Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Lucia Beltrame Menini

La nostra gente

Andrès Quiroga Sedeño
on spagnolo a casa nostra

Andrès Quiroga Sedeño
Andrès Quiroga Sedeño
Un momento de l’intervista al spagnolo-padovan.
Un momento de l’intervista al spagnolo-padovan.
In sti giorni Papa Francesco l’à dito che “la buona notizia annoia”. Eco parché, senpre secondo lu, i media i dà solo notizie triste, parché quele le fa riciamo.
Mi invezze go qua davanti a mi Andrès Quiroga Sedeño, originario de Çeuta, in te ’l Marocco spagnolo, ma che vive a Padova da quasi mezo secolo. Pensionato, co le so 70 primavere, ma ancora zóeno e prestante de aspeto co ’l so fisico suto e muscoloso da butel. Sposà co na padovana de zoca, prima de la pension, l’à fato mile laori fin che, par ultimo, l’è rivà a la Casa della Provvidenza (el Cotolengo) de Sarmeola de Rubano. A sto punto, ghe domando:
− Come e quando èlo rivà nel nostro Veneto?
“Beh, alora gavéa vint’ani. Son partìo da Çeuta, ’ndo’ stava de casa par girar el mondo; me son inbarcà su le nave come radio-telegrafista. Son stà in tante parte del mondo; la me ultima traversata l’è stà fin in Australia, dove son restà là par du mesi. Tornando da l’Australia la nave l’era rivà, dal Canale de Suez, al Golfo Persico par via del petrolio, direta dopo in Europa. Nel me girovagare, par vari motivi, ò tocà tanti posti: Oslo, South Hampton, Barcellona, Marina de Ravenna, dove ghera da scaricare el petrolio. Proprio qua, girando ne sta citadina par du giorni, go conossù Flavia che la jera lì in vacanza: l’è stà on colpo de fulmine; ricordo ben la data: 11 agosto 1966; po’ l’è deventà me mojere.”
− Ma l’alo subito sposà?
“Nò, dopo de sto incontro mi go continuà a fare la vita de nave. Son capità a laorar a Barcellona e lì Flavia la m’à scrito, cussì el 1° magio 1967 son rivà a Padova.”
− Quanti mestieri alo fato?
“On po’ de tuto, considerando che a l’inizio gavéa on po’ de problemi con l’italian che no conossevo: in conceria par du mesi, dopo altri laori ocasionali; po’ go ciapà el diploma, col massimo de i voti, in informatica e so’ stà assunto a la Diemme Caffè. Gò lavorà là par quasi vint’ani in contabilità. A 47 ani go trovà posto de lavoro a la Casa della Provvidenza de Sarmeola de Rubano, che sarìa el Cotolengo: lì go lavorà par nove ani, fin al 1992, quando me fiola Cristiana co so marìo Michele i m’à regalà na neodina de nome Martina. Alora go molà tuto par dedicarme a sta pìcola.”
− El me parla del Cotolengo…
“El Cotolengo… Quanto xe canbià la me vita da quando son ’ndà là: la xe canbià da cussì… a cussì. Ghe jera circa 800 ospiti; a l’inizio laorava in tuti i reparti, conpresi quei con i pi disagiati, indo’ che ghera i ragazzi pi duri. Li drento… mi go dà tanto, ma anca lori i me ga dà tanto, al punto che mi me trovavo mèjo al Cotolengo che fora. No me son mai lamentà del posto indo’ che dovéa andar a laorare; me alzavo a le 7 la matina; prima fasevo i turni: 7-14, 14-21. Dopo un po’ de tenpo jero in un reparto fisso co’ de i tosi abastanza autosuficenti; mi ghe voléa ben e anca lori i me ne voléa.” (Andrès a sto punto el se comove e non ’l ghe le fa a trategnere le làgreme.)
− Sò che l’è tornà da poco a rivédar Çeuta, el so paese de origine…
“Sì, son ’ndà da solo l’ano passà, ma so’ restà deluso: la Çeuta de alora no la ghè più, gnanca geograficamente; xe canbià tuto: gente, strade, posti, tuto…”
− Se séntelo ancora straniero a Padova, opure…
“Son rivà qua a 20 ani, adesso ghe ne go 70, quindi me sento padovan a tuti i efeti.”
− ’Desso che l’è in pension, oltre che fare el nono, cossa falo de speciale da la matina a la sera?
“Da tanti ani, me alzo la matina e fasso i me 20, 25 chilometri a piè, svelto, ogni giorno; traverso canpi, su i argini, in sità, de qua, de là; vao a Montegroto, Saccolongo, Montemerlo, vao dapartuto a piè, meno che la festa che l’è el giorno dedicà al Signore. Cussì nissun me dà i 70 ani che go, parché questo l’è tuta salute: scoltare musica e caminare tute le matine.”
− Ne làsselo on pensiero par i nostri letori?
“Volentieri: ghe digo de no butare mai via el so tenpo; par mantegnérse zóvani ghe xe da fare sport e mai arèndarse; pitosto de sararse in calche bar e magari bere un bicere in più, xe mèjo andar fora a caminare in mezo a i canpi, cussì se conosse e se parla co altra gente e se socializza…”
E noi lo saludemo, ghe disemo grazie e lo lassemo andare par la so solita caminada tra i canpi.

[torna sopra]

 

Archivio
2017 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo A ghe xe poco da rìdare…
La xe na verità. Però a xe on pecato, parché chi ride el xe paron del mondo. E l’omo el pole rìdare solo so sta Tera, parché dopo no ’l podarà pi farlo né a l’inferno nè in purgatorio, e tantomanco in paradiso: no sarìa tanto conveniente. Quindi…
de Mario Sileno Klein
 
Padova che canbia e che resta
Leggi l'articolo La “drogheria”
de Luigi Frosi
 
Da Arzergrande (PD)
Leggi l'articolo Fotografie
de Antonio Giraldo
 
Da Maran Lagunare (UD)
Leggi l'articolo Nasrudin e la mujer
de Bruno Rossetto Doria
 
La nostra gente
Leggi l'articolo Andrès Quiroga Sedeño
on spagnolo a casa nostra
de Lucia Beltrame Menini
 
Da Legnago (VR)
Leggi l'articolo L’ultimo giorno de Carnevale
de Franca Isolan Ramazzotto