Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Mario Sileno Klein

Editoriale

Tuti ghemo la nostra crose...
Ghe xe la piena convinzion che la “crose” la xe una de le poche robe, se non l’unica, che no la ghe manca a nissun omo. Par colpa de Adamo o par colpa de Eva, questa sarìa la condana de tute le creature che xe vegnù e che vien al mondo.

Che fadiga… ma quanto amore!
Che fadiga… ma quanto amore!
Messa so sto piano, sta spece de “mal comune mezo gaudio” el ne farìa vìvare con sospeto la nostra vita: parole come “felicità”, “sodisfazion”, “gioia” le finirìa par preocuparne, parché no le pole durare in eterno: “Te lo diséa mi che no la podéa mia continuare cussì; a me la sentéa che dovéa capitare calcossa: la naséa massa ben…”
Se po’ te si on cristian, te la ghè come regola de vita quela che bisogna patire fin che semo qua in sta vale de làgreme, se te voi goadagnarte l’aldelà. Però, anca da sto punto de vista, la vita la xe na condana, na punizion, no on regalo.
Ma, pensàndoghe ben, ne pare che sto modo de rajonare el sia pitosto aretrato, quelo de quando i òmeni i pensava de avere tanti dèi che ghe comandava. Inveze, da domila ani, le idee rivoluzionarie de Cristo le ne ga insegnà che tante de le fadighe, de i sacrifici e de i dispiaseri che dovemo soportare e che consideremo “la nostra crose” altro no i xe che el roerso de la medaja de l’amore.
Na dona che se porta in sen par nove mesi na creatura, che afronta el momento difìssile del parto, che fa i salti del simioto par slevare el fiolo, da quando che la lo teta a quando che ’l se sposa (se ’l se sposa…): se sta “crose” no ’l xe amore… cossa sarésselo?!
On popà che se cata in casa on fiolo “diversamente abile”, e che ’l se dèdica tuto par spianarghe la strada nata piena de buse e de sassi: sta “crose” cossa xela se non amore?!
On fiolo, pien de inpegni co la so fameja, e che ghe va drio a on genitore malandà, avanti co i ani e che no ga pi le so fassine al coerto: cossa xelo sto sacrificio grande, sta pena, sta “crose” se non amore?!
Perdonare l’ofesa ricevù, el dispeto, el tradimento…; soportare l’antipatico del vizin de casa…; mandar zo pi de coalche bocon amaro co sto omo che te ghè in casa e che ga on brazo longo e uno curto…; trategnerse dal spacare i piati e no cavarghe la lengoa a na mojere che taja e cuse… Anca questi xe tipi de pìcole “crose” da portare in spala ogni giorno.
No xe fàssile acetare on dolore, farse forza davanti a on dispiasere. Ghe vole corajo, tanta pazienza e na bona dose de speranza. Basta pensare a i malà de i ospedài. Ma se par grazia de no sò chi, se riesse a portare la propia “crose”, la xe na gran vitoria.
Ghe xe on proverbio che dise: “Ognuno va in piaza co la so crose e po’ el torna indrìo co la propia.” Difati, se conta che na volta ghe jera on omo che jera stufo del peso de la propia crose e che ’l ga otegnù dal Signore el permesso de nare so on canpo dove ghin jera on desterminio.
E, pròvaghene una, pròvaghene n’altra, a la fine, dopo averle provà tute, el se cata davanti na crose che ghe paréa somejarghe a la soa. El la ga tolta sù, el xe nà a ringraziare el Signore che ’l s’à messo a rìdare: “Caro filiolo, go caro che te gabi catà quela che fa par ti… però varda che la xe quela che te portavi prima!”
L’omo el la ga vardà e l’è nà via convinto che forse la so “crose” e la so vita le jera manco pesante de altre. Semo dunque convinti che tuti ghemo la nostra crose, parché tuti zerchemo la stessa roba: l’amore. Da dare e da ricévare!

[torna sopra]

 

Archivio
2022 21 20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo Tuti ghemo la nostra crose...
Ghe xe la piena convinzion che la “crose” la xe una de le poche robe, se non l’unica, che no la ghe manca a nissun omo. Par colpa de Adamo o par colpa de Eva, questa sarìa la condana de tute le creature che xe vegnù e che vien al mondo.
de Mario Sileno Klein
 
A pensarghe ben…
Leggi l'articolo De drìo de ’a porta
de Antonio Giraldo
 
Monologo ani ’60
Leggi l'articolo El scarparo
de Mario Piccolo
 
Storia venessiana
Leggi l'articolo El corno del Doge
de Armando Mondin
 
Da Adria (RO)
Leggi l'articolo Prima elementare
de Sergio Bedetti
 
Da San Bonifacio (VR)
Leggi l'articolo “I Quaderni di Coalonga”
Storia de ’na publicazion de contrà, nata par scomessa e che la resta senpre viva anca se la crisi la sta sofegando un progno de premi de poesia e tante altre iniziative de natura cultural
de Enzo Coltro