Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Mario Sileno Klein

Editoriale

Che belo el silenzio…
El silenzio el xe la roba pi straordinaria che esista in natura: no ’l xe solo mancanza de rumore, el ga na infinità de significati, el pole èssare studià e interpretà filosoficamente o artisticamente, ma senpre el vole dire: tasere, non parlare, pensare, concentrarse, scoltarse. Solo cussì nasse idée nove, decision inportanti e risposte sicure.

Quatro Ciàcoe
Par capire l’inportanza del silenzio, partimo da calcossa de concreto: quando du se vol ben, el momento pi belo del so amore xe quando le parole cede el posto a l’intimità silenziosa: in silenzio se condivide el pensiero, le sensazion, la passion… e tuto el resto che ghe va drio. Eco che in amore el silenzio ga pi valore de le parole, el xe on fiume che trasporta pajete d’oro al posto de roejoti de parole.
Quanto belo xe nare in montagna, scarpinare tra i fiori e nel verde de i prà, a on tiro de s-ciopo da la Casa del Paron, e po’ dopo nare drento te ’l bosco a rancurare mirtili, lanponi, nosele e fràgole selvàdeghe, senza mai che quei o queste te diga calcossa, anca se, in realtà i te dise pi de calcossa, solo che i te lo dise tasendo: i te parla co i so colori, la forma, el profumo, el saore…
Purtropo, propio in sti posti de incanto e de tranquilità, anca ’desso che dovarìa èssarghe la crisi, a te cati on fraco de zente sbraitona, agità cofà on bisso, senpre drio alzare la voce e ucolare par gnente, come se tuti fusse curti de recia. Cussì la voja de ponsare la mente, el pi de le volte, el resta on desiderio incontentà.
Cussì la to vita che ga bisogno de tenpi “morti” la resta sbasìa, parché ghe manca el silenzio interiore, quelo che viene definìo “la solitudine de l’anima”, chela condizion che, ’lontanàndose da la confusion, dal bordelo che ne circonda, el permete na serena concentrazion.
No xe che ocora sararse te on convento par rivare a sto tipo de silenzio; basta rèndarse conto che, in determinate robe, a ghemo perso el senso de la misura: in casa television e radio senpre tacà, in màchina la musica che va, in uficio on sotofondo che te indormeza, ne i centri comerciali publicità sonora, ne le sale d’atesa de i anbulatori musica che va a tuto spiano, in pizerìa o al ristorante non te poi pi gnanca parlare con chi che te ghè davanti, parfin in cesa l’è tuto on bisbejo. A semo continuamente soto bonbardamento de rumori.
Co na socetà che vive de “rumore”, che ne òbliga a subire ogni tipo de bordelo, ne vien da dire che ghe xe bisogno de la cultura del silenzio par inparare da novo a scoltare le parole.
E pensare che la forza che fa mòvare i pensieri xe propio el silenzio, chela spece de fojo bianco dove la mente, l’ànema, i sentimenti, i progeti, i boni propòsiti i mete zo la bruta copia de quelo che dopo deventarà el risultato del fare. Solo nel silenzio i pensieri i ghe la fa a portar fora da la porta in sbacio del zarvelo le idée, le intuizion, le risposte, i lanpi de genio, i slanci de fede e de corajo da métare ne la betoniera par otegnere l’inpasto che liga i pìcoli e grandi gesti de ogni giorno.
Qualchedun ga definìo el silenzio “na lavagna”, dove el gesso del pensiero scrive i nomi de le persone care, el fa el disegno de le so figure, i volti, i sorisi, i gesti… El xe na spece de schermo da cinema muto, dove riconpare le sène del film de la vita: te rivedi l’infanzia, i zoghi, i conpagni de scola, le prime cote, el primo incontro co la morosa, el matrimonio, la fameja, i fiòi picenini e po’ grandi… Tuto dono del silenzio.
Ne la tradizion cristiana la pratica del silenzio la ’juta a dire na orazion senza vèrzare boca, la te mete in contato co ’l to Dio, la te lo fa védare, incontrare e umilmente adorare. Dio stesso el xe silenzio. Quante volte no ghemo sentìo i nostri veci dire: “Ma, Dio, dove sito? No te senti che te ciamo? Parla! Dime calcossa che me indriza sta vita!...” E Dio no ’l parla, el risponde solo co ’l so silenzio.
La Bibia stessa ne ricorda che: “Come un uomo non può vedere il suo viso nell’acqua torbida, così anche l’anima, se non è sgombra da pensieri rumorosi, non può leggere l’immagine di Dio e delle cose buone”, che, tradoto te ’l nostro parlare s-ceto, vorìa dire: “Prima de parlare, tasi!”

[torna sopra]

 

Archivio
2022 21 20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo Che belo el silenzio…
El silenzio el xe la roba pi straordinaria che esista in natura: no ’l xe solo mancanza de rumore, el ga na infinità de significati, el pole èssare studià e interpretà filosoficamente o artisticamente, ma senpre el vole dire: tasere, non parlare, pensare, concentrarse, scoltarse. Solo cussì nasse idée nove, decision inportanti e risposte sicure.
de Mario Sileno Klein
 
Da San Giorgio in Bosco (PD)
Leggi l'articolo No se scherzha cu i esami
de Luigi Antonio Zorzi
 
Da i Coli Euganei
Leggi l'articolo El cavadenti de stiani
de Gemma Bellotto
 
Turismo e degrado venessian
Leggi l'articolo ’A nàssita e ’a fine de Venessia?
de Armando Mondin
 
Da Vicenza
Leggi l'articolo Na bala passà in pressia
de Ines Scarparolo
 
Da Verona
Leggi l'articolo Erasmo da Narni: el Gattamelata
de Mirco Castellani