Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Mario Sileno Klein

Editoriale

Che bruta roba l’indifarenza!
“Quela che me spaventa de pi no xe la violenza de i cativi, ma l’indifarenza de i boni” ga dito Martin Luther King. In realtà, el mondo no ’l xe bruto par tute le cativerie fate da i malvagi, ma par la mancanza de quelo che no vien fato da chi varda e vede senza fare gnente.

Xe bruto che ghe sia chi domanda la carità, ma xe pezo far finta de no védare.
Xe bruto che ghe sia chi domanda la carità, ma xe pezo far finta de no védare.
Dopo che xe finìa la guera (la seconda guera mondiale), una de le conseguenze che ga colpìo tanta gente xe stà na forma de disintaresse e de rifiuto par tuto quelo che podeva voler dire “farse sù le màneghe” e tornare a organizare la vita de tuti quanti insieme. A l’època sto ategiamento vegnéa ciamà “qualunquismo” e fra le varie cause de sta “depression coletiva” vegneva visti i torti subìi, i luti, le paure, le macerie, la miseria, insoma la pèrdita de fiducia in tuto e in tuti, rivando a no reagire e a restare apena a gala so ’l mare de i problemi.
Alora mi gavéa ondes’ani, ma me ricordo che sto fenomeno, che oncò ciamemo “disagio sociale”, el jera deventà on fato politico, on partito co tanto de giornale (L’Uomo qualunque), de grupi, de segreterìe, de comizi eletorali.
Ma no xe de questo che intendéa parlare, solo che me dà l’inpression che tra el qualunquismo de na volta e l’indifarenza de oncò ghe sia na zerta dose de parentela.
La storia insegna che tanta parte del male del mondo xe stà causà da la mancanza de intervento de chi, savendo e podendo, no ga fato gnente par fermare el disastro; podendo parlare, no ’l ga verto boca, lassando che suceda quelo che xe sucesso.
Quante volte sentimo o lezemo su i giornài de robe che sucede a la luce del giorno, in mezo a la gente e nissun che interviene: “Una donna viene gettata a terra in strada, davanti a tutti, e picchiata selvaggiamente senza che nessuno intervenga a fermare il raptus di un uomo, presumibilmente il suo compagno.” La gente che jerà lì la xe restà a vardare la sèna come se gnente fusse e solo la polizia xe vegnù in socorso de la vìtima.
“Donna uccisa nella sua abitazione a Firenze. Un vicino di casa ha sentito le urla provenienti dall’appartamento ma non è intervenuto.” Al de là del continuo massacro de done, come se pol ciamarlo el conportamento del “vicino di casa”?
Ricordo che, qualche ano fà, senpre a proposito de indifarenza, xe stà fato on esperimento par misurare el menefreghismo di fronte a la violenza contro le done. In te on apartamento de on grande condominio xe stà fato sonare a tuta alè de la musica fracassona: i vizini de casa se ga precipità a la porta de l’inquilin rumoroso par farlo desmétare. Senpre te ’l stesso apartamento, qualche tenpo dopo, i ga fato finta che sucedesse na lota furibonda tra marìo e mojere (tuto, naturalmente registrà so on nastro): nessuno de i vizini de casa xe intervegnù, pur sentendo i urli de disperazion de la dona.
Se podarìa continuare fin doman, ma la domanda xe: quanta violenza, quanti omicidi, quanti disastri, quante brute azion ga da vegnere fati parché se ameta che ghe xe on problema sociale, quelo de l’indifarenza?
Purtropo xe senpre pi forte el bisogno de scaricare la responsabilità su i altri, disendo: “ma sì, che ghe pensa coalche altro!” e se deventa indifarenti e menefreghisti: “mi no me intaressa, no le xe robe che me riguarda” e se tiremo la zapa su i piè! Sì, parché l’indifarenza el xe on male devastante, vol dire mancanza de intaresse, de entusiasmo e de volontà. Chi vive sto stato d’animo, na roba vale l’altra, no ’l xe bon de sèliare e, in conpenso, ghe toca subire.
La vita xe piena de ste situazion de indifarenza e a l’orizonte del mondo se presenta un grave perìcolo: la globalizassion de l’indifarenza, l’abituarse a l’indifarenza, on vero disastro par tuta l’umanità. Come se pole arginare on cossì grave perìcolo? Solo con l’umanità e la solidarietà.
L’omo, in tuti i cantoni de la Tera manifesta el so bisogno de l’altro; xe quindi on dovere morale quelo de organizare la propia vita anca par el ben de i altri, come senpre ne ricorda Papa Francesco. Ricordémose che, al de fora de sta strada, se volemo avere on futuro, no se va da nissuna parte.
Tuti noantri a ghemo na testa e dó man: la prima ga da ’jutarne nel fare le selte giuste, le seconde le ga da farne fare calcossa anca par i altri.

[torna sopra]

 

Archivio
2017 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo Che bruta roba l’indifarenza!
“Quela che me spaventa de pi no xe la violenza de i cativi, ma l’indifarenza de i boni” ga dito Martin Luther King. In realtà, el mondo no ’l xe bruto par tute le cativerie fate da i malvagi, ma par la mancanza de quelo che no vien fato da chi varda e vede senza fare gnente.
de Mario Sileno Klein
 
Su la strada de le spessie
Leggi l'articolo La canela
… un profumo che te fa ’ndare in dóe!
de Luigi Frosi
 
Zente de Padova
Leggi l'articolo Dolores Grigolon
de Arturo Baggio
 
Tesori venessiani
Leggi l'articolo Tra storia e fantasia
de Armando Mondin
 
Da Lendinara (RO)
Leggi l'articolo Prima de parlare…
de Laura Viaro
 
Da Verona
Leggi l'articolo Adelchi
de Mirco Castellani