò però castigarla, senza voto, perché non ha saputo dirmi il nome della Madre del nostro Duce, che si chiama Rosa Mantoni: ha fatto solo scena muta. Questa nuova materia ‘Cultura Fascista’ era in programma, lei doveva informarsi e prepararsi bene. Mi dispiace.”
Catelan, el bidelo, col traverson nero e i stivali, xe vegnù a prelevarme su la porta e, insieme a n’altra compagna de la classe feminile, che se ciamava Graziella, che forse la gaveva fato el stesso erore, tegnéndone par man, el ne ga dito:
“Go l’ordine de sararve ne la càmara del castigo, par mezora, ma stè tranquili e sensa fare storie, questo xe un castigo che no conta gnente. Ghe penso mi!” El ne ga spento dentro e sarà la porta par de fora col caenasso.
La càmara de castigo, no la gera altro che la càmara de le scoe e de le strasse par netare i banchi e lavare i pavimenti. Ghe gera anche do careghe una sora l’altra, ma nessuno de i do se ga sentà. Ma ga da èssare capità qualcossa, forse el bidelo se ga desmentegà; intanto noialtri se parlàvimo, vardàndose timidoti tuti do, anche se se conossévimo. Fortuna che la Graziella stava de casa poco distante da la scola parché so papà gaveva botega in piassa, e so mama, visto che tuti gera andà fora da la scola e so fiola no, la xe andà dal bidelo che, scusàndose co la signora, che el gaveva avù altro da fare, el xe vegnù subito a vèrsarne, ma gera passà la mezora. Se gavemo dito ciao, contenti che la ne gera andà ben a tuti do, e ognuno xe andà a casa par so conto. Anche me mama se ga acorto del ritardo, ma la saveva che qualche volta zogàvimo par la strada (tre chilometri de strada bianca co le passaje parte par parte) e se desmentegàvimo del tempo e de la fame. La me ga domandà che rassa de zogo se gavévimo inventà ancò, par aver fato un ritardo cussì grande. Ghe go contà el fato, ma ela gera cussì contenta par l’esito positivo de l’esame, che no la ga gnanche dà peso al castigo.
“Gero sicura – la me ga dito, dàndome un baso col s-cioco su na massela – parché te ghè sempre fato le to lession e me lo ga dito anche la maestra.”
De la mama del duce no la saveva gnente, e gnanche che ghe fosse de le domande del gènere, par un esame de scola.
Vardè de le volte, a go pensà, cossa che càpita a ricordare storie da gnente, come questa, anche se in sto caso la me riguarda un poco, quando nel so interno, se podarìa dire nel so intimo, la se porta dentro magari solo na s-cenza de Storia vèra, quela co la inissiale majuscola.

[torna sopra]

 

Archivio
2020 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo On mondo senza done
Cossa sarésselo sto mondo se no ghe fusse le done? Non solo parché xe lore che continua la vita, ma anca parché la vita stessa, se no le ghe fusse, la sarìa dessavìa, insulsa e crudele. El male xe che l’omo no ’l ga gnancora capìo el valore de le done!
de Mario Klein
 
Na s-cenza de Storia vèra
Leggi l'articolo Un esame de scola
de Ugo Suman
 
Robe de Ciósa
Leggi l'articolo La Mascherata dei Chiozoti
a cura de Angelo Padoan
 
Da Lendinara (RO)
Leggi l'articolo Cuore de piera
de Laura Viaro
 
Da Isola Vicentina (VI)
Leggi l'articolo Profumo de primavera
de Gianni Fioretto
 
Da Verona
Leggi l'articolo Le maestre
de Wanda Girardi Castellani