Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Annalisa Pasqualetto Brugin

Da Mestre-Venezia

El libro de i ricordi

Un vecio Libro dei ricordi, ancora senza lucheto.
Un vecio Libro dei ricordi, ancora senza lucheto.
Dó pagine del stesso Libro dei ricordi.
Dó pagine del stesso Libro dei ricordi.
El Libro dei ricordi lo portava la Befana a le tosete de quinta elementar, forse parché tornar a scuola dopo le feste, co ’sto regalo, sarìa stà manco difìssile e tristo; questa gera l'usansa ne la me scuola da le Suore Canossiane de Mestre.
Cussì la matina del 7 de genaio no se vedeva l'ora che sonasse la canpanela de la ricreassion par tirar fora quei pìcoli tesori che dormiva tuti novi dentro la cartela, gera tuta ’na gara a mostràrseli e védar quanto bei che i gera tuti; qualchedun gaveva la copertina de pèle, altri de carton duro, altri de tela in tinta unita, o a fioreti, ma tuti gaveva ’na seradura a prova de curiosi e tante pagine bianche. El mio gera de pèle blu co profili e ghirigori de oro ’torno la copertina, el gaveva el so lucheto e dó ciavete: lo go ancora anca se el xe tuto descolà e fruà .
Aver el Libro dei ricordi voleva dir che se gera deventàe grande, a mesi se gavarìa lassà le elementari e le conpagne de classe, se sarìa ’ndàe a le medie o a le comerciali o a le scuole de aviamento profesional − gera l' ultimo ano che dopo le elementari se podeva ’ndar in scuole diverse, po’ ghe sarìa stà la media unica.
Scopo de ’sto libro gera quelo de farse far un disegneto e ’na dedica da le amighe e conpagne par no desmentegarle più par tuta la vita. Scumissiava cussì tuto un via vai de Libri dei ricordi che pasava da ’na toseta a ’n’altra, se sentìvimo inportanti quando se gera selte par prime, li portàvimo a casa dove se scriveva la dedica a l'amiga, sercando che la fusse diversa da le altre, più bela, più original e che fasesse capir tuto el nostro desiderio de restar nel so cuor, po’ se faseva el disegno che doveva conpletar l'opera. A la fine le frasi gera senpre le stesse, tipo: “Ho scritto il tuo nome sulla sabbia, il mare lo ha cancellato, l’ho scritto sul mio cuore e resterà per sempre”, come da spetàrselo a ’sta dedica vegneva abinà un cuor co el nome scrito sora, altre frasi che tute scriveva gera: “Passeranno i giorni, i mesi, gli anni, ma la mia amicizia per te non passarà mai. Ho gridato il tuo nome al vento, l'amicizia me lo ha riportato. Per te le cose più belle: il sole, la luna, le stelle” con a fianco un gran celo sensa nùvole co stele, luna e sol, e no mancava mai: “Chi trova un amico trova un tesoro...” El momento più emossionante gera có se ghe dava el Libro a la maestra, che co go fato la quinta gera ’na signorina, o a qualche suora, par lore gera de obligo scrìvar ’na frase co racomandassion, auspici e invocassion a qualche Santo e a la Maddalena de Canossa, fondatrice de l'Ordine; el disegno gera un pìcolo capolavoro co violete e gili ’torno un Santin che vegneva incolà.
Anca mi go portà a casa quasi ogni giorno el Libro de le me conpagne de classe, ma no me piaseva scrìvar le solite robe, far el solito disegno de cuori, fiori, stele, bestiole o tramonti; me ronpevo la testa par trovar qualcossa de novo da scrìvar e disegnar qualcossa che podesse piasar e me fasesse davero ricordar, ma no me vegneva gnanca ’na idea, có xe stà in ultima ghe ga pensà me mama, faséndome un poco ragionar la me ga fato pensar a quel che me piaseva, a cossa fasevo mi, ma soratuto a cossa fasevo de diverso o che poche altre faseva, cioè a quelo che podeva distinguarme; sicome da tre ani ’ndavo a scuola de pianoforte, e gero una de le poche che ghe ’ndava, me xe vegnùa in mente la musica. “Brava! − me ga dito me mama − ti ga pensà ben!” El problema adesso gera trovar la frase, e cussì tra un sugerimento e st’altro go scrito: “Sulle ali della musica il mio pensiero volerà sempre a te. La tua amica Annalisa”; de fianco go disegnà un pentagrama co ’na ciave de violin, note svolassanti, fojete, fioreti, oseleti, farfalete de tuti i colori e cuoresini. Gnanca a dirlo la xe stada la dedica più original e tute la voleva, mi me sentivo inportante e orgoliosa, anca se de mio ghe gera pocheto.
Finìa la quinta ’sto Libro, più o manco rovinà lo se meteva in cassela e là el restava, salvo tirarlo fora có se destrigava o có se xe ’ndàe sù co i ani, come mi ’desso.
De ’sti Libri ghe ne go visti ancora ne i centri comerciali, de forma quadrata, co el lucheto e la figura de qualche personagio de i cartoni animati de moda in copertina, cussì ghe ne go conprà uno par la putèa de ’na me nevoda che feniva diese ani, quando ghe lo go dà, la lo ga vardà e la me ga domandà a cossa serviva el lucheto; po’, fintanto che ghe rispondevo, ghe xe rivà un messageto su el so celulare novo de bain: la gera ’na amiga del so “grupo”, ela ga risposto: TVBPS (Ti voglio bene per sempre) seguìo da manine co un déo alsà, par dir tuta la so sodisfassion, e da tuta ’na serie de tondini zali che sarìa viseti, co tute le espression che la se sentiva de métar: uno rideva, uno dormiva, uno se interogava, uno gera contento, uno no gera contento, uno pianseva! Po’ so mama, la ghe ga racomandà de scancelar tuto prima de sera che la memoria gera za piena.
De tuti quei messagi de amicissia no restarà gnente, e mi go pensà al me Libro dei ricordi de pèle blu co i ghirigori de oro, che, roto e consumà dorme su un calto de la librerìa, e a i disegni e dediche che no se scancelarà mai ne le so pagine e nel me cuor.

[torna sopra]

 

Archivio
2018 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo Sognare par èssare felici
I dise che el Carnevale el dura massa poco: forse bisognarìa slongarlo parché, co la so confusion e le so matane provocatorie, l’inpiza la voja de felicità, che ghe n’avemo tanto de bisogno. No podendo canbiare le règole de sta festa, sarà ben dedicarse a la cultura de le bone intenzion par inparare a èssare felici.
de Mario Sileno Klein
 
Zente de Padova
Leggi l'articolo Alessandro Varotari
de Arturo Baggio
 
Da i Coli Euganei (PD)
Leggi l'articolo Cantè, gente! Xe qua Sanremo!
de Gemma Bellotto
 
Da Mestre-Venezia
Leggi l'articolo El libro de i ricordi
de Annalisa Pasqualetto Brugin
 
Da Lendinara (RO)
Leggi l'articolo A go on sosia!
de Renato Scarpi
 
Da la Bassa Veronese
Leggi l'articolo Tanti inverni fà…
de Lucia Beltrame Menini