Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Mario Klein

Editoriale

Ghemo paura che…
Par festejare i trent’ani de vita, xe stà fate tante bele manifestazion de cultura, tante iniziative par raforzare l’inpegno portà ’vanti dal nostro mensile. Xe stà, però, tegnù sconta la preocupazion che, dopo la festa, ghe sia boconi amari

El grupo de zóvani oriundi veneti ne l’incontro con le autorità a Campo San Martino (PD).
El grupo de zóvani oriundi veneti ne l’incontro con le autorità a Campo San Martino (PD).
Propio come sucede ne la vita de tuti i giorni, anca nel caso de la nostra rivista, passà el clima de sodisfazion par i “traguardi raggiunti”, forte e puntuale riva la domanda: “E ’desso, co l’arso de sta crisi che ga secà tuti i rubineti, dopo le ultime gioze de aqua che semo drio darghe, come la metemo? Che ne salta fora on peagno par rivare a passare so la riva de l’ano novo?”
Xe on tocheto che se vardemo ’torno e che zerchemo co la bacheta qualche vena de aqua, anca pìcola, soteranea o a cel seren… basta che la sia “aqua”, par no dover védare morire sta creatura propio so ’l pi belo che la pol èssare de aiuto a riscoprire el nostro passato so ’l quale se fonda l’identità futura.
I ga un bel dire che “il dialetto veneto è un patrimonio da difendere e da potenziare, per rafforzare i sentimenti di identità e di appartenenza ad una comunità.” La fine che se prospeta a iniziative come quela de Quatro Ciàcoe, la smentisse sta afermazion. No semo drio darghe la colpa a nissun: stemo solo disendo che ghemo paura che vègna butà via tanta esperienza, tanta generosità e bona volontà.
Disemo che, se le robe dovesse ciapare sta bruta piega, el dano sarìa ancora pi grande, parché la question del dialeto o de i dialeti o de le parlate locali la xe senpre pi de atualità: nel momento come quelo de ’desso che tuto canbia in gran velocità, nasse la necessità de tacarse ’ncora pi forte a la cultura de apartenenza. Solo chi xe ben radicà a la so cultura tradizionale, fata de dialeto (o lingua primaria), de costumi, de modi de vìvare, de magnare, de stare insieme, de religiosità, de valori e de storia, pole métarse in raporto co le altre culture e afrontare el dialogo con “l’altro”.
Questo xe propio quelo che par trent’ani ghemo zercà de fare e de darghe a i letori de casa nostra e de foravìa: vardare avanti, vardare al futuro, senza però pèrdare de vista el nostro passato, tante volte fato de “oralità” e quindi da salvare, scrivéndolo e contàndoghelo a i altri.
In tuti sti ani ghemo contà quelo che generazion e generazion ga mucià ne la so parlata, i nostri dialeti veneti, convinti che se trata de un patrimonio da trasmétare co ’l stesso linguagio che ’l xe nato. Par questo i nostri colaboratori – da Padova, Verona, Vicenza, Thiene, Isola Vicentina, Asiago, Belun, Venezia, Trieste, Treviso, Rovigo, Adria, Lendinara, Legnago, S. Bonifacio, la Lessinia, Maran Lagunare, Musile de Piave, Piove de Saco, Ciósa, Roma…, ma anca da l’America, dal Brasile, da l’Australia, da la Tanzania… – i se ga tolto la briga de zercare, rancurare e salvare la nostra memoria, fata de usanze, tradizion e sagessa popolare, insieme a i tanti linguagi locali.
El mese passà, el presidente de l’Associazion Veneti nel Mondo, Aldo Rozzi Marin, incontrando un grupo de zóvani oriundi veneti, provenienti da sità del Rio Grande do Sul (Brasile), el ga ribadìo l’inportanza “della conservazione e la valorizzazione della lingua che è un valore in più ed un elemento chiaro della nostra identità all’estero.”
Giusto! Un valore de la nostra identità non solo a l’èstaro ma anca in Veneto! E, par conservare e valorizare la lingua, no basta parlarla, bisogna anca scrìvarla!
Podaremo continuare a farlo con Quatro Ciàcoe?

[torna sopra]

 

Archivio
2020 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo Ghemo paura che…
Par festejare i trent’ani de vita, xe stà fate tante bele manifestazion de cultura, tante iniziative par raforzare l’inpegno portà ’vanti dal nostro mensile. Xe stà, però, tegnù sconta la preocupazion che, dopo la festa, ghe sia boconi amari
de Mario Klein
 
Tradission
Leggi l'articolo ’Arda che xe rivà le giostre!
de Luigi Frosi
 
Da Thiene (VI)
Leggi l'articolo L’emigrassion a pìe
Emigrare deventarà, presto, un mestiere...
de Bepin Daecarbonare
 
Da Verona
Leggi l'articolo Za che te si mojo…
de Lucia Cozzolino Masotto
 
Da Verona
Leggi l'articolo I 200 ani de l’Istituto Leonardi
de Lucia Beltrame Menini
 
Da Bovolon (VR)
Leggi l'articolo El vestito de la festa
de Palmira Grela