Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Daniele Marcuglia

Lingua, dialeto e vita

Na vera esperiensa de vita
“Il dialetto trevigiano che si parlava sotto i banchi di scuola…” Storie de stranieri ormai integrài da noaltri e del so raporto co la lingua veneta

Me xe capità de tegner un corso particolar de integrassion par stranieri che lavora nel nostro teritorio.
Me xe capità de tegner un corso particolar de integrassion par stranieri che lavora nel nostro teritorio.
Me xe capità sto ano na esperiensa proprio bea, vale a dir de tegner un corso particolar de integrassion par stranieri che lavora nel nostro teritorio, dove che l’integrassion passa par la conossensa de storia, lingua e cultura del Veneto. El corso, organisà dal Centro de Formasion professionale de la provincia de Treviso, prevedèa na serie de ore tecniche ne l’edilissia e dopo na serie de ore de cultura veneta.
La xe stà na vera esperiensa de vita, anca par mi, parché gavèo un grupo de persone veramente motivàe, che me fasèa un mucio de domande, che voleva veramente savérghene tanto su la nostra storia e cultura. Fin che jero co lori, pensavo a i me aluni de scuola superiore, che nove volte so diese i me dise che i xe stufi, poareti, che no i ga voja de far gnente, e pensar che ghe jera tra i me stranieri chi che dopo oto ore de lavoro in fonderia se fasèa da Pordenon un’ora de màchina par rivar de sera al me corso!
Una de le lession pi bele xe stà quando che ghe go dà da scrìvar na “autobiografia linguistica”, cioè la storia de la so vita drio le varie lingue che i gavèa inparà; xe vegnùo fora robe veramente comoventi, e qua soto ve meto de i brani che i me ga scrito riguardo al so raporto co la lingua del Veneto:
“Nel 1997 sono venuto al Veneto a Treviso, cui lavoravo come muratore. Al’inisio era molto dificile perché maggior parte parlavano in dialecto veneto, io lavoravo con un vecio che parlava solo in dialeto, e io non capiva neanche una parola. Poi piano piano, ggiorno dopo ggiorno, parola per parola ho cominciato a imparare anch’io la lingua veneta, adesso la parlo abastansa bene, ma capisco molto di più. Ricordo che una volta, cuando lavoravo come muratore, cera padre e filio che lavoravano con me, loro parlavano in dialeto, dicevano sempre SCHEI, SCHEI. All’inizio io pensavo che parlavano di me, pensavo che parlavano dei soldi [da darmi come paga], e invece mi sono sbaliatto, loro parlavano dei centimetri! Cuando me lo ricordo mi viene da ridere…”
(Kordhe, 43 anni - Albania)
“Nell’estate del ’98 ho iniziato a frequentare il GREST, lì sono riuscito a capire l’italiano, tramite i giochi con gli amici e gli scherzi. Certi amici mi hanno fatto degli scherzi, come dire uomo e donna; all’inizio mi dicevano uomo per maschio e fi.. per donna ed io sono andato avanti per qualche giorno a chiamare le ragazze del GREST così, dopo sono riuscito a capire la differenza! Alle superiori la lingua più diffusa era il dialetto trevigiano che si parlava sotto i banchi di scuola…”
(Yaya, 23 anni - Costa d’Avorio)
“Mi piace la lingua italiana e il dialetto veneto, come le parole spissa = prurito, caligo = nebbia, relogio = orologio, e voglio sapere una conoscenza sulla cultura e la storia [del Veneto] che io studio adesso.”
(Tiagbo, 23 anni - Costa d’Avorio)
“Nel 1996 per problemi burocratici vado via dalla Francia e vengo in Italia, come si dice da noi ‘el maktoub’ che significa ‘il destino’! Arrivo da mia sorella e mio fratello in Sicilia e lì scopro che esiste anche un linguaggio siciliano, nel 1997 arrivo in Veneto e scopro anche il dialetto veneto che all’inizio non mi piaceva però dopo lo trovo molto interessante con la sua storia e i suoi valori. Nel 2002 mi sposo e mia moglie mi ragiunge i mà due bambini che nascono a Montebelluna, quindi i bambini parlano arabo, italiano e dialetto veneto e chissà con questo maktoub cosa succederà!”
(Karim, 35 anni - Marocco)
“Vivendo in Lombardia per 16 anni ho avuto modo di conoscere qualcosa del dialetto milanese e brianzolo, es. ‘bel fieu’ = bel ragazzo. Ora sono nel Veneto e sto avendo modo di conoscere anche il dialetto veneto, tipo ‘sopressa’: salame tipico del posto, schei che significa sia soldi sia centimetri in base alla frase, e tante altre perché non si finisce mai di imparare”
(Rachid, 38 anni - Marocco)
In conclusion, xe stà un ciaro esenpio de come che se uno vol pol integrarse par ben nel nostro teritorio!

[torna sopra]

 

Archivio
2020 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo Dove catare el corajo?
In sto tenpo, almanco 7 italiani su 10 se fa sta domanda e nissun xe bon de darse na risposta. Se parla, se stròlega, se promete, ma intanto ghe xe chi no ghe la fa a spetare e el decide de farla finìa
de Mario Klein
 
Par na ricorensa
Leggi l'articolo La balansa
de Luigi Frosi
 
Lingua, dialeto e vita
Leggi l'articolo Na vera esperiensa de vita
“Il dialetto trevigiano che si parlava sotto i banchi di scuola…” Storie de stranieri ormai integrài da noaltri e del so raporto co la lingua veneta
de Daniele Marcuglia
 
Da Adria
Leggi l'articolo El ranaro
de Sergio Bedetti
 
Ciàcole visentine in lingua foresta
Leggi l'articolo “Un baseto da Sandrigo”
Leonardo Carlotto da Sandrigo ga rancurà in pareci ani un stramaro de cartoline che rafigura el so paese
de Giordano Dellai
 
Da Verona
Leggi l'articolo A proposito de medisine
de Giacinta Dall’Ora