Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Ugo Suman

Un problema sociale e umano

Xe mèjo sperare...

Un segnale de speranza ne lo regala anche la natura…
Un segnale de speranza ne lo regala anche la natura…
“Ano novo vita nova”. Un modo de dire ancora in uso fra la zente comune, ma che ga perso de colore par la categoria de quei de la tersa età, che ga la speransa più curta de le parole. “Quei de la tersa età”. Qualcun la ga messa fra virgolete come se tratasse de na banda de delinquenti: “Parché i ga un mucio de problemi e i magna le nostre risorse.” Me ga tocà sentire anche questa, durante uno de i soliti dibatiti, de na trasmission televisiva, sul fato che la vita se ga slongà, e questo ga provocà un novo problema sociale. Le categorie altolocate de i statali de cariera, parvìa che i ga le pension scandalose, i consuma un saco de miliardi; quei co pension pìcole i se salva co l’assistensa sanitaria de lo Stato, che vol dire tuti noialtri.
Na volta uno lavorava quaranta ani e consumava sì e no venti de pension. Adesso, da quando i ga inventà le pension prima del tempo – in altre parole, co solo trent’ani de lavoro e anche manco – i magna pension el dopio de i ani lavorà. Se ga roto un mecanismo che no xe più valido e adesso i tenta de slongarlo ancora. Adesso tanti ariva al secolo e lo passa come rìdare, ormai ghe xe tante medissine e cure che se pol dire che uno, quasi quasi el more quando che el vole. Le conossense, le medicine, la chirurgia, la prevension, el benèssere e via discorendo, ga mucià sempre più veci. E sicome da un bel tòco de ani nasse sempre manco putèi, i veci ga fato mucio: i xe diventà un vero problema sociale. Ma sicome gavemo dito prima che questo el gera, el xe ancora, el mese de la speransa, a noialtri no ne resta che continuare a sperare.
Se spera che dentro a sto novo ano vègna fora de i òmani speciali, come i profeti de na volta, che riessa a far nàssare na mentalità umana, politica e sociale, valida par far nàssare na vera unità de intenti e de ‘Valori’ adati a creare na unità nassionale che no ghe xe mai stà. E ghe vol solo questa par fare qualcossa de diverso e de valido che no se ga mai visto prima. Un governo che funsiona par el ben de tuti, sensa privilegi, sensa categorìe intocabili e sensa falsità continue.
Le xe le solite considerassion de quei che no pol far gnente par cambiare, gnanche col voto: la storia de i ultimi sinquant’ani lo ga dimostrà, co na abondansa crudele, che no ga bisogno de prove. E alora xelo tuto nero sto benedeto avenire? Gnanche par sogno! Quei che crede sa, che da la Creassion a i nostri giorni, dopo la note spunta sempre un novo giorno, e no de serto par merito de i òmani: questa xe na Speransa che pol vegnere solo dal de sora de le nuvole, diseva i nostri veci, parché xe là che sta de casa el vero ‘Paron’ de tuto. “Sensa che ’l ghe meta la so santa man – i continuava convinti – no ghe xe altra man de omo che possa giutarne.”
Quando ne i paesi del me tempo, par el primo de l’ano la cesa se impeniva de zente par domardarghe a Dio, col “Veni Creator” la so protession, ne la predica speciale el pàroco spiegava che la nostra Speransa cristiana, bisogna che la gabia de i limiti: no se pol sempre pretèndare el miracolo. Bisogna che ognuno de noialtri se contenta – fasendo del so mèjo – de quelo che la divina Providensa stabilirà; che xe come dire, métarse ne le man del Signore. E dopo el ghe zontava, un poco soridendo par el paragon tera tera: “… parchè se no vegnesse più piova, par dirne una, no ghe sarìa omo che possa fabricarla.” Na verità tanto semplice ma indiscutibile: sensa l’aqua el nostro Pianeta se smorsarìa come na candela, anche par quei de la nostra epoca – ghe zonto mi – specialmente quei presuntuosi che crede che l’omo possa fare de tuto. Basta na piova in più e va soto aqua le costrussion de i òmani. Vien proprio da pensare che xe mèjo metare la nostra Speransa ne le man del Padreterno e fidarse de la So Misericordia.

[torna sopra]

 

Archivio
2022 21 20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo Auguri… ché passarà anca questa!
“Chi vivrà, vedrà” ga dito chel tale in punto de morte, prometendo eredità par tuti. Anca noaltri zercaremo de vìvare par védare cossa ne tocarà in eredità… dopo trent’ani de “bon servizio” a favore del dialeto e de la cultura veneta
de Mario Klein
 
Un problema sociale e umano
Leggi l'articolo Xe mèjo sperare...
de Ugo Suman
 
Le storie de Dinerio
Leggi l'articolo Amicissia desquajà
de Vittorio Ingegneri Dinerio
 
Da Rovigo
Leggi l'articolo El garase de Milio
de Gianni Sparapan
 
Da Verona
Leggi l'articolo Origini del Carneval veronese
de Wanda Girardi Castellani
 
Da la Bassa Veronese
Leggi l'articolo Santina Beltrame la ne conta
de Lucia Beltrame Menini