Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Sergio Bedetti

Da Adria (RO)

È scuminsià le scuole

Quatro Ciàcoe
Oto e vintisinque. Cortile de le elementari pien sgionfo de fiòi: mestre che sìgala, co i elenchi in man, par far sù la so coà: ghè quìi veci, ghè quìi novi, serca quìi ca no ghè; tut’un dafare e mare, pari, noni, zii che sa o che no sa a chi molarghe el piòcaro. Le mestre de prima i è senpre quele più ingatejà: le ga i nomi su i elenchi ma per lo più no le conosse i bocia a ele assegnà. Za, có Dio vole, se riva a far le file, o i s-ciapi, tanto l’è istesso. La canpanela l’è sonà e pian pianelo el cortile se svoda e le aule le se inpenisse. I parenti i se sfanta. El cortile se svoda e scuminsia le lession.
A mesogiorno e qualche minuto i genitori i torna: prima un pochi, po’ nantri pochi, fin che a pochi a la volta se fa sù na bela marùgola che, man man che passa i minuti, se fa senpre più fissa. Qualchedun scuminsia a brontolare: “Varda ti, l’è mesoboto e gnancora i vèrze la porta… Cossa s’i tienli a fare ste mestre? No i è gnancora stufe da stamatina?!” Par la verità le mestre le pol èssere anca sgionfe, ma fin che la canpanela no sona no se va fora da la porta. Finalmente drinnn e se spalanca el porton. Ansi la bidela vurìa spalancare el porton ma quatro sinque sucun, mas-ci e fémene sensa distinsion, i s’à cassà lì davanti par èsser i primi a ciaparse sù la so creatura, paura ch’i ghe la porta via! Come se tuti st’altri i fusse lì par stanpacio. In qualche modo scuminsia a vegner fora i primi; po nantra butà e nantra ancora. El porton deventa più libero e i grandi i lassa ’n bel coridoio vodo sul meso, cussì i fiòi pol vegner fora mèjo e più in pressia. A la fine i è fora da la scuola e po’ dal cortile squasi tuti: genitori e bocia. Resta solo qualche bocia più scalmanà che, nonostante el sigalare de so mare, el continua a córere intornovìa al cortile fasendo zig-zag fra i alberi. A un serto punto el se stufa anca lu e tuti i va a casa a magnare.
Pararìa che fusse finì lì. Ma no l’è vero. I orari inte le scuole no i è più quìi de na volta: oto e mesa-meso boto e s-ciao bela! Ancuò ghè el tenpo normale, quelo cosideto “prolungato” e quelo “pieno”. Se tuto funsionesse ben no ghe sarìa problemi: le fameje a seconda de le so sielte i podarìa portare e tore i so fiòi sensa problemi. Invesse no l’è cussì, almanco int’i primi giorni de scuola, ch’i pol èssere na stimana, quìndese giorni o anca de più. Ghè senpre problemi de aule, de insegnanti, de mense. Lassèvelo dire da uno che inte la scuola el ghè stà fin a sessant’ani. E ’lora succede che bisogna andare prima de l’orario canonico, o dopo, a seconda d’i casi. Se po’ i genitori i à sielto el tenpo “pieno”, che no ’l parte mai dal primo giorno de scuola per mi direta antica esperiensa, a ghe toca fare i giri de sant’Orsola. Porta i bocia a la matina, vai a tore a meso boto, ripòrtai a ’n doposcuola – pùblico o privato che ’l sia, pur che ’l ghe sia – e finalmente verso le sinque del dopodisnà, più o meno, finisse la maratona. E sicome luri – i genitori – el più de le volte i ga inpegni de lavoro con orari fissi, serte inconbense le finisse su la gropa de i noni, de i zii o de le done ch’i ga ’vù par casa quando i bocia i jera più pìculi e ogni tanto i stava a casa da l’asilo o da la scuola materna par colpa de qualche magagna stagionale o ligà a l’età. Fortuna che anca i fiòi i cresse e a un serto momento se pol darghe la ciave in scarsela, cussì i va e i vien sensa tanto più bisogno de assistenza.

[torna sopra]

 

Archivio
2022 21 20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo No ne resta che vardare in sù
Xe un tòco che vardemo basso, parché ne pare che ne manca la tera soto i piè. L’alternativa xe quela de provare a alzare i oci al zielo e sperare che on filo de luce, on lanpo, na sita, on s-ciantiso el ne ilùmina la strada da ciapare
de Mario Klein
 
Da i Coli Euganei
Leggi l'articolo Da na porta a l’altra
de Gemma Bellotto
 
Da Adria (RO)
Leggi l'articolo È scuminsià le scuole
de Sergio Bedetti
 
Da Isola Vicentina (VI)
Leggi l'articolo Personaji de na volta
de Gianni Fioretto
 
Da Verona
Leggi l'articolo Un indorador gran brao
de Giacinta Dall’Ora
 
Da San Bonifacio (VR)
Leggi l'articolo I pronomi de uso… personale
de Enzo Coltro