Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Emanuele Bellò

Da la Marca

I bòssoli decorài

Quatro Ciàcoe
In ocasion del Çentenario de la prima guera mondial se pol trovar su i mercatini cimeli e reperti de ogni tipo, da le divise a i residuati, da i documenti a i diari, da le fotografie inedite a fiaschi e bosse recuperài da i scavi in trincea. I articoli pi richiesti da i apassionài xe sicuramente i bòssoli de pìcolo o medio calibro decorài a sbalso co motivi floreali o zoomorfi e da scrite-ricordo.
Scriveva a ’sto riguardo el giornalista Sandro Zanotto nel so articolo Il rame nel mondo contadino veneto: “L’artigianato del rame nel Veneto ha una singolare ripresa, esclusiva dell’area trevigiana, durante la guerra 1915-18. Nei numerosi campi di concentramento militari i prigionieri di guerra dell’esercito austriaco si dedicarono a lavorare i bossoli d’artiglieria. Da quelli di piccolo calibro, spesso in rame, ricavavano accendisigari, dalle corone in rame dei proiettili ricavavano braccialetti e dai bossoli d’ottone dei medi calibri ricavavano vasi da fiori elegantemente sagomati e ornati in stile liberty e quest’ultimo genere ebbe una straordinaria fortuna, tanto che ancor oggi sulle vecchie tombe nei cimiteri di campagna si possono trovare vasi che prima servirono a lanciare proiettili. I più vecchi di noi ricorderanno di questi vasi nelle case dell’infanzia e nei negozi di fioraio di un tempo.”
In realtà la lavorassion de i bòssoli la jera nata za in trincea quando che i soldài, par passar el tenpo ne le pause snervanti fra un conbatimento e l’altro, i incideva i bòssoli co un ciodo o la ponta dela bajoneta par far de i disegni o de le scrite: se tratava de sènplici motivi geometrici come losanghe o greche o anca el nome de l’autor e la data, in modo da crear ’na spece de souvenir de guera da portarse a casa durante le license. Dopo la guera la lavorassion de i bòssoli la xe stada ripresa da i recuperanti che riforniva le numerose boteghe paesane de caldereri e quele anbulanti de i sìngani de la tribù “kaldresh” che ga fato nàssar la tradission veneta de i rami artistici lavorài a martel secondo modèi colti ma anca popolari. Mentre che i sìngani i preferiva le decorassion co figure fantastiche ispiràe a motivi vegetali e ritmi ondulanti co stilizassion astrate de origine oriental, i nostri artigiani i preferiva figurassion floreali e animali, par esenpio rose, stele alpine, fruti e osèi. El motivo pi ricorente de ’ste figurassion el jera quelo del feston ranpicante de èdara che za in epoca classica el figurava su le cope e i vasi destinài al liquor de Bacco che vegneva anca rapresentà co la corona del senpreverde in testa. El motivo de l’èdara el ritorna anca ne i vasi liturgici cristiani come sìnbolo de vita eterna. Su i bòssoli de guera però la rama de èdara, essendo un sìnbolo de la perenità de la vita, la serviva a ribadir anca oltre la morte el legame tra comilitoni, tra chi “jera andà ’vanti” e chi jera restà qua, rinsaldando el pato memorial fra caduti e reduci.
I bòssoli lavorài i ga senpre avùo el favor de i colessionisti e i esenplari pi eleganti i ga pressi notevoli sul marcà antiquario; uno de i colessionisti pi famosi jera l’avocato Gianni Agnelli, che par motivi afetivi el colessionava solo i bòssoli che provegnéa da le fàbriche de la FIAT che figurava tra i pi grossi fornitori del Regio Esercito Italian.

[torna sopra]

 

Archivio
2022 21 20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo Nadale al dì d’oncò
Ma cossa xelo veramente el Nadale? Regài soto l’àlbaro, magnare a pi no pòsso, incontrare amici e parenti? Xelo questo, dunque, el senso del Nadale al dì d’oncò? No ne basta: bisogna calarse drento on passato fato de usanze, tradizion e fede, se volemo riscoprire el vèro spirito del Nadale.
de Mario Sileno Klein
 
Da i Coli Euganei
Leggi l'articolo Nadàe de ieri
de Gemma Bellotto
 
Da la Marca
Leggi l'articolo I bòssoli decorài
de Emanuele Bellò
 
Da Gavello (RO)
Leggi l'articolo La casa de la nona Malia
de Gianni Sparapan
 
Da Lugo de Vicensa
Leggi l'articolo Del camaleonte, del tè e de calcoss’altro
de Giuseppe Segalla
 
Da Verona
Leggi l'articolo Giulieta e Romeo
de Wanda Girardi Castellani e Mirco Castellani