Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Mario Sileno Klein

Editoriale

A ghe xe poco da rìdare…
La xe na verità. Però a xe on pecato, parché chi ride el xe paron del mondo. E l’omo el pole rìdare solo so sta Tera, parché dopo no ’l podarà pi farlo né a l’inferno nè in purgatorio, e tantomanco in paradiso: no sarìa tanto conveniente. Quindi…

Na feta de torta, on giozo de vin e… ridi che xe mèjo!
Na feta de torta, on giozo de vin e… ridi che xe mèjo!
Vardando el mondo che xe drio ciapare na bruta piega, magari con sti raduni “oceanici” che inpina le piazze de zente co le sveje in man e che sostiene che xe ora de métare in regola le “unioni civili” e quele tra du òmeni e tra dó done… a vien da piànzare. Epure la prima terapia la xe quela de scopiare a rìdare!
Disemo prima de tuto che rìdare la xe na roba seria, parché pensare positivo conbate el pessimismo, parché “zento pensieri (preoccupazioni) no ghe ne paga uno”, parché tuto el nero e el bruto che se vede… no ’l dura in eterno, parché la tristeza e la rabia no le risolve i problemi. Eco parché xe stà dito de no spetare a rìdare có saremo felici, ma pitosto de rìdare par èssare felici.
In sto mese ghe ne vedaremo de tuti i colori: l’alegrìa de i ultimi dì de Carnevale, la festa de l’amore par San Valentin e poco prima el Mèrcore del “Memento homo, quia pulvis es et in pulverem reverteris ("Ricordati uomo, che polvere sei e polvere ritornerai"), che vèrze el periodo del digiuno e de la penitenza, in preparazion de la Pasqua.
Tute bone reson par stare sereni e finirla qua e se la cavarìssimo in pressia. Poco da scrìvare e poco da lèzare. Anzi, manco pensieri, manco problemi e, a vardar ben, chi se tole pochi pensieri, ride de pi.
Epure, se sente spesso dire, quasi con rinpianto: “no se ride pi come na volta”, “in fameja no ghe xe pi voja de rìdare”. Lo credo ben, mi: la television ne ga tolto non solo el tenpo de fare quatro ciàcole in fameja, la ne ga anca desmorzà el soriso parché telegiornài, “servizi speciali”, ricerca de persone che se ga perso, massacri e crimini de guera de ieri e de oncò, violenza a tuto nare e sesso a tuto vegnere… i ne fa “nar ’torno la memoria”, come diséa me mama, dona de du sècoli fà, che la voléa solo védare “Lascia o raddoppia?” e el “Festival de Sanremo”.
Ste robe, anca nando contro el nostro caràtere, le ne ga fato deventare aridi, rùsteghi come on bruschin da trepo, brontoloni, scontenti e senpre drio criticare, malfidenti e egoisti, ridusendo la voja de raportarse co i altri… magari pa no farghe védare el nostro muso da rabià.
Alora ne toca tornare a dire, par la seconda volta, che rìdare la xe na roba seria, molto seria, che fa ben fisicamente, parché ghe vole 72 muscoli a fare el muso e solamente 12 par sorìdare. Infati, mostra el soriso e te gavarè amici, mostra on muso da pesson e te gavarè rughe so la facia.
La persona che ride, de solito, la xe una che xe in pace con se stessa, una che dà fiducia, e la xe convinta che el mondo no ’l xe perfetto, ma se pole miliorarlo. Ve dirò de più: ghe xe studi statistici che dise che se ghe domandè a diese done qualo che sarìa el so conpagno ideale, 7 su 10 le rispondarìa: “vorìa on omo che me fesse rìdare”. E la dona la sa quelo che la se dise!
Dunque, che le robe le te vaga ben, che le te vaga male: “ridi che ti passa!” e gni volta te te slongarè la vita de du giorni.

[torna sopra]

 

Archivio
2017 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo A ghe xe poco da rìdare…
La xe na verità. Però a xe on pecato, parché chi ride el xe paron del mondo. E l’omo el pole rìdare solo so sta Tera, parché dopo no ’l podarà pi farlo né a l’inferno nè in purgatorio, e tantomanco in paradiso: no sarìa tanto conveniente. Quindi…
de Mario Sileno Klein
 
Padova che canbia e che resta
Leggi l'articolo La “drogheria”
de Luigi Frosi
 
Da Arzergrande (PD)
Leggi l'articolo Fotografie
de Antonio Giraldo
 
Da Maran Lagunare (UD)
Leggi l'articolo Nasrudin e la mujer
de Bruno Rossetto Doria
 
La nostra gente
Leggi l'articolo Andrès Quiroga Sedeño
on spagnolo a casa nostra
de Lucia Beltrame Menini
 
Da Legnago (VR)
Leggi l'articolo L’ultimo giorno de Carnevale
de Franca Isolan Ramazzotto